Come si scelgono i nomi degli uragani?

Appena a metà di quella che un meteorologo ha definito una stagione "iperattiva", è rimasta solo una voce nell'elenco di 21 nomi usati per le tempeste.

0
1243

Ormai a metà stagione, definita “iperattiva” dai meteorologi, è rimasto solo una voce dei 21 nomi utilizzati per le tempeste.

Quest’anno nella stagione degli uragani dell’atlantico si sono formate tempeste a ritmi così elevati che rimane solo un nome “Wilfred” dei 21 scelti dai meteorologi per questa stagione. I meteorologi pensano che esauriranno l’elenco, visto che siamo al culmine della stagione, che è iniziata il 1 giugno e terminerà il 30 novembre. Solo in questa settimana, ci sono state cinque tempeste nell’Atlantico, un fenomeno che non accadeva dal 1971, secondo la National Oceanic and Atmospheric Administration (La depressione tropicale Rene si è dispersa lunedì).

Considerando che ora siamo a 20 tempeste ed è passata solo la  metà della stagione  è molto“, ha riferito Dennis Feltgen, portavoce e meteorologo del National Hurricane Center di Miami. “Mancano ancora due mesi e mezzo alla fine della stagione

Una volta che i meteorologi raggiungeranno una tempesta oltre Wilfred, dovranno rivolgersi a nomi basati sulle 24 lettere dell’alfabeto greco, iniziando con Alpha, Beta, Gamma e Delta.

L’abbiamo fatto solo una volta“, ha dichiarato Feltgen, “nel 2005“. Quell’anno, i meteorologi hanno usato sei nomi greci nella stagione degli uragani, che ha avuto 28 tempeste.



Una delle stagioni più attive mai registrate

Il signor Feltgen ha descritto la stagione degli uragani 2020 come “iperattiva” rispetto alla stagione media, che di solito produce 12 tempeste, di cui tre che si trasformano in uragani importanti.

A maggio, la NOAA ha previsto una stagione sopra la norma nell’Atlantico, con ben 19 tempeste, con un massimo di 10 che potrebbero diventare uragani. E ben sei di questi potrebbero trasformarsi in uragani di categoria 3, 4 o 5.

La stagione è iniziata a un ritmo elevato, alla fine di  luglio c’erano state già 9 tempeste, la più alta mai registrata dall’inizio dell’era satellitare nel 1966, secondo il NOAA. Prima dell’inizio ufficiale della stagione, Arthur, la prima tempesta, si è formata al largo della costa della Florida a maggio, seguita da Bertha, che è approdata vicino a Charleston alla fine del mese.

Si preannuncia una delle stagioni più attive mai registrate“, dichiarò Louis Uccellini, direttore del National Weather Service il mese scorso.

Negli ultimi decenni, gli scienziati hanno visto aumentare l’attività degli uragani nel Nord Atlantico e affermano che ci sono collegamenti tra il riscaldamento globale e l’intensità degli uragani. Con l’aumentare della temperatura dell’oceano, gli uragani diventano più forti poiché l’acqua calda funge da combustibile che li alimenta.

Cosa c’è nel nome di un uragano?

L’aggiunta di nomi alle tempeste rende più facile per i media riferire dei cicloni tropicali, aumenta l’interesse per gli avvertimenti e aumenta la preparazione della comunità“, ha dichiarato l’OMM.

L’OMM afferma che i nomi vengono selezionati in base alla familiarità delle regioni in cui colpiscono. Gli elenchi vengono riciclati ogni sei anni con nomi maschili e femminili alternati alfabeticamente. Ad esempio, l’elenco del 2019 verrà utilizzato di nuovo nel 2025.

La pratica di nominare le tempeste tropicali atlantiche risale almeno al 1953, quando il National Hurricane Center iniziò a compilare elenchi di nomi negli Stati Uniti. Gli elenchi originali contenevano solo nomi di donne fino al 1979, quando furono aggiunti i nomi di uomini.

Sebbene ci siano 26 lettere nell’alfabeto inglese, John Morales, il capo meteorologo di WTVJ -TV, la stazione NBC di Miami e Fort Lauderdale ha dichiarato che non ci sono abbastanza nomi.

È necessario disporre di un numero sufficiente di nomi“, ha affermato Feltgen, osservando che dovevano esserci almeno sei nomi per lettera oltre a nomi di backup e che i nomi dovevano includere opzioni maschili e femminili.

L’OMM martedì ha affermato che i nomi devono  “riflettere un equilibrio tra nomi francesi, spagnoli e inglesi a causa della copertura geografica delle tempeste in tutto l’Atlantico e nei Caraibi e rispettare le sensibilità della società“.

Perché alcuni nomi vengono ritirati?

I nomi degli uragani vengono in genere ritirati quando le tempeste diventano storiche per aver causato distruzione e morte in quanto riutilizzare il nome sarebbe indelicato per le  persone che sono state colpite dalla tempesta. Secondo il National Hurricane Center, più di 80 nomi sono stati ritirati dalla lista atlantica.

L’organizzazione martedì ha dichiarato che non è pratico ritirare i nomi dell’alfabeto greco perché non sono usati molto frequentemente.

Nel 2018, il comitato internazionale degli uragani ha annunciato che stava ritirando quattro nomi di uragani Harvey, Irma, Maria e Nate dal suo elenco di nomi di cicloni tropicali atlantici a causa dei loro devastanti pedaggi nella stagione 2017.

2