4.5 C
Rome
domenica, Dicembre 4, 2022
HomeRicerca della vitaUna nuova collaborazione per capire come si è evoluta la vita dalle...

Una nuova collaborazione per capire come si è evoluta la vita dalle singole cellule sulla Terra

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Per trovare la vita su altri pianeti, gli scienziati devono sapere cosa cercare. E per sapere cosa cercare, devono svelare il mistero di come la vita abbia avuto origine e si sia evoluta. Per le risposte, la NASA sta scavando nell’antico passato della Terra.

Una rete mondiale di astrobiologi, scienziati che studiano le origini e l’evoluzione della vita nell’universo, sarà riunita per comprendere come la vita si sia evoluta sulla Terra primordiale da organismi unicellulari, come i batteri, in organismi complessi.

La NASA ha svelato i suoi piani per la nuova “rete di coordinamento della ricerca” il 16 maggio alla Conferenza sulla scienza di astrobiologia del 2022 tenuta dal Georgia Institute of Technology ad Atlanta. Il lavoro prodotto dalla collaborazione, intitolato “Life: Early Cells to Multicellularity“, sarà utilizzato per capire come cercare la vita su altri pianeti.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il nostro, è l’unico pianeta noto per ospitare la vita“, ha detto Betül Kaçar, assistente professore nel dipartimento di batteriologia presso l’Università del Wisconsin, a Madison. “Se non riusciamo a capire come si è evoluta qui, come possiamo trovarla altrove?

Kaçar guiderà LIFE insieme a Frank Rosenzweig della Georgia Tech, Ariel Anbar dell’Arizona State University e Mary Droser dell’ University of California, Riverside. Lo scopo di una rete di coordinamento della ricerca, ha affermato Anbar, è di riunire persone nella più ampia comunità scientifica internazionale per partecipare a nuove ricerche.

Quello che faremo sarà davvero modellato da ciò che la comunità vuole fare“, ha affermato Anbar. “È un’opportunità per le persone di essere in grado di sviluppare nuove idee di ricerca che altrimenti non avrebbero avuto“.

Gli interessi di ricerca di Anbar riguardano l’evoluzione della chimica inorganica della vita, o i metalli e gli elementi utilizzati dalla vita. “Vogliamo provare a immaginare, iniziare a prevedere, come potrebbe evolversi la vita su mondi alieni“, ha affermato Anbar. Gli elementi chimici saranno diversi su altri pianeti poiché le abbondanze saranno diverse. Quindi i ricercatori vogliono sapere: “In che modo ciò influenzerà l’evoluzione della vita su questi mondi?

Droser, un illustre professore di geologia, non vede l’ora di lavorare con i biologi per cercare di indagare sui processi biologici sotto i vincoli dei periodi di tempo geologici che li hanno originati. “Le grandi domande richiedono molte prospettive“, ha affermato Droser. “Stiamo portando sul tavolo la paleontologia, la biologia, la geologia e la chimica per esaminare questi problemi“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

LIFE si unisce ad altre quattro reti di coordinamento della ricerca attualmente in funzione nell’ambito del programma di astrobiologia della NASA. I ricercatori delle altre reti di coordinamento stanno attualmente studiando questioni scientifiche relative ai mondi oceanici, ai pianeti con il potenziale per ospitare la vita, alla chimica prebiotica e al rilevamento delle firme della vita.

I prossimi decenni segneranno una ricerca sempre più dedicata di pianeti abitabili. Il telescopio spaziale James Webb, lanciato di recente, sarà in grado di cercare le sostanze chimiche che compongono la vita nelle atmosfere di pianeti che orbitano in altri sistemi stellari. Un telescopio a raggi infrarossi e luce ultravioletta di sei metri è in cima ai progetti consigliati per gli astronomi. Destinato al lancio negli anni ’40, questo telescopio cercherà segni di vita in atmosfere lontane in modo ancora più dettagliato.

Kaçar spera che LIFE ispiri i ricercatori all’inizio della carriera e gli studenti che studiano scienze a unirsi allo sforzo mondiale per comprendere l’evoluzione della vita. “C’è un posto per tutti qui“, ha detto. “Finché sei affascinato dalla vita, ci sono molti modi diversi per inseguire queste domande e vogliamo che tutti siano entusiasti e si uniscano a noi in questo sforzo”.

Articoli più letti