L’esercizio fisico intenso potrebbe diminuire le difese immunitarie

Un esercizio fisico intenso ed eccessivo potrebbe indebolire il sistema immunitario. Almeno, questo è ciò che suggerisce uno studio che ha analizzato oltre 4.700 molecole di fluidi post-esercizio dei vigili del fuoco

Un esercizio fisico intenso ed eccessivo potrebbe indebolire il sistema immunitario. Almeno, questo è ciò che suggerisce uno studio che ha analizzato oltre 4.700 molecole di fluidi post-esercizio dei vigili del fuoco.

Ciò può essere problematico per quei lavoratori che svolgono lavori costantemente impegnativi dal punto di vista fisico che richiedono intense esercitazioni, come gli operatori di emergenza e gli atleti.

Le persone molto in forma potrebbero essere più inclini alle infezioni virali respiratorie immediatamente dopo un intenso esercizio fisico“, suggerisce il ricercatore biomedico Ernesto Nakayasu del Pacific Northwest National Laboratory (PNNL). “Avere una minore attività infiammatoria per combattere un’infezione potrebbe essere una delle cause“.

Mentre esistono prove evidenti che suggeriscono che un’attività fisica moderata, sul lungo periodo può favorire il sistema immunitario negli individui sani, ciò che accade al sistema immunitario immediatamente dopo un allenamento vigoroso è controverso.

Esistono poche prove attendibili a sostegno dell’affermazione che l’esercizio fisico intenso aumenta il rischio di infezioni opportunistiche, sebbene alcuni studi precedenti abbiano notato infezioni del tratto respiratorio superiore auto-riferite negli atleti, rispetto ai gruppi di controllo, dopo attività faticose. Non è noto se si tratti di correlazioni o causalità.

Per questo motivo, Nakayasu e colleghi hanno testato il plasma sanguigno, l’urina e la saliva di 11 vigili del fuoco prima e dopo 45 minuti di intenso esercizio fisico effettuato trasportando fino a 20 chilogrammi di attrezzi su terreni collinari.

Volevamo dare uno sguardo approfondito a ciò che accade nel corpo e vedere se siamo in grado di rilevare il pericolo derivante dall’esaurimento fisico nelle sue fasi iniziali“, spiega la chimica bioanalitica del PNNL Kristin Burnum-Johnson. “Forse possiamo ridurre il rischio di un esercizio fisico intenso per i primi soccorritori, gli atleti e i membri delle forze armate“.

Non c’è dubbio che l’esercizio fisico faccia miracoli per la nostra salute, dal miglioramento dell’umore al rafforzamento del nostro sistema immunitario ma, come negli studi precedenti, la nuova ricerca ha rilevato possibili segni di soppressione immunitaria nei vigili del fuoco fortemente allenati.

Tra i cambiamenti fisici attesi che aiutano i nostri corpi a mantenere l’aumento di liquidi, energia e ossigeno richiesti dall’esercizio, si è verificata una diminuzione delle molecole coinvolte nell’infiammazione. Ciò è stato accompagnato da un aumento dell’opiorfina, un dilatatore dei vasi sanguigni periferici. Ciò che questi cambiamenti significano in definitiva per la funzione a breve termine del sistema immunitario non è chiaro, ma i ricercatori hanno formulato alcune ipotesi.

L’opiorfina può aumentare il flusso sanguigno ai muscoli durante il regime di esercizio per migliorare l’apporto di ossigeno e sostanze nutritive“, scrivono i ricercatori nel loro articolo. “Abbiamo postulato che la diminuzione delle molecole infiammatorie che abbiamo osservato nella saliva dopo l’esercizio potrebbe rappresentare un meccanismo adattivo per migliorare lo scambio di gas in risposta ad una maggiore domanda di ossigeno cellulare“.

I ricercatori hanno anche rilevato un cambiamento anche nel microbioma orale dei partecipanti. Gli scienziati sospettano che ciò sia dovuto all’aumento dei peptidi antimicrobici trovati nella bocca dei vigili del fuoco dopo la loro intensa attività, forse per compensare la soppressione immunitaria, anche se questa conclusione è contestata.

Questo aumento dei peptidi antimicrobici, tuttavia, non ha avuto alcun effetto sull’inibizione della crescita di E. coli”, spiegano Nakayasu e colleghi, “suggerendo una capacità limitata dei peptidi antimicrobici all’interno della cavità orale di proteggere dalle infezioni dell’ospite“.

Detto questo, altri scienziati sostengono che alcuni dei cambiamenti osservati potrebbero non essere indicatori di soppressione immunitaria ma di un “ intensificato stato di sorveglianza immunitaria e di regolazione immunitaria ”.

Mentre un confronto tra soggetti ha ridotto l’impatto delle dimensioni ridotte del campione, i vigili del fuoco sperimentano esposizioni uniche agli inquinanti durante gli incendi che possono modificare le loro reazioni immunitarie. Inoltre, questo studio ha considerato solo uomini sani e attivi, avvertono i ricercatori, quindi sono necessarie ulteriori ricerche in una comunità più ampia per confermare i loro risultati.

Tuttavia, considerando gli studi precedenti, “ci sono prove a sostegno di una relazione tra lo stress fisico e una maggiore incidenza di infezioni respiratorie“, concludono Nakayasu e il team.

Questa ricerca è stata pubblicata su Military Medical Research.

Articoli più letti

Related articles