USA, un cratere vulcanico potrebbe contenere un vasto giacimento di litio

Un vastissimo deposito di litio è stato trovato lungo il confine tra Nevada e Oregon. Secondo una nuova analisi, esso potrebbe soddisfare la crescente domanda di questo metallo

0
553
USA, un cratere vulcanico potrebbe contenere il più vasto giacimento di litio
USA, un cratere vulcanico potrebbe contenere il più vasto giacimento di litio

Secondo una nuova analisi, la scoperta di un ricchissimo giacimento di litio al confine tra Nevada e Oregon potrebbe soddisfare la crescente domanda di questo metallo. Si stima che in un cratere vulcanico formatosi circa sedici milioni di anni fa si trovino dalle venti alle quaranta milioni di tonnellate di litio metallico.

Questo è notevolmente il più grande dei depositi di litio trovati finora ai quattro angoli della Terra, superando anche i depositi trovati sotto una distesa di sale boliviana, precedentemente considerata il più grande deposito del mondo.

Anouk Borst è geologo presso l’Università KU Leuven e il Museo reale per l’Africa centrale a Tervuren, in Belgio. L’esperto ha commentato la scoperta tramite alcune dichiarazioni riportate da Chemistry World: “Se si crede alle loro stime approssimative, si tratta di un deposito di litio molto, molto significativo. Potrebbe cambiare le dinamiche del litio a livello globale, in termini di prezzo, sicurezza dell’approvvigionamento e geopolitica”.

Il giacimento di litio nella caldera McDermitt 

Una nuova analisi in situ rivela che un’insolita pietra argillosa, composta dal minerale illite, contiene dall’1,3% al 2,4% di litio nel cratere vulcanico. Si tratta di quasi il doppio del litio presente nel principale minerale argilloso contenente litio, la smectite di magnesio , che è più comune dell’illite. Alcune condizioni insolite hanno creato quello che potrebbe essere un deposito vulcanico straordinariamente ricco.

Il cratere – la caldera McDermitt – si è formato 16,4 milioni di anni fa quando circa 1000 km 3 di magma sono esplosi verso l’esterno. La caldera era piena di prodotti eruttati di un magma alcalino ricco di sodio e potassio , oltre a litio, cloro e boro . Questa si raffreddò rapidamente per formare una roccia vulcanica vetrosa finemente cristallina, l’ignimbrite, che si inalterò producendo particelle ricche di litio.



I risultati della nuova analisi

Successivamente nel cratere si formò un lago, che persistette per centinaia di migliaia di anni, con materiali vulcanici e circostanti alterati che formavano un sedimento ricco di argilla sul fondo. La nuova analisi ha suggerito che, dopo che il lago si era svuotato, un altro attacco di vulcanismo ha esposto i sedimenti a una salamoia calda e alcalina, ricca di litio e potassio.

Il passaggio dalla smectite all’illite

“Ricerche precedenti presupponevano che l’illite fosse ovunque in profondità nella caldera”, afferma Thomas Benson, geologo della Lithium Americas Corporation, e si fosse formata quando le alte temperature e pressioni trasformarono la smectite in illite. Il team di Benson ha proposto che uno strato di illite spesso circa 40 metri si formasse nei sedimenti del lago a causa di questa salamoia calda. Il fluido si è spostato verso l’alto lungo le fratture formatesi alla ripresa dell’attività vulcanica, trasformando la smectite in illite nella parte meridionale del cratere, Thacker Pass. Il risultato fu una pietra argillosa ricca di litio.

“Si tratterebbe di un’alterazione in più fasi della smectite contenente litio in illite, in cui i fluidi idrotermali arricchirebbero le argille in potassio, litio e fluoro” dice Borst. “Sembra che abbiano raggiunto il punto giusto in cui le argille sono conservate vicino alla superficie, quindi non dovranno estrarre tanta roccia, ma non è stata ancora erosa dalle intemperie”. Il materiale potrebbe essere meglio descritto come “un po’ simile all’argilla marrone del vasaio”, afferma Christopher Henry , professore emerito di geologia presso l’Università del Nevada a Reno. “È estremamente poco interessante, a parte il fatto che contiene così tanto litio”

Conclusioni

“C’è stata molta ricerca per ulteriori depositi [di litio]”, aggiunge Henry. “Gli Stati Uniti hanno solo una piccola attività di produzione di salamoia in Nevada”. Henry non è del tutto d’accordo con la storia del cratere recentemente proposta, poiché la datazione isotopica ha mostrato che lì esisteva un lago fino a 15,7 milioni di anni fa, ma il sistema vulcanico si estinse entro 16,1 milioni di anni. La nuova sequenza temporale richiederebbe un’attività vulcanica più lunga di quanto suggeriscono le prove, spiega.

2