Che cos’è il baby blues e come affrontarlo

Questo fenomeno non deve rappresentare sempre un caso di depressione postpartum ; potrebbe anche essere qualcosa conosciuto come baby blues e che, in effetti, è molto comune

271

Ci sono alcune donne che, dopo il parto, entrano in uno stato di inspiegabile tristezza . Compaiono irritabilità, declino emotivo, sbalzi d’umore improvvisi, affaticamento e in alcuni casi pianto spontaneo.

Questo fenomeno non deve rappresentare sempre un caso di depressione postpartum ; potrebbe anche essere qualcosa conosciuto come baby blues e che, in effetti, è molto comune.

Che cos’è il baby blues

Baby blues si riferisce ai momenti di ansia, tristezza, sbalzi d’umore e stress che si provano dopo il parto. Quasi l’ 80% delle neomamme sperimenta queste sensazioni, può succedere a qualsiasi mamma, indipendentemente dalla razza, età, reddito, cultura o dal livello di istruzione.

Il baby blues in genere si manifesta entro due o tre giorni dalla nascita del bambino e generalmente sparisce in modo automatico dopo qualche settimana.

Il cambiamento nell’ umore è solitamente innescato dal cambiamento ormonale e dallo stress emotivo e fisico del parto. Come detto i sentimenti durano solo pochi giorni, non più di due settimane. Molte donne tornano al loro stato pre-gravidanza e allontanano il baby blues facendo esercizio, mangiando in modo sano, parlando con il proprio partner e, naturalmente, amando i loro piccoli.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ma alcune donne hanno sintomi più gravi che durano più a lungo. Quindi, quello che all’inizio sembrava essere Baby Blues diventa depressione postpartum (se vuoi approfondire leggi questo articolo).

differenza tra baby blues e depressione postpartum

Il baby blues è piú comune, si tratta di una forma di “disagio” lieve e temporanea. Una donna sperimenta cambiamenti ormonali e piange molto, ma per il resto sta bene. La depressione postpartum può verificarsi durante i primi due mesi dopo il parto. I sintomi sono molto più gravi. Ad esempio la neo mamma potrebbe non provare piacere nello stare vicino al proprio bambino o potrebbe sentirsi estremamente sopraffatta. È un’esperienza che dura tutto il giorno, una condizione permanente. Si sveglia sentendosi male. Va a letto sentendosi male. Potrebbe provare tristezza, disperazione o senso di colpa. Potrebbe perdere interesse per le attività che in genere le portano gioia. A questo punto, dovrebbe cercare aiuto.

cause del baby blues dopo la gravidanza

Alcuni stati potrebbero causare la lieve depressione del baby blues, ad esempio:

  • Fluttuazione ormonale: nei giorni successivi al parto, gli ormoni della neo-mamma fluttuano per aiutare il genitore a prendersi cura del bambino e per far recuperare il corpo dallo stress . Dopo il parto, i livelli di estrogeni e progesterone diminuiscono improvvisamente, causando sbalzi d’umore. Inoltre, gli ormoni prodotti nella ghiandola tiroidea possono diminuire gravemente e lasciare stanchi e depressi.
  • Mancanza di sonno: nei giorni dopo aver portato a casa il bambino, la mamma potrebbe dormire poco . Tutti i cambiamenti nella routine e i risvegli notturni apparentemente senza fine possono causare gravi cambiamenti nell’ umore.
  • Problemi emotivi:se sei eccessivamente nervoso per prenderti cura del tuo nuovo bambino, potrebbe causare il blues. Potresti anche essere preoccupato per il drastico cambiamento di vita e come gestirai tutte le differenze. A volte, i problemi emotivi deriveranno dall’esperienza del parto stessa.
  • Problemi relazionali o stress:un neonato può causare problemi relazionali poiché la tua vita cambia drasticamente. Avrai meno tempo per le altre persone e questo può portare a problemi che ti fanno sentire triste. Inoltre, lo stress aggiuntivo di un neonato è sufficiente per provocare il blues senza altri fattori.

Statisticamente le madri che si sentono sole hanno maggiori probabilità di soffrire di baby blues nelle prime settimane di genitorialità. In effetti, la solitudine è un’emozione che colpisce la maggior parte delle famiglie nel mondo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Nonostante viviamo in un ambiente iperconnesso in cui la famiglia e gli amici possono essere raggiunti semplicemente inviando un sms, un terzo dei neogenitori afferma che è facile sentirsi soli con un bambino in braccio.

In Italia dove i legami con il resto dei membri della famiglia sono molto forti, questa percentuale scende al 25%. Tuttavia, per genere, le donne sono quelle che soffrono di più la solitudine. Un quarto delle neomamme ritiene che sia facile sentirse soli nonostante le opportunità offerte dalla tecnologia .

La sensazione di isolamento o solitudine può essere difficile da vedere dall’esterno poiché i nuovi genitori spesso evitano di parlare di come si sentono. Con l’intera cerchia concentrata sul bambino, potrebbero vergognarsi o addirittura colpevole per aver condiviso i propri sentimenti e, quindi, distrarre l’attenzione del bambino.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---