Due rari fenomeni in una foto mozzafiato

I "getti blu" sono fenomeni che si manifestano ad alta quota e si sviluppano dalla stratosfera fino al limite della ionosfera, si protendono per decine di chilometri nell'atmosfera terrestre arrivando a sfiorare un'altezza di 100 km

844

Nei cieli delle Hawaii durante una formidabile tempesta avvenuta nel luglio del 2017 si è manifestato un fenomeno affascinante. Una gigantesca scarica elettrica si è manifestata sopra una tempesta di fulmini.

Questo fenomeno, conosciuto come “getto blu” è tanto spettacolare, quanto difficile da osservare perché generalmente si manifesta al di sopra delle nubi temporalesche.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Fortunatamente il fenomeno è stato osservato da un luogo particolare l’altura del Mauna Kea, dove si trova l’Osservatorio Gemini, un luogo di osservazione ideale. La camera che riprende le condizioni meteo del telescopio ha registrato in un timelapse la fitta pioggia di fulmini e in un frame ha registrato l’artiglio che si protende verso l’alto.

I “getti blu” sono fenomeni che si manifestano ad alta quota e si sviluppano dalla stratosfera fino al limite della ionosfera, si protendono per decine di chilometri nell’atmosfera terrestre arrivando a sfiorare un’altezza di 100 km

Il National Optical-Infrared Astronomy Research Laboratory (NOIRLab) ha pubblicato la foto come “immagine della settimana” .

Il fulmine nell’immagine “sembra così ultraterreno che sembra che debba essere un effetto speciale”, ha detto NOIRLab.

Questi fulmini colorati sono noti come sprite rossi e getti blu. Sono estremamente difficili da catturare utilizzando una fotocamera: i flash durano solo pochi decimi di secondo e possono essere difficili da osservare da terra, poiché sono generalmente occultati dalle nuvole temporalesche.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Secondo Peter Michaud, responsabile dell’istruzione e del coinvolgimento per il NOIRLab, gli astronomi della vicina Hilo utilizzano le telecamere del telescopio per tenere traccia a distanza del maltempo che infuria vicino all’osservatorio.

Il sistema di telecamere scatta una foto del cielo ogni 30 secondi.

“Abbiamo visto alcuni altri casi di fenomeni simili, ma questo è stato il miglior esempio di uno sprite nell’atmosfera superiore”.

Cosa sono i fulmini

I normali fulmini sono delle scariche elettriche che si verificano tra due nubi oppure tra una nube e la superficie terrestre e sono causati dalla differenze di potenziale tra i due punti.

Il fenomeno si manifesta con un effetto luminoso (lampo) ed uno sonoro (tuono) che non vengono percepiti simultaneamente dall’osservatore a causa delle diverse velocità di propagazione della luce (300.000 Km/s) e del suono (340 m/s). Il lampo viene visto quasi istantaneamente, mentre il tuono viene udito dopo un intervallo di tempo tanto più lungo quanto più è distante il fulmine.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Due rari fenomeni in una foto mozzafiato


I fulmini sono diversi dagli sprite e dai getti. Sprite e getti si manifestano in punti diversi del cielo e si muovono verso lo spazio. Anche le loro tonalità di colore sono diverse.

Gli sprite rossi sono emissioni ultraveloci di elettricità che si manifestano attraverso le regioni superiori dell’atmosfera – tra i 37 e gli 80 kmì di altezza – e si muovono verso lo spazio.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Alcuni sprite hanno la forma di una medusa, mentre altri, come quello nell’immagine dell’Osservatorio Gemini, sono colonne verticali di luce rossa con viticci che si protendono verso il basso. Questi sono chiamati “carota sprite”.

Stephen Hummel, specialista dei cieli scuri dell’Osservatorio McDonald, ha scattato un’immagine spettacolare di uno sprite medusa da una cresta sul Monte Locke in Texas lo scorso luglio.

“Gli sprite di solito appaiono come strutture grigie, deboli e molto brevi. Devi cercarli per individuarli, e spesso non sono sicuro di averne effettivamente visto uno finché non controllo il filmato della telecamera per avere la conferma”, ha detto Hummel.

Davis Sentman, che ha lavorato come professore di fisica presso l’Università dell’Alaska Fairbanks, ha proposto il nome “sprite” per indicare il fenomeno del fulmine rosso. Sentman ha spiegato che il termine è “adatto a descrivere il loro aspetto”, dal momento che la parola evoca la natura fiabesca e fugace del fenomeno celeste. Sentman è scomparso nel 2011.

I getti blu si manifestano più vicini alla Terra rispetto agli sprite rossi. Queste scariche elettriche a forma di cono sono più luminose degli sprite e si partono dalle cime delle nuvole.

I picchi temporaleschi possono trovarsi ovunque da mezzo chilometro fino a 22 km sopra la superficie della Terra; i getti blu continuano a muoversi verso l’alto fino a raggiungere un’altezza di circa 48 km, a quel punto svaniscono. iI getti blu si muovono a velocità superiori 9,9 km / s.

Sprite e getti possono essere osservati dallo spazio

Quando un normale fulmine colpisce il suolo, tende a rilasciare energia elettrica positiva che deve essere bilanciata da un’energia uguale e contraria in un’altra zona del cielo. Quindi sprite e getti sono le scariche elettriche che bilanciano l’energia emessa dai normali fulmini – ecco il motivo per il quale si manifestano questi fulmini colorati.

“Più potente è la tempesta e più fulmini produce, più è probabile che produca uno sprite”, ha detto Hummel.

A volte gli astronauti possono avvistare sprite e getti dalla Stazione Spaziale Internazionale, a 400 km sopra la Terra.

L’astronauta dell’Agenzia spaziale europea Andreas Morgensen ha registrato in video a colori di sfuggenti getti blu per la prima volta nel 2015. Ha individuato i getti durante le riprese di una tempesta sul Golfo del Bengala in India.

Gli scienziati hanno successivamente utilizzato il filmato come parte di uno studio del 2017.

Le osservazioni di Morgensen “sono le più spettacolari nel loro genere”, hanno scritto gli autori dello studio.