8.9 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
HomeEcologia e AmbienteCambiamento climatico: gli esseri umani sono la causa

Cambiamento climatico: gli esseri umani sono la causa

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Più del 99,9% degli articoli scientifici sottoposti a revisione paritaria concorda sul fatto che il cambiamento climatico è causato principalmente dall’uomo, secondo una nuova indagine su 88.125 studi relativi al clima.

Gli studi concordano che il cambiamento climatico è stato causato dagli esseri umani

La ricerca aggiorna un documento simile del 2013 che rivela che il 97% degli studi pubblicati tra il 1991 e il 2012 supporta l’idea che le attività umane stiano alterando il clima della Terra. L’attuale sondaggio esamina la letteratura pubblicata dal 2012 a novembre 2020 per esplorare se il consenso è cambiato.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Siamo praticamente certi che il consenso sia ben superiore al 99% ora e che sia praticamente chiuso per qualsiasi conversazione pubblica significativa sulla realtà del cambiamento climatico causato dall’uomo”, ha affermato Mark Lynas, un visiting fellow presso l’Alliance for Science presso Cornell University e primo autore del documento.

“È fondamentale riconoscere il ruolo principale delle emissioni di gas serra in modo da poter mobilitare rapidamente nuove soluzioni, poiché stiamo già assistendo in tempo reale agli impatti devastanti dei disastri legati al clima sulle imprese, sulle persone e sull’economia”, ha affermato Benjamin Houlton, Dean del College of Agriculture and Life Sciences di Cornell e coautore dello studio, “Greater than 99% Consensus on Human Caused Climate Change in the Peer-Reviewed Scientific Literature”, pubblicato il 19 ottobre sulla rivista Environmental Research Letters.

Nonostante tali risultati, i sondaggi di opinione pubblica e le opinioni di politici e rappresentanti pubblici indicano false credenze e affermano che esiste ancora un dibattito significativo tra gli scienziati sulla vera causa del cambiamento climatico. Nel 2016, il Pew Research Center ha scoperto che solo il 27% degli adulti statunitensi crede che “quasi tutti” gli scienziati concordano sul fatto che il cambiamento climatico sia dovuto all’attività umana, secondo il documento. Un sondaggio Gallup del 2021 ha indicato un divario partigiano sempre più profondo nella politica americana sul fatto che l’aumento delle temperature osservate sulla Terra dalla Rivoluzione industriale sia stato causato principalmente dagli esseri umani.

“Per capire dove esiste un consenso, devi essere in grado di quantificarlo”, ha affermato Lynas“Ciò significa esaminare la letteratura in modo coerente e non arbitrario per evitare di scambiare articoli scelti con cura, che è spesso il modo in cui questi argomenti vengono portati nella sfera pubblica”.

Nello studio, i ricercatori hanno iniziato esaminando un campione casuale di 3.000 studi dal set di dati di 88.125 articoli sul clima in lingua inglese pubblicati tra il 2012 e il 2020. Hanno scoperto che solo quattro dei 3.000 articoli erano scettici sul cambiamento climatico causato dall’uomo. “Sapevamo che i documenti scettici sul clima erano incredibilmente piccoli in termini di presenza, ma pensavamo che ce ne fossero ancora di più degli 88.000”, ha detto Lynas.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il coautore Simon Perry, un ingegnere informatico con sede nel Regno Unito e volontario presso l’Alliance for Science, ha creato un algoritmo che ha cercato parole chiave in documenti che il team sapeva essere scettici, come “solare”, “raggi cosmici” e “cicli naturali”.  L’algoritmo è stato applicato a tutti gli oltre 88.000 documenti e il programma li ha ordinati in modo che quelli scettici venissero più in alto nell’ordine. Hanno trovato molti di questi documenti dissenzienti in cima, come previsto, con rendimenti decrescenti più in basso nell’elenco. Nel complesso, la ricerca ha prodotto 28 articoli che erano implicitamente o esplicitamente scettici, tutti pubblicati su riviste minori.

Se il risultato del 97% dello studio del 2013 lasciava ancora qualche dubbio sul consenso scientifico sull’influenza umana sul clima, i risultati attuali vanno ancora oltre per dissipare qualsiasi incertezza, ha affermato Lynas. “Questa dovrebbe essere l’ultima parola”, ha concluso.

 

Articoli più letti