Ciclo Solare 25: picco previsto nel 2024 – video

I satelliti GOES della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) hanno osservato un'attività solare significativa, inclusa una grave tempesta geomagnetica, che segna la fase di picco del ciclo solare 25

2
461
Ciclo Solare 25: picco previsto nel 2024
Ciclo Solare 25: picco previsto nel 2024

I satelliti GOES della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) hanno osservato un’attività solare significativa, inclusa una grave tempesta geomagnetica, che segna la fase di picco del ciclo solare 25. Strumenti avanzati come il CCOR-1 del satellite GOES-U sono fondamentali per monitorare e comprendere questi potenti fenomeni solari.

GOES 16 XRS X Ray1

La fase di picco del ciclo solare 25

Dal 23 al 24 Marzo 2024, i satelliti GOES della NOAA e altri gestiti da partner internazionali hanno osservato numerosi brillamenti eruttare dal Sole, incluso un potente brillamento solare di classe X. Inoltre, un’ondata di plasma estremamente caldo, nota come espulsione di massa coronale (CME), si è diretta verso la Terra, provocando tempeste geomagnetiche e aurore.

Le tempeste geomagnetiche possono avere un impatto significativo sulle infrastrutture critiche, come le reti elettriche e le comunicazioni. È importante monitorare l’attività solare e prevederle per ridurre al minimo i potenziali danni.

Questa CME ha raggiunto il nostro pianeta alle 10:37 EDT (14:37 GMT) di domenica 24 marzo, innescando una grave tempesta geomagnetica di classe G4, che segna la tempesta solare più potente dal 2017. Tuttavia, secondo il Geomagnetic Storm Watch dello Space della NOAA Centro di previsione meteorologica, non c’è stato motivo di allarmare la popolazione.



ciclo solare 25 e macchie solari potrebbe essere pi intenso del previsto 3bmeteo 127696

Le tempeste geomagnetiche, chiamate anche tempeste solari, interrompono il campo magnetico terrestre e possono potenzialmente influenzare le reti elettriche sulla Terra, nonché i segnali radio e i sistemi di comunicazione. Possono anche influenzare le nostre operazioni satellitari e le capacità di navigazione GPS. Inoltre, gli astronauti nello spazio devono prestare particolare attenzione durante questi eventi, soprattutto se stanno facendo una passeggiata nello spazio. Al di fuori dell’atmosfera protettiva della Terra, le radiazioni extra associate a cui sono esposti possono causare avvelenamento da radiazioni o altri effetti dannosi sulla salute.

La NOAA classifica le tempeste geomagnetiche su una scala che va da G1 a G5. Una tempesta G5, il livello più estremo, può provocare un completo blackout radio ad alta frequenza sul lato soleggiato della Terra, della durata di diverse ore.

Il 24 Marzo 2024, la NOAA ha emesso un avviso di tempesta geomagnetica in cui ha affermato come sono stati raggiunti i livelli da G1 a G4 e che l’aurora poteva essere vista fino a sud, dall’Alabama alla California settentrionale. A seguito di questa tempesta, in Canada sono state segnalate irregolarità nella rete elettrica.

Ciclo solare 25 attuale e previsioni

Attualmente siamo nel Ciclo Solare 25. Il ciclo solare è un cambiamento quasi periodico nell’attività del Sole che si sposta dal minimo solare (minor numero di macchie solari e bassa attività solare) attraverso il massimo solare (maggior parte delle macchie solari e alta attività solare) e di nuovo al minimo solare, che generalmente si verifica ogni 11 anni circa. A volte la superficie del Sole è molto attiva con molte macchie solari, mentre altre volte ne presenta solo poche o addirittura nessuna.

Vicino al massimo solare, le tempeste geomagnetiche del tipo arrivato domenica possono colpire la Terra alcune volte all’anno. Attualmente siamo vicini al massimo previsto del Ciclo Solare 25 e, a dicembre, la più grande eruzione solare degli ultimi anni ha interrotto le comunicazioni radio. Durante il minimo solare, possono trascorrere alcuni anni tra le tempeste.

Secondo lo Space Weather Prediction Center (SWPC) della NOAA, una previsione rivista ha concluso che l’attività solare durante il Ciclo Solare 25 aumenterà più rapidamente e raggiungerà il picco a un livello più elevato rispetto a quello previsto da un gruppo di esperti nel Dicembre 2019. La previsione aggiornata prevede ora che il ciclo solare 25 raggiunga il picco tra Gennaio e Ottobre del 2024, con un numero massimo di macchie solari compreso tra 137 e 173.

picco massimo solare cosa succede

Ciclo Solare 25: progressi tecnologici nel monitoraggio 

I satelliti NOAA aiutano a monitorare l’attività del Sole e verificano eruzioni solari o espulsioni di massa coronale. Poiché questi eventi possono accadere in modo imprevedibile e alcuni possono raggiungere la Terra in pochi minuti, il Centro di previsione meteorologica spaziale della NOAA utilizza queste informazioni per monitorare l’attività sul Sole ed effettuare previsioni e avvisi.

Per aiutare in questo, i satelliti GOES ospitano anche i sensori Extreme Ultraviolet e X-ray Irradiance Sensors (EXIS), che monitorano la radiazione elettromagnetica del Sole e fungono da primo sistema di allarme critico per l’inizio dei brillamenti, la Space Environmental In-Situ Suite (SEISS), aiuta a valutare il rischio di scariche elettrostatiche e di radiazioni per astronauti e satelliti, e un magnetometro, che misura il campo magnetico terrestre.

Il nuovo satellite della NOAA, GOES-U, trasporterà un nuovo strumento per studiare la corona, chiamato coronografo compatto (CCOR-1). Questo strumento studierà la corona solare bloccando la luce del Sole, un processo simile a un’eclissi solare totale. CCOR-1 aiuterà a rilevare e caratterizzare le CME e fungerà da fonte primaria di informazioni sulle imminenti tempeste geomagnetiche.

2