Casa di Leda: dopo 2000 anni scoperti nuovi affreschi

Gli affreschi della Casa di Leda e i papiri di Ercolano: come l’intelligenza artificiale ci fa conoscere le meraviglie dell’antichità

0
776
Casa di Leda

Tra le case più ricche e raffinate di Pompei, c’è la Casa di Leda, così chiamata per il suo affresco principale che raffigura il mito di Leda e il cigno. La Casa di Leda si trova nella Regio I, una delle zone più antiche e prestigiose della città, vicino al Foro, ed era probabilmente la residenza di una famiglia aristocratica, che aveva una grande passione per l’arte e la cultura.

La Casa di Leda era dotata di un atrio, un peristilio, un triclinio, diverse camere da letto, una cucina, un bagno e un giardino, in più la Casa di Leda era decorata con numerosi affreschi di grande qualità e bellezza, che dimostrano la maestria e la creatività degli artisti che li realizzarono.

Casa di Leda

Gli affreschi della Casa di Leda sono stati recentemente scoperti dagli archeologi che scavano a Pompei, durante i lavori di restauro intorno al palazzo. Gli affreschi sono ancora sorprendentemente colorati, nonostante siano passati circa 2.000 anni dalla distruzione della città, ed al momento sono in fase di pulizia per rimuovere la cenere vulcanica che li ricopre, dopodiché saranno restaurati e conservati.

Gli affreschi della Casa di Leda sono una scoperta eccezionale, che arricchisce il patrimonio artistico e culturale di Pompei, e quello più suggestivo e famoso è quello che raffigura la scena del mito greco di Frisso e di sua sorella gemella Elle, mentre fuggono dalla matrigna Ino su un ariete magico con il vello d’oro.



Questo affresco si trova nella parete nord del peristilio della Casa di Leda, la corte interna circondata da un portico con colonne. L’affresco è dipinto come se fosse un quadro incorniciato, appeso su una parete gialla e misura circa 1,5 metri di larghezza e 1 metro di altezza, oltre ad essere realizzato con la tecnica a secco, che consiste nell’applicare i colori su una superficie asciutta, senza usare il legante.

Cosa rappresenta la scena nella Casa di Leda

La scena rappresentata nell’affresco all’interno della Casa di Leda è tratta dalla mitologia greca, ed è legata alla leggenda del vello d’oro, uno dei temi più popolari e affascinanti dell’antichità, dove il vello d’oro era la pelle di un ariete alato e parlante, che aveva il potere di volare e di trasportare chi lo cavalcava.

Il vello d’oro era stato donato da Zeus, il re degli dei, a Nefele, una ninfa delle nuvole, per proteggere i suoi figli Frisso e Elle, che erano minacciati dalla loro matrigna Ino. Ino era la seconda moglie di Atamante, il re di Orcomeno, che aveva sposato dopo la morte di Nefele ed odiava i figli di quest’ultima, al punto di volerli eliminare per favorire i suoi.

Per questo, Ino ordì un piano malvagio: fece bruciare il raccolto di grano, e poi mandò dei messaggeri a consultare l’oracolo di Delfi, fingendo di chiedere una soluzione alla carestia, a questo punto corruppe i messaggeri perché tornassero con una falsa risposta, ovvero che l’oracolo avrebbe detto che l’unico modo per placare la collera degli dei era sacrificare Frisso e Elle.

Casa di Leda

Atamante, credendo all’oracolo, si preparò a compiere il terribile sacrificio, ma Zeus, che vegliava sui figli di Nefele, inviò l’ariete alato con il vello d’oro, che atterrò vicino ai due fratelli. Frisso e Elle salirono sull’ariete e si lanciarono in volo, sfuggendo alla morte, con l’ariete che li portò verso la Colchide, una regione dell’Asia Minore, dove si trovava il tempio di Zeus.

Durante il viaggio, però, Elle cadde in mare, perché il vento le aveva sfilato la collana che le aveva regalato la madre, e Frisso, disperato, non poté fare nulla per salvarla. Elle morì annegata, e il mare dove cadde prese il suo nome: l’Ellesponto, oggi noto come lo stretto dei Dardanelli.

Frisso arrivò sano e salvo in Colchide, dove fu accolto dal re Eete, che gli offrì ospitalità e protezione al che, in segno di gratitudine, sacrificò l’ariete a Zeus e gli donò il vello d’oro, che era una reliquia sacra e preziosa. Eete appese il vello d’oro a un albero in un bosco sacro, e lo fece sorvegliare da un drago che non dormiva mai.

Il vello d’oro rimase lì per molti anni, finché non fu raggiunto da Giasone e dagli Argonauti, gli eroi greci che partirono alla sua ricerca per compiere una grande impresa, ma questa è un’altra storia, che merita di essere raccontata in un altro articolo.

