14 C
Rome
mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeMedicinaEquazioni, alieni e lotta alla pandemia

Equazioni, alieni e lotta alla pandemia

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

In tanti conoscono l’equazione di Drake sviluppata per calcolare quante civiltà aliene sono presenti nella nostra galassia o, perché no, in tutto l’universo. Questa famosa equazione ha ispirato un nuovo modello che stima le probabilità di trasmissione del COVID-19 .
Il nuovo modello, ispirato all’equazione di Drake, che viene però considerata più un modello statistico, è un’unica equazione con più termini moltiplicati insieme, stima il rischio di trasmissione di COVID-19 attraverso l’aria. Come hanno spiegato gli autori del modello, l”equazione originale, sviluppata nel 1961 dall’astronomo Frank Drake, si basa su sole sette variabili e fornisce una “struttura di facile comprensione” per guardare a qualcosa di apparentemente inconoscibile come il numero di civiltà aliene. Gli autori volevano fornire un quadro simile per comprendere il rischio di trasmissione di COVID-19.
Il coautore dello studio Rajat Mittal, professore presso il Dipartimento di Ingegneria meccanica presso la Johns Hopkins University, ha spiegato in una dichiarazione:
“C’è ancora molta confusione sulle vie di trasmissione di COVID-19. Ciò è in parte dovuto al fatto che non esiste un ‘linguaggio’ comune che renda facile comprendere i fattori di rischio coinvolti. Che cosa deve realmente accadere per essere infettati? Se riusciamo a visualizzare questo processo in modo più chiaro e quantitativo, possiamo prendere decisioni migliori su quali attività riprendere e quali evitare”.
Il nuovo modello, pubblicato il 7 ottobre sulla rivista Physics of Fluids, scompone la trasmissione del COVID-19 in tre fasi: l’espulsione nell’aria di goccioline contenenti virus da una persona infetta; la dispersione di queste goccioline; e l’inalazione di queste goccioline da una persona suscettibile.
Complessivamente, il modello è composto da 10 variabili coinvolte nella trasmissione di COVID-19, tra cui la frequenza respiratoria delle persone infette e suscettibili, la quantità di particelle virali nelle goccioline espirate e la quantità di tempo in cui una persona suscettibile è esposta, afferma la dichiarazione.
Gli autori hanno quindi utilizzato il loro modello, che chiamano il modello di disuguaglianza della trasmissione aerea del contagio (CAT), per stimare il rischio di trasmissione in diversi scenari, inclusi quelli in cui le persone usano maschere facciali o praticano il distanziamento sociale, così come quando le persone fanno esercizio fisico.
Nel modello CAT, se la quantità di virus inalata è maggiore della quantità necessaria per causare l’infezione, l’altra persona si potrebbe ammalare. Un grande avvertimento: Oggi non sappiamo quante particelle sono necessarie per causare un’infezione. Di conseguenza, il modello non può calcolare un rischio assoluto di infezione, ma può solo confrontare il livello di rischio di diverse attività.
Per le maschere facciali, i ricercatori hanno stimato che, a parità di tutti gli altri fattori, uno scenario in cui sia gli individui infetti che quelli suscettibili indossano maschere N95 potrebbe ridurre il rischio di trasmissione di un fattore 400, rispetto a uno scenario in cui entrambe le persone non indossare affatto mascherine. Le mascherine chirurgiche possono ridurre la trasmissione di un fattore 10 e le maschere in tessuto di un fattore 7, se entrambe le parti indossano maschere. In uno scenario in cui le persone praticano un vigoroso esercizio fisico, come in palestra, il rischio di trasmissione sale alle stelle, ha scoperto il modello.
“Immagina due persone sul tapis roulant in palestra; entrambi respirano più forte del normale. La persona infetta espelle più goccioline e la persona non infetta inala più goccioline. In quello spazio ristretto, il rischio di trasmissione aumenta di un fattore 200, rispetto a uno scenario in cui le persone non si esercitano”, ha spiegato Mittal.
Per quanto riguarda la distanza sociale, i ricercatori hanno scoperto che esisteva una relazione lineare tra distanza e rischio di trasmissione.
Come ha spiegato Mitral: “Se raddoppi la tua distanza, generalmente raddoppi la tua protezione. Questo tipo di scala o regola può aiutare a informare la politica”.
I ricercatori fanno notare che volevano che il loro modello fosse semplice e intuitivo in modo che potesse essere accessibile non solo agli scienziati ma ai responsabili politici e persino al pubblico in generale. Riconoscono che il loro modello fa una serie di ipotesi e include variabili sconosciute chiave.
Tuttavia, gli autori sperano che il loro lavoro “possa informare studi futuri che colmeranno queste lacune nella nostra comprensione di COVID-19”, ha detto Mittal.
Fonte: https://www.sciencealert.com/the-famous-alien-hunting-equation-has-been-tweaked-to-predict-coronavius-spread
 
 
 
 

Articoli più letti