Il più grande cratere di Titano potrebbe essere stato una culla ideale per la vita

Gli scienziati, sin dal 2012, ritengono che vi sia un oceano a circa 100 chilometri sotto la crosta di Titano. Questa idea deriva dalla misurazione delle variazioni della vista nelle maree della luna effettuate dalla sonda Cassini

0
1026

La gelida luna di Saturno, Titano, ha a lungo incuriosito gli scienziati alla ricerca di vita nel Sistema Solare. 

La sua superficie è rivestita di idrocarburi organici e si pensa che la sua crosta ghiacciata copra un oceano acquoso. Un asteroide o una cometa, schiantandosi contro la luna, potrebbero teoricamente mescolare questi due ingredienti, secondo un nuovo studio, con i crateri da impatto risultanti che forniscono un luogo adatto per la nascita della vita.

L’idea è “molto eccitante“, afferma Léa Bonnefoy, planetologa ed esperta di Titano presso l’Università di Parigi. “Se hai molta acqua liquida che crea una pozza calda temporanea sulla superficie, allora puoi avere condizioni favorevoli alla vita“, dice. E, “Se hai materiale organico che si mescola con l’acqua dell’oceano, allora questo oceano potrebbe diventare abitabile“.

Gli scienziati, sin dal 2012, ritengono che vi sia un oceano a circa 100 chilometri sotto la crosta di Titano. Questa idea deriva dalla misurazione delle variazioni della vista nelle maree della luna effettuate dalla sonda Cassini. 

I crateri da impatto di Titano

Alvaro Penteado Crósta, geologo planetario dell’Università di Campinas, sapendo che la superficie di questa luna è piena di crateri da impatto di grandi dimensioni, ha voluto verificare se qualcuno di quegli impatti sia stato abbastanza grande da perforare la crosta e mescolare il materiale organico della superficie con l’acqua sottostante. Ciò potrebbe aver prodotto “una zuppa primordiale adatta per lo sviluppo della vita“.

Per scoprirlo, lui ed i suoi colleghi hanno modellato l’impatto che ha generato il più grande cratere della luna, Menrva largo 425 chilometri, che si pensa si sia formato 1 miliardo di anni fa. Il modello ha suggerito che il cratere sia il risultato dell’impatto di una roccia spaziale larga 34 chilometri che ha colpito la superficie a 7 chilometri al secondo.



secondary Crater Menrva 1000p
L’impatto che ha reso Menrva, il più grande cratere di Titano, potrebbe aver perforato la crosta ghiacciata della luna. NASA

Il calore  dell’impatto potrebbe aver creato un lago nel cratere, secondo il modello che il team ha presentato questa settimana alla Lunar and Planetary Science Conference. Il lago, probabilmente è esistito solo per 1 milione di anni prima di congelarsi, ma Penteado Crósta afferma che questo potrebbe essere stato un tempo sufficiente per far evolvere microbi, sfruttando l’acqua liquida, le molecole organiche e il calore dall’impatto. “È abbastanza buono per i batteri“.

Sebbene la ricerca del team si sia concentrata su Menrva, Penteado Crósta afferma che è possibile che impatti minori siano stati sufficienti per sfondare il guscio di ghiaccio di Titano, forse anche Selk, un cratere di 90 chilometri di larghezza a circa 5000 chilometri di distanza. 

Si pensa che Selk sia molto più giovane di Menrva, forse solo poche centinaia di milioni di anni, il che potrebbe implicare che qualsiasi prova di vita lì sarebbe più recente. “Selk potrebbe avere più possibilità di avere una sorta di batteri fossilizzati conservati nel ghiaccio“, dice Penteado Crósta.

Selk è il sito di atterraggio previsto per la missione Dragonfly della NASA, un drone autonomo ad energia nucleare che verrà lanciato nel 2027 e arriverà su Titano 2036. Se l’impatto avesse rotto la crosta di ghiaccio qui, la missione potrebbe scoprirlo.

Ma Elizabeth Turtle, ricercatrice principale per la missione Dragonfly presso il Laboratorio di fisica applicata della Johns Hopkins University, non è così sicura che sia così. “Non ci sono prove evidenti che suggeriscano che l’impatto abbia spaccato la crosta“, dice.

Tuttavia, Dragonfly potrebbe visitare altri crateri in una missione estesa. E anche se Menrva potrebbe essere troppo distante quella missionew, in futuro potrebbe essere considerato un interessante sito di atterraggio, conclude Penteado Crósta.

2