L’affresco della Casa di Leda che raffigura la scena di Frisso e Elle è un capolavoro di arte e di narrazione, e mostra la tensione e il dramma del momento in cui Elle cade in mare, mentre Frisso cerca di afferrarla, inoltre è ricco di dettagli e di colori, che rendono vivida e realistica la scena, grazie anche alla prospettiva e il chiaroscuro per creare un effetto di profondità e di luce.

L’affresco della Casa di Leda è anche un esempio di simbolismo e di allegoria, che trasmette un messaggio morale e filosofico, in quanto rappresenta il tema della fuga e della salvezza, della vita e della morte, del destino e della libertà, oltre ad esprimere il valore dell’amicizia, dell’amore, della fedeltà e del coraggio, che sono le qualità degli eroi.

La Casa di Leda e l’importanza di Pompei

Pompei è una delle città più famose e affascinanti del mondo antico, fondata dai greci nel VII secolo a.C., e divenne una fiorente città romana nel II secolo a.C., con una popolazione di circa 20.000 abitanti. La città era nota per la sua ricchezza, la sua cultura e il suo stile di vita, con splendidi edifici, templi, teatri, terme, ville, botteghe e opere d’arte.

Tuttavia, il 24 agosto del 79 d.C., la città fu colpita da una catastrofe naturale che ne segnò la fine: l’eruzione del Vesuvio, il vulcano che domina il golfo di Napoli. L’eruzione fu improvvisa e violenta, e produsse una nube di gas, ceneri e lapilli che si alzò fino a 30 km di altezza, che si abbatté poi sulla città, seppellendola sotto una coltre di materiale vulcanico che raggiunse i 6 metri di spessore.

Casa di Leda

La maggior parte degli abitanti morì soffocata o schiacciata, mentre alcuni riuscirono a fuggire, con Pompei che però rimase nascosta e dimenticata per secoli, fino a quando non fu riscoperta nel XVIII secolo da alcuni archeologi.

Da allora, Pompei è diventata un sito archeologico di straordinario interesse e valore, che ci permette di conoscere la vita quotidiana, la cultura, la religione, l’arte e la storia dei romani. Pompei è oggi patrimonio mondiale dell’UNESCO e il secondo sito turistico più visitato in Italia, dopo il Colosseo di Roma, ed ogni anno, milioni di visitatori si recano a Pompei per ammirare le sue rovine e i suoi tesori, che continuano a stupire e a emozionare.

Tra i tesori di Pompei, ci sono gli affreschi, le pitture murali che decoravano le pareti delle case e dei monumenti, con gli affreschi che sono tra le testimonianze più preziose e belle dell’arte romana, che si ispirava alla tradizione greca e che si sviluppò in diversi stili e temi. Gli affreschi di Pompei ci mostrano scene di vita quotidiana, di mitologia, di religione, di natura, di erotismo, di politica e di guerra. Gli affreschi di Pompei sono anche un’importante fonte di informazione per lo studio della società, della cultura, della mentalità e dei gusti dei romani.

L’affresco di Frisso e Elle non è l’unico affresco della Casa di Leda che merita attenzione, infatti gli archeologi hanno scoperto anche altri affreschi che raffigurano immagini di natura morta e diversi ritratti di donne.

Gli affreschi di natura morta si trovano nella parete sud del peristilio, e mostrano vari tipi di frutta, verdura, fiori, uccelli e oggetti, oltre ad essere un genere artistico molto diffuso nell’arte romana, che aveva lo scopo di decorare gli ambienti e di esaltare la bellezza e l’abbondanza della natura. Questi sono anche un modo per esprimere il gusto e lo status sociale dei proprietari della casa, che potevano permettersi di acquistare e consumare prodotti rari e pregiati.

Gli affreschi della Casa di Leda sono delle opere d’arte di grande valore, che ci fanno apprezzare la cultura e la sensibilità dei romani, per di più gli affreschi della Casa di Leda sono anche delle testimonianze storiche di grande interesse, che ci fanno conoscere la vita e le storie dei romani.

In conclusione, i nuovi ritrovamenti degli affreschi della Casa di Leda sono le nuove meraviglie di Pompei, che ci mostrano la ricchezza e la varietà dell’arte, della cultura e della storia dell’antichità. Queste scoperte sono anche il frutto del lavoro e della passione di archeologi, storici, filologi, informatici e altri esperti, che si impegnano a studiare, a restaurare e a conservare il patrimonio di Pompei.

Queste scoperte sono infine un invito a visitare e a conoscere Pompei, che è una città che non smette mai di stupirci e di emozionarci, anche perché è una città che vive ancora, grazie alle sue rovine e ai suoi tesori, che ci parlano di un mondo lontano e vicino, di un mondo che possiamo ancora scoprire e ammirare.

Se sei attratto dalla scienzadalla tecnologia, o vuoi essere aggiornato sulle ultime notiziecontinua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

2