Come la teoria quantistica si scontra con la realtà

La teoria delle "variabili nascoste" sostiene il contrario di ciò che sostiene la teoria quantistica. Ecco perché

10348

Nel corso dei decenni che hanno visto la nascita della teoria dei quanti, sono state innumerevoli le domande e le discussioni sollevate dalle nuove conoscenze. Penso sia giusto dire, tuttavia, che l’argomento non ha mai trovato una vera conclusione, anche se, pian piano, almeno tra il grande pubblico, le discussioni si sono affievolite fino a scomparire. Semplicemente, la gente ha smesso di parlare dell’argomento. troppo ostica la materia per la maggior parte della gente comune.
Ma poi è arrivato John Bell.

Per analogia, quando si lancia una moneta equa, esce testa il 50% delle volte. Una moneta truccata, tuttavia, potrebbe essere più propensa ad atterrare su testa piuttosto che croce. Il grado in cui la moneta è stata alterata è una variabile nascosta, che non conosci. Ma sai che se prendi la frazione di volte in cui la moneta atterra su testa, e aggiungi ad essa la frazione di volte in cui esce croce, otterrai sempre il numero uno. In modo analogo, Bell ha costruito una combinazione specifica delle tre frazioni dei tre esperimenti del suo scenario, che ha portato al teorema di Bell. E ha trovato una precisa restrizione che coinvolge questa combinazione, cui ogni teoria delle variabili nascoste deve obbedire.
Quello era il suo risultato. Ma poi ha continuato a fare qualcosa di più. Bell dimostrò che la teoria dei quanti violava questa restrizione.
La conclusione? La teoria quantistica è diversa da ogni possibile teoria locale delle variabili nascoste. La teoria quantistica è qualcos’altro.
Tratto da  Quantum Strangeness: Wrestling con il Teorema di Bell e la Natura suprema della realtà  di George Greenstein. Prefazione di David Kaiser. Copyright 2019, The MIT PRESS.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---