Coltello con rune incise riportato alla luce dopo 2000 anni

Come un piccolo oggetto di ferro ci racconta la storia e la cultura della Danimarca antica

0
138
Coltello con le rune

Un’eccezionale scoperta archeologica ha portato alla luce il più antico esempio di scrittura runica mai trovato in Danimarca, nello specifico si tratta di un piccolo coltello con le rune, realizzato in ferro, risalente al II secolo d.C., e sul quale sono incise cinque lettere dell’alfabeto runico, l’antica scrittura usata dai popoli germanici dell’Europa settentrionale.

Coltello con le rune

Il coltello con le rune ha una storia millenaria, ritrovato in una tomba in un piccolo cimitero a est di Odense, nella Danimarca centrale, dagli archeologi del Museo Odense, ha alcune particolarità di spicco, come la lama, lunga circa 10 centimetri, la quale presenta cinque rune che formano la parola “hirila”, che nella lingua proto-norrena parlata all’epoca significa “piccola spada”.

“Il coltello in sé non è notevole, ma sulla lama ci sono cinque rune – il che è di per sé straordinario – ma l’età delle rune è ancora più straordinaria perché in realtà sono le più antiche che abbiamo dalla Danimarca”

ha detto all’AFP l’archeologo Jakob Bonde, che ha diretto lo scavo, il quale ha poi in seguito aggiunto:

“Non abbiamo alcuna scritta prima di questa.”.

La scoperta del coltello con le rune è stata annunciata martedì dal Museo Odense, che ha pubblicato alcune foto del coltello sulla sua pagina Facebook. Il museo ha anche comunicato che la lama del coltello sarà esposta al pubblico al museo di Montergarden dal 2 febbraio.



Il coltello con le rune, l’alfabeto più antico della Scandinavia

Coltello con le rune

Le lettere runiche, chiamate rune, sono l’alfabeto più antico conosciuto in Scandinavia, ed erano in uso dal I o II secolo d.C. nell’Europa settentrionale fino a quando furono sostituiti dall’alfabeto latino durante la cristianizzazione nel X secolo.

Le rune erano usate per scrivere le lingue germaniche, tra cui il proto-norreno, l’antico norreno, l’antico inglese, l’antico frisone e l’antico sassone. Le rune erano scolpite su pietra, legno, metallo, osso o corno, e servivano per vari scopi, come commemorare i defunti, invocare le divinità, esprimere sentimenti, registrare eventi o segnare la proprietà.

L’iscrizione sul coltello è una “nota del passato”, ha detto Bonde, che aggiunge:

“Ci dà l’opportunità di approfondire come si è sviluppata la lingua più antica conosciuta in Scandinavia… (e) come le persone interagivano tra loro.”

Un simbolo di identità e di prestigio

Il coltello con le rune è stato trovato in una tomba che conteneva anche altri oggetti, come una fibbia, una spilla, un anello e una collana. Gli archeologi non sono stati in grado di determinare il sesso o l’età del defunto, ma ritengono che si trattasse di una persona di una certa importanza sociale.

Bonde ha detto che “la persona che la possedeva voleva dimostrare che era, o voleva essere, una specie di guerriero”, ma nel post su Facebook del museo, si dice che gli archeologi non sono stati in grado di confermare se l’etichetta “piccola spada” si riferisse specificamente al coltello o al suo proprietario.

Il coltello con le rune è un testimone unico della storia e della cultura della Danimarca antica, che precede di molto la nascita della nazione come la conosciamo oggi. Le prime tracce di insediamenti umani nell’attuale Danimarca risalgono all’età della pietra, intorno al 4.000 a.C., ma non ci sono tracce di scritti prima dell’età del ferro romana (da 0 a 400 d.C.).

Coltello con le rune

Un piccolo pettine fatto di osso scoperto nel 1865 e su cui sono iscritte delle rune risale all’incirca allo stesso periodo del coltello con le rune, ha detto Bonde, e questi due reperti sono i più antichi esempi di scrittura runica in Danimarca, e sono di grande valore per gli studiosi e gli appassionati di storia.

Quando la scrittura apparve per la prima volta in Scandinavia, si trattava di “solo piccole iscrizioni, principalmente su oggetti”. “Non abbiamo libri, ad esempio, o iscrizioni più grandi”, ha detto Bonde.

Le pietre runiche più famose della Danimarca, erette nel X secolo nella città di Jelling, hanno iscrizioni più lunghe. Fortemente identificate con la creazione della Danimarca come stato nazionale, furono allevate da Harald Bluetooth, in onore dei suoi genitori Re Gorm e Regina Thyra.

Se sei attratto dalla scienzadalla tecnologia, o vuoi essere aggiornato sulle ultime notiziecontinua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

2