11 C
Rome
domenica, Dicembre 4, 2022
HomeVisioni del futuroCapsule galleggianti: la spaventosa previsione di Sony-video

Capsule galleggianti: la spaventosa previsione di Sony-video

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Un nuovo progetto chiamato “One Day, 2050” di Sony immagina il futuro e come gli umani vivranno a Tokyo nel 2050 con la prototipazione di fantascienza in collaborazione con scrittori di fantascienza.

Principalmente causati dai cambiamenti climatici, dallo scioglimento delle acque dei ghiacciai e delle calotte glaciali e dall’espansione termica del riscaldamento dell’acqua di mare, provocano l’innalzamento del livello del mare che rappresenta una grande minaccia per la civiltà umana. Il livello medio globale del mare è aumentato di circa otto-nove pollici (21-24 cm) dal 1880 e continua a salire ogni anno a un ritmo allarmante.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La società spiega il progetto come: “Con “2050“, “Tokyo” e “romanticismo” come parole chiave che definiscono il tema generale, i designer Sony e gli scrittori di fantascienza hanno tenuto seminari per esplorare la vita, gli habitat, i sensi e il benessere in 2050 e il loro sforzo creativo ha portato a una serie di prototipi di design e brevi storie di fantascienza. Ogni prototipo di design presenta un’idea per un servizio o un prodotto che è rilevante per il messaggio di ciascun tema “, nel comunicato stampa.  

L'”Habitat” comprende comunità nomadi basate sul mare dove convivono con la natura. Immaginando la vita in un futuro non così lontano, le città costiere sono state sostituite da alloggi galleggianti ospitati da rifugiati colpiti dal cambiamento climatico che hanno perso le loro case a causa dell’innalzamento del livello del mare. Senza una terra su cui vivere, le persone hanno dovuto trasferirsi su questi baccelli abitativi marini che si spostano attraverso l’oceano, in cerca di sostentamento e un possibile rifugio sicuro.

Secondo Sony, i pod galleggianti hanno una doppia struttura che rimarrà stabile anche durante i temporali. L’esterno dei pod è progettato per rompere le onde in arrivo per ridurre lo scuotimento e l’interno è dove saranno le aree abitative. 

Gli spaziosi pod hanno tre livelli per vivere sia sopra che sotto l’acqua, e tutti e tre sono collegati con scale. Poiché si tratta di un progetto concettuale, le dotazioni dei pod non sono dettagliate, ma possiamo immaginare che siano probabilmente simili agli interni dei bunker dei film distopici

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Per spostarsi in acqua, questi pod futuristici utilizzano getti d’acqua. Oltre alle batterie situate nella parte inferiore delle unità e ai serbatoi di energia autonomi, i pod sono dotati di pannelli sui tetti per una facile generazione di energia solare. Inoltre, puliscono l’acqua con i filtri delle pompe mentre galleggiano attraverso l’oceano.

Quando due o più baccelli si incontrano, possono formare una struttura simile a un alveare e forse anche una “città di mare” per sostenersi a vicenda grazie alle loro forme specifiche. Una volta collegati, potrebbero anche trasferire energia da un serbatoio di energia all’altro in qualsiasi momento della giornata, formando un sistema di alimentazione, tutto in mare. 

Articoli più letti