E’ iniziato il ciclo solare 25: NASA e Scienziati NOAA spiegano cosa significa

E’ iniziato il ciclo solare 25: NASA e Scienziati NOAA spiegano cosa significa

6502

Il Sole ha attraversato un periodo di minimo solare molto profondo, decisamente più debole della media dei cicli solari precedenti. Anche se è stato un ciclo solare inferiore alla media, ci sono stati momenti di condizioni meteorologiche spaziali estreme.

Il ciclo solare è come un pendolo che oscilla avanti e indietro con un periodo medio di 11 anni, durante il quale si ha un aumento, o una diminuzione, del numero di macchie sulla superficie della nostra stella. Non tutti i cicli sono uguali, alcuni durano di più, altri di meno, ma soprattutto alcuni vedono un numero molto consistente di macchie solari rispetto ad altri. E’ importante ricordare che l’attività solare non si ferma mai: cambia forma quando il pendolo oscilla.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il Solar Cycle 25 Prediction Panel, un gruppo internazionale di esperti co-sponsorizzato da NASA e NOAA, ha annunciato che il minimo solare si è verificato a Dicembre 2019, segnando l’inizio di un nuovo ciclo solare.  Poiché il nostro Sole è così variabile, possono essere necessari mesi per dichiarare questo evento. Gli scienziati usano le macchie solari per monitorare i progressi del ciclo solare. Le macchie scure sul Sole sono associate all’attività solare, spesso come origine di esplosioni giganti, come eruzioni solari o espulsioni di massa coronale, che possono spargere luce, energia e materiale solare nello spazio.

Ieri, durante un evento mediatico, esperti della NASA e della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) hanno discusso le loro analisi e previsioni sul nuovo ciclo solare (il ciclo solare 25) e su come l’imminente ripresa della meteorologia spaziale avrà un impatto anche sulle nostre vite e sulle tecnologie spaziali. Ci aspettiamo che il ciclo solare 25 sarà molto simile al 24: con un massimo abbastanza debole preceduto da un minimo lungo e profondo che potrebbe avere una durata record

La NASA e la NOAA, insieme all’Agenzia Federale per la Gestione delle Emergenze, collaborano ad una strategia e ad un piano d’azione sulla meteorologia spaziale nazionale per migliorare la preparazione alle condizioni meteorologiche spaziali e proteggere il mondo dai rischi. La NOAA fornisce previsioni meteorologiche spaziali e satellitari per monitorare la meteorologia spaziale in tempo reale; La NASA è il braccio di ricerca, che aiuta a migliorare la nostra comprensione dello spazio vicino alla Terra e, in definitiva, dei modelli di previsione.

Le previsioni meteorologiche spaziali saranno fondamentali anche per supportare i veicoli spaziali e gli astronauti del programma Artemis. Il rilevamento di questo ambiente spaziale è il primo passo per comprendere e mitigare l’esposizione degli astronauti alle radiazioni spaziali. Le prime due indagini scientifiche condotte dal Gateway studieranno la meteorologia spaziale e monitoreranno l’ambiente di radiazione nell’orbita lunare. Gli scienziati stanno lavorando su modelli predittivi in ​​modo che un giorno possano prevedere il tempo spaziale proprio come i meteorologi prevedono il tempo sulla Terra.

Per determinare l’inizio di un nuovo ciclo solare, il pannello di previsione ha consultato i dati mensili sulle macchie solari del World data Center for the Sunspot index and Long-term Solar Observations, situato presso l’Osservatorio Reale del Belgio a Bruxelles, che tiene traccia delle macchie solari e individua gli alti e bassi del ciclo solare. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Con il minimo solare alle spalle, gli scienziati si aspettano che l’attività del Sole aumenti verso il prossimo massimo previsto nel luglio 2025, che potrebbe definirsi il “risveglio del Sole.

Fonte: NASA