Le conseguenze sociali della pandemia: cosa prevedono gli esperti

Prevedere cosa succederà dopo la pandemia è difficile, dunque resta ancora una questione aperta se i comportamenti sociali che davamo per scontati, come stringere la mano, toccarsi e abbracciarsi, torneranno a far parte delle nostre abitudini

Mentre il tempo scorre, si è tentati di chiedersi dove stiamo andando una volta che la pandemia sarà solo storia.

Le seguenti previsioni non sono ovviamente certezze, e non dovrebbero esserlo, ma sollevano alcune possibilità provocatorie.

Dopo la pandemia, secondo gli esperti

L’opinione di John Barry, storico, Tulane University, autore di “La grande influenza: storia della pandemia più mortale della storia“.

Ciò che vedremo nei prossimi sei mesi avrà un impatto sproporzionato su ciò che accadrà in un futuro più lontano.

Se i vaccini sono molto efficaci, se l’immunità dura qualche anno, se vengono utilizzati farmaci terapeutici altamente efficaci per le cure, se abbiamo un ampio uso di test antigenici rapidi a basso costo (che possono assicurare alle persone che gli altri intorno a loro sono al sicuro), prevedo relativamente pochissimi cambiamenti diversi da quelli più ovvi, come il lavoro da casa e una progressiva scomparsa delle piccole imprese.

Se il virus rimane una minaccia, i cambiamenti potrebbero essere profondi, tutti derivanti da una de-densificazione, se esiste una parola del genere, della vita in generale. Questa tendenza influenzerebbe il luogo e il modo in cui le persone vivono e lavorano, il mercato immobiliare, le pratiche immobiliari commerciali e il design degli interni degli edifici. Ci sarebbero più auto e meno trasporti di massa.

Aumento della divisione politica e disuguaglianza economica

L’opinione di Katherine Hirschfeld, antropologa medica, Università dell’Oklahoma, autrice di “Stati gangster: criminalità organizzata, cleptocrazia e collasso politico“.

I cambiamenti che credo molto probabili includono l’aumento della divisione politica e l’aumento della disuguaglianza economica negli Stati Uniti e altrove, con la scienza di base dell’epidemiologia e della salute pubblica attaccata e minata dalle teorie del complotto diffuse sui social media.

Se un vaccino efficace viene sviluppato e diventa ampiamente disponibile, la pandemia si contrarrà, ma l’ambiente sociale continuerà a supportare nuovi focolai di malattie. Non c’è motivo di presumere che un mondo post-COVID 19 sarà un mondo post-pandemia.

Questa teoria potrebbe suonare insolitamente cupa, probabilmente dovuta ai miei anni di ricerca che esplorano i conflitti post-sovietici, quando molti paesi multiculturali sono crollati in fazioni in guerra che hanno innescato epidemie di malattie facilmente prevenibili.

Il futuro secondo Anna Mueller, sociologa, Università dell’Indiana Bloomington

La pandemia ci ha mostrato come la didattica online possa essere uno strumento che rende l’aula più accessibile, in particolare per gli studenti con disabilità. In passato, ho avuto studenti che a volte hanno avuto difficoltà a frequentare le lezioni perché stavano affrontando l’ansia o vivevano con un dolore significativo.

Avevano bisogno della mia empatia e flessibilità con la frequenza alle lezioni, ma mancava ancora l’esperienza in classe. Ora mi rendo conto di quanto sia facile accendere una videocamera e accendere un microfono, in modo che possano riunirsi comodamente da casa.

Dato il numero di famiglie che hanno perso lavoro o reddito a causa della pandemia, assisteremo ad un aumento dei bambini che hanno sperimentato privazioni, insicurezza e stress traumatico.

Queste sfide nei primi anni di vita possono avere conseguenze durature per la salute fisica e mentale e per il rendimento scolastico. Senza misure attive per aiutare i bambini colpiti e le loro famiglie, questo avrà un tragico effetto a lungo termine sulla società statunitense.

Il punto di vista di Mario Luis Piccolo, sociologo, Università di Harvard

Il COVID19 ha dimostrato che molte lezioni di istruzione superiore, anche se non tutte, possono avvenire online. Genitori e studenti probabilmente chiederanno quanta parte dell’esperienza nel campus è veramente necessaria e richiederanno alternative.

E quando il virus sarà sotto controllo, sospetto che aziende, organizzazioni, governi e individui daranno un’occhiata alle loro pratiche di viaggio e decideranno di ridurre, anche se molti di noi desidereranno impegnarsi nel contatto fisico che fa parte dell’interazione sociale.

Mi chiedo quali nuove strategie le persone avranno imparato per combattere la solitudine ed evitare l’isolamento, quali dureranno dopo la fine della pandemia e come queste strategie influenzeranno il nostro senso di essere parte del collettivo.

Christopher McKnight Nichols, storico, Oregon State University

Abbiamo potuto assistere a un drammatico aumento delle attività ricreative e dei raduni collettivi post-pandemia, inclusi concerti di musica dal vivo ed eventi sportivi. Questo è ciò che accadde negli anni ’20 quando le società emersero dalla pandemia (la spagnola) del 1918 e dalla prima guerra mondiale.

Negli Stati Uniti si verificò l’aumento in popolarità e importanza nazionale del baseball professionistico e del football universitario. In Europa, il gioco del calcio professionistico si è espanso.

Invece, in questo momento non ci stiamo divertendo insieme, manteniamo la distanza, evitiamo i contatti fisici. Prevedere cosa succederà dopo la pandemia è difficile, dunque resta ancora una questione aperta se i comportamenti sociali che davamo per scontati, come stringere la mano, toccarsi e abbracciarsi, torneranno a far parte delle nostre abitudini.

Articoli più letti

Related articles