Chang’e-6 attracca sulla Luna e sventola la bandiera cinese

La Cina ha affermato che la sonda Chang'e-6 lunare ha dispiegato per la prima volta la bandiera rossa e dorata del Paese sul lato nascosto della Luna prima che parte del veicolo partisse martedì 4 giugno 2024 mattina presto con campioni di roccia e terreno da riportare sulla Terra

La Cina ha affermato che la sonda Chang’e-6  ha dispiegato per la prima volta la bandiera rossa e dorata del Paese sul lato nascosto della Luna prima che parte del veicolo partisse martedì 4 giugno 2024 mattina presto con campioni di roccia e terreno da riportare sulla Terra.

Chang'e-6

La missione della sonda Chang’e-6

La missione è stata applaudita come un successo in Cina, che ha fatto progressi significativi in un programma spaziale che mira a portare un uomo sulla Luna entro la fine di questo decennio.

La sonda Chang’e-6 è stata lanciata a maggio 2024 e il suo lander è atterrato domenica 2 giugno sul lato nascosto della Luna. Il decollo è avvenuto martedì 4 giugno mattina alle 7:38, ora di Pechino, con il motore acceso per circa sei minuti mentre entrava in un’orbita preimpostata attorno alla luna, ha dichiarato l’Amministrazione spaziale nazionale cinese.

L’agenzia ha affermato che la navicella spaziale ha resistito a un test ad alta temperatura sulla superficie lunare e ha acquisito i campioni utilizzando sia la perforazione che la raccolta sulla superficie prima di riporli in un contenitore all’interno dell’ascendente della sonda, come previsto.

Chang'e-6

Il container verrà trasferito in una capsula di rientro che dovrebbe tornare sulla Terra nei deserti della regione cinese della Mongolia interna intorno al 25 giugno 2024.

Studiare il lato nascosto della Luna

La piccola bandiera, che secondo l’agenzia era realizzata con speciali materiali compositi, è emersa su un braccio retrattile dispiegato dal lato della Chang’e-6 e non è stata posizionato sul suolo lunare, secondo una dichiarazione rilasciata dall’agenzia.

Missione compiuta!”. Il portavoce del Ministero degli Esteri Hua Chunying ha scritto su X: “Un’impresa senza precedenti nella storia dell’esplorazione lunare umana!”.

Le missioni sul lato nascosto della Luna sono più difficili perché non è rivolta verso la Terra, e richiedono un satellite relè per mantenere le comunicazioni. Anche il terreno è più accidentato, con meno aree pianeggianti su cui atterrare.

Xinhua ha affermato che il sito di atterraggio della Chang’e-6 è il bacino del Polo Sud-Aitken, un cratere da impatto creato più di 4 miliardi di anni fa che è profondo 13 chilometri e ha un diametro di 2.500 chilometri.

È il più antico e il più grande di questi crateri sulla Luna, quindi potrebbe fornire le prime informazioni al riguardo, ha detto Xinhua, aggiungendo che l’enorme impatto potrebbe aver espulso materiali dalle profondità sotto la superficie.

Mattoni di polvere lunare, Mengzhou, silenzio radio, rover segreto della Cina

La missione è la sesta del programma di esplorazione lunare Chang’e, che prende il nome da una dea cinese della Luna. È il secondo progettato per riportare campioni, dopo il Chang’e 5 , che lo ha fatto dal lato vicino nel 2020.

Il programma lunare fa parte di una crescente rivalità con gli Stati Uniti, ancora leader nell’esplorazione spaziale, e altri, tra cui Giappone e India. La Cina ha messo in orbita la propria stazione spaziale e vi invia regolarmente equipaggi.

La Cina punta a mandare un uomo sulla Luna entro il 2030, diventando così la seconda nazione dopo gli Stati Uniti a riuscirci. L’America sta pianificando di far sbarcare nuovamente gli astronauti sulla Luna, per la prima volta in più di 50 anni, anche se la NASA ha spostato l’obiettivo indietro al 2026 all’inizio di quest’anno.

Conclusioni

La missione cinese Chang’e-6 ha lo scopo di riportare campioni lunari, ma è anche un trampolino di lancio verso un’esplorazione spaziale molto più ambiziosa.

Sarà necessario effettuare un rendezvous preciso e un attracco tra l’orbiter e l’ascendente viaggiando a poco più di un miglio al secondo (1,68 km al secondo). Questo dovrà essere automatizzato, a causa del ritardo luce-tempo dovuto alla loro distanza dalle stazioni di terra sulla Terra.

Successivamente, i campioni verranno trasferiti in una capsula di rientro. Chang’e-6, che somiglia a una mini versione del modulo di ritorno della navicella spaziale cinese Shenzhou, verrà rilasciata poco prima che l’orbiter raggiunga la Terra.

Per prima cosa Chang’e-6 rimbalzerà sull’atmosfera terrestre per contribuire a disperdere parte dell’energia derivante dal suo ritorno ad alta velocità dalla Luna, quindi precipiterà attraverso l’atmosfera per consegnare i campioni a un’area di atterraggio nelle praterie della Mongolia Interna.

Portare questi campioni, prelevati da un vasto cratere da impatto noto come bacino del Polo Sud-Aitken (SPA), ai laboratori potrebbe portare una serie di inestimabili vantaggi scientifici.

Il bacino SPA è uno dei posti migliori dove andare sulla Luna per ottenere rocce che possono essere studiate per rispondere alle domande che abbiamo sulle origini della Luna e sull’evoluzione geologica“, ha spiegato Katherine Joy, Professoressa di scienze lunari e planetarie all’Università di Manchester nel Regno Unito.

Le rocce raccolte da Chang’e-6 saranno in particolare le prime provenienti dal lato nascosto della Luna, mentre le missioni Apollo hanno tutte visitato il lato visibile: “Speriamo che questi ci aiutino a capire perché il lato vicino e quello lontano della Luna sono così geologicamente diversi l’uno dall’altro”.

I campioni raccolti ci aiuteranno anche a datare l’enorme bacino d’impatto stesso, facendo luce su quando enormi embrioni planetari colpirono la Luna nella sua storia iniziale“.

La missione Chang’e-6 smentisce anche alcune delle ambizioni ancora più grandiose della Cina. Queste manovre saranno utili per esercitarsi in un’altra possibile missione: prelevare campioni da Marte.

Articoli più letti

Related articles

2 Comments