2.5 C
Rome
martedì, Novembre 29, 2022
HomeFisco e tasseIl cimitero per animali domestici più antico del mondo

Il cimitero per animali domestici più antico del mondo

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

In questo cimitero per animali domestici i cani e i gatti giacciono come se dormissero, in tombe individuali. Molti indossano collari o altri ornamenti, e presentano segni di cure per lesioni e vecchiaia, come gli animali domestici di oggi. Ma l’ultima persona a seppellire un amato compagno animale in questa arida terra egiziana sulla costa del Mar Rosso lo ha fatto quasi 2000 anni fa.

Il cimitero per animali, situato nell’antico porto romano di Berenice, era stato trovato 10 anni fa, ma il suo scopo era misterioso. Ora, uno scavo dettagliato ha portato alla luce le sepolture di quasi 600 cani e gatti, insieme alle prove più evidenti che questi animali fossero animali domestici preziosi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ciò renderebbe il sito il più antico cimitero per animali domestici conosciuto, sostengono gli autori, suggerendo che il concetto moderno di animali domestici non era estraneo al mondo antico.

Non ho mai incontrato un cimitero per animali come questo“, dice Michael MacKinnon, uno zooarcheologo dell’Università di Winnipeg che ha studiato il ruolo degli animali in tutto il Mediterraneo passato ma non è stato coinvolto nel nuovo lavoro.

L’idea degli animali domestici come parte della famiglia non era diffusa nell’antichità, ma penso che lo fosse in questa comunità“.

L’archeozoologo Marta Osypinska ed i suoi colleghi dell’Accademia polacca delle scienze hanno scoperto il cimitero appena fuori le mura della città, sotto una discarica romana, nel 2011. Il cimitero per animali sembra essere stato utilizzato tra il I e ​​il II secolo d.C., quando Berenice era un vivace Porto romano che commerciava avorio, tessuti e altri beni di lusso dall’India, dall’Arabia e dall’Europa.

Nel 2017, il team di Osypinska ha riferito di aver portato alla luce i resti di circa 100 animali, per lo più gatti, che sembrano essere stati curati come animali domestici. Ma la natura esatta del sito non era chiara. Salima Ikram, esperta di animali dell’antico Egitto presso l’Università americana del Cairo, all’epoca disse che le ossa potevano essere state gettate via.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Osypinska ed i suoi colleghi hanno ora scavato i resti di 585 animali dal sito e analizzato le ossa in dettaglio. Un veterinario ha aiutato il team a determinare la salute, la dieta e la causa della morte.

Gli animali sembrano essere stati deposti delicatamente in fosse ben preparate. Molti erano coperti con tessuti o pezzi di ceramica, “che formavano una specie di sarcofago“, dice Osypinska.

Più del 90% erano gatti, molti dei quali indossavano collari di ferro o collane infilate con vetro e conchiglie. Un felino è stato posto sull’ala di un grande uccello.

Il team non ha trovato prove di mummificazione, sacrificio o altre pratiche rituali osservate in antichi luoghi di sepoltura di animali come il sito di Ashkelon in Israele.

A Berenice, la maggior parte degli animali sembra essere morta per ferite o malattie. Alcuni gatti hanno gambe fratturate o altre rotture che potrebbero essere state causate da cadute o da un calcio di un cavallo. Altri sono morti giovani, forse per malattie infettive che si sono diffuse rapidamente nella piccola città.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I cani, che costituiscono solo circa il 5% delle sepolture (il resto sono scimmie), sembrano essere morti in età più avanzata. Molti avevano perso la maggior parte dei denti o avevano sofferto di malattie parodontali e degenerazione articolare.

Erano soggetti con una mobilità molto limitata“, dice Osypinska. Eppure molti hanno vissuto lunghe vite e le loro ferite sono guarite. “Questi animali dovevano essere nutriti per sopravvivere“, dice, “a volte con cibi speciali nel caso degli animali quasi senza denti“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il fatto che gli esseri umani si siano presi così tanta cura degli animali, specialmente in una regione in rovina dove quasi tutte le risorse dovevano essere importate – e che si siano presi tanta cura nel seppellirli, proprio come fanno molti proprietari moderni – suggerisce che la gente di Berenice doveva avere un forte legame emotivo con i propri cani e gatti, ha concluso il team in un articolo pubblicato il mese scorso su World Archaeology.

Non lo facevano per gli dei o per alcun vantaggio utilitaristico“, dice Osypinska. Il rapporto tra le persone ed i loro animali domestici era “sorprendentemente vicino” a quello che vediamo oggi.

Ikram è convinto. “Questo è un cimitero“, dice. “E getta una luce interessante sugli abitanti di Berenice e sui loro rapporti con i loro animali“.

Anche l’archeologo Wim Van Neer condivide l’idea. “Non ho mai visto un gatto così antico con un collare“, dice Van Neer, del Royal Belgian Institute of Natural Sciences, che ha studiato il rapporto tra persone e animali nel mondo antico, anche a Berenice.

Tuttavia, ritiene che sia possibile che gli abitanti di Berenice valutassero i loro cani e gatti per ragioni non sentimentali.

Un porto marittimo probabilmente brulicava di topi, osserva, rendendo i gatti un prezioso animale da lavoro. E sebbene alcuni dei cuccioli nel sito fossero cani di piccola taglia simili alle razze giocattolo di oggi – e quindi probabilmente avessero poca utilità se non come cani da compagnia – i cani più grandi avrebbero potuto sorvegliare le case e consumare rifiuti. “Non credo che fosse solo una relazione d’amore“.

Osypinska spera che il nuovo lavoro convincerà altri archeologi che vale la pena studiare gli animali da compagnia. “All’inizio, alcuni archeologi molto esperti mi hanno scoraggiato da questa ricerca“, sostenendo che gli animali domestici erano irrilevanti per la comprensione della vita dei popoli antichi, dice. “Spero che i risultati dei nostri studi dimostrino che ne vale la pena“.

Articoli più letti