Cratere Batagay: la porta dell’inferno si sta allargando

Il Cratere Batagay, formatosi nel 1960 a causa del disboscamento, si sta allargando sempre di più per via del cambiamento climatico

Il Cratere Batagay si trova nella taiga siberiana dell’estremo oriente (cioè la foresta boreale). È una fossa lunga 1 chilometro in rapida crescita. Gli scienziati la chiamano “mega crisi“. Il cratere in espansione evidenzia i rapidi cambiamenti che si verificano anche nella geologia della Terra, così come i cambiamenti climatici della Terra in questo secolo.

Cratere Batagay
Cratere Batagay: la porta dell’inferno si sta allargando

Come si è sviluppato il Cratere Batagay

Il Cratere Batagay si è formato per la prima volta dopo che l’area è stata bonificata dal legname negli anni ’60. Ora si sta espandendo ad una velocità di circa 10 metri (33 piedi) all’anno. Reuters ha detto: “Il cratere ha iniziato a formarsi dopo che la foresta circostante è stata abbattuta negli anni ’60. Il permafrost sotterraneo ha iniziato a sciogliersi, facendo sprofondare la terra”.

Gli scienziati sanno da tempo che l’Artico si sta riscaldando più velocemente del resto del globo. E questa parte della Russia, a circa 67 gradi di latitudine nord, si sta riscaldando a un ritmo 2,5 volte più rapido rispetto alla media globale.

Cratere Batagay
Cratere Batagay: la porta dell’inferno si sta allargando

Circa 2/3 del territorio della Federazione Russa sono ricoperti dalla tundra ghiacciata. In altre parole, è coperto dal permafrost il cui nome deriva da “permanente” e “gelo”, ora definito come terreno che rimane costantemente al di sotto di 0 gradi C (32 gradi F) per due o più anni. È noto che il permafrost immagazzina enormi quantità di gas serra. Questi gas vengono rilasciati nell’aria quando il terreno si scioglie.

La crescita del Cratere Batagay

Il Cratere Batagay (a volte chiamato anche Cratere Batagaika) non è affatto un cratere. Piuttosto, si tratta di un crollo del disgelo regressivo (RTS) o di un abisso sempre più ampio causato, come accennato in precedenza, dal disgelo del permafrost e dal rapido cedimento del terreno: fondamentalmente una frana al rallentatore.

È il più grande RTS al mondo e le sue dimensioni in continua espansione, che attualmente ammontano a più di 87 ettari, lo qualificano per la classificazione di “megaslump”, un RFS più grande di 20 ettari.

Il cratere Batagay ha iniziato a formarsi a metà del 1900 ed è stato osservato per la prima volta su immagini satellitari degli anni ’60. Il mega crollo, ora “a forma di girino gigante”, è stato probabilmente inizialmente innescato non solo dal disboscamento ma anche dal passaggio di veicoli cingolati fuoristrada che si muovevano attraverso la delicata tundra durante l’esplorazione mineraria, spiega.

I veicoli e il taglio raso hanno distrutto la vegetazione, che “funge come una coperta isolante, mantenendo fresco il permafrost”. Una volta scomparsa quella copertura, l’erosione del suolo ha spazzato via lo strato superiore del terreno, esponendo il permafrost agli elementi.

Circa il 15% del territorio dell’emisfero settentrionale è ricoperto di permafrost e la regione settentrionale del permafrost contiene fino a 1.600 milioni di tonnellate di carbonio organico, il doppio di quello attualmente presente nell’atmosfera, secondo la National Oceanic and Atmospheric Administration.

A causa del cambiamento climatico, l’Artico si sta riscaldando tra 2,5 e 4 volte più velocemente rispetto al resto del mondo, e il permafrost si sta degradando e scongelando in tutto il mondo. La mega crisi del cratere Batagay è un segnale particolarmente evidente del riscaldamento globale causato dall’uomo.

Da quando è apparso per la prima volta sul paesaggio come una stretta fenditura, si è espanso ogni anno secondo un caratteristico schema a ferro di cavallo, crescendo più rapidamente sulla parete superiore del pendio, dove il limo e il terreno scivolano via più facilmente, ha affermato Antoni Lewkowicz, Professore emerito presso il dipartimento di geografia dell’Università di Los Angeles e l’Università di Ottawa in Canada.

Quando il permafrost esposto si scioglie, il terreno contenuto al suo interno si ammorbidisce trasformandosi in fango e collassa su se stesso, scorrendo a valle nei corsi d’acqua e nei fiumi locali insieme al ghiaccio sciolto.

Cratere Batagay

Questa espansione sta avvenendo rapidamente. Tra il 1991 e il 2018, la testata alta 54,864 metri si è ritirata fino a 11,2776 metri all’anno e fino a 29,8704 in alcuni casi, secondo uno studio che pubblicato sulla rivista Geomorphology.

In totale, secondo la nuova ricerca, il cratere Batagay ha perso 34,6 milioni di metri cubi di materiale, compreso il ghiaccio macinato e il terreno scongelato, rilasciando complessivamente circa 169.500 tonnellate di carbonio organico (~ 4-5.000 tonnellate ogni anno). Queste stime del carbonio possono aiutare gli scienziati a comprendere meglio le conseguenze sul clima e sul paesaggio del disgelo del permafrost.

I nostri risultati dimostrano quanto velocemente si verifica il degrado del permafrost quanto dinamicamente cambiano le morfologie nelle sue aree“, ha spiegato Alexander Kizyakov, autore principale dello studio e glaciologo presso l’Università statale di Mosca Lomonosov in Russia.

Kizyakov e i suoi coautori hanno utilizzato tecniche di telerilevamento, immagini di droni e carote di suolo e ghiaccio per arrivare alle loro stime complete e aggiornate. I risultati fanno luce su questo particolare megacrollo e migliorano anche la nostra comprensione di come gli RTS si evolvono più in generale, afferma Roger Michaelides , geofisico della Washington University di St. Louis, che non è stato coinvolto nello studio.

Conclusioni

Sebbene le dimensioni del cratere Batagay siano notevoli, le formazioni RTS non sono rare e stanno diventando sempre più comuni. Crolli di disgelo possono essere riscontrati in tutto l’Artico, in particolare in alcune parti della Russia settentrionale, del Canada e dell’Alaska.

Non esiste un conteggio ufficiale, ma negli ultimi 30 anni le crisi “si sono moltiplicate”, afferma Lewkowicz che ha condotto anni di ricerche sull’isola di Banks nei territori del Nordovest del Canada.

La maggior parte del degrado del permafrost è nascosto e avviene sottoterra attraverso un sottile e lento approfondimento dello strato attivo di terra non ghiacciata che si trova sopra il permafrost, ma gli RTS sono un indicatore particolarmente evidente di un clima e di un paesaggio in cambiamento.

Cratere Batagay

I crolli del disgelo sono indicatori del cambiamento che sta avvenendo in tutto il mondo del permafrost”, ha concluso Lewkowicz: “Sono geomorfologia in azione, come osservare le onde durante una tempesta, sono siti in cui “possiamo effettivamente vedere la superficie terrestre fare qualcosa“.

Articoli più letti

Related articles

1 Comment