Caffè o tè: quanto berne senza danneggiare la salute?

Tè e caffè sono parte integrante della vita della maggior parte di noi, ma quanto bisogna berne senza correre rischi?

0
120
Il caffè allunga la vita
Il caffè allunga la vita

Il caffè o il , o entrambe le bevande, vengono consumate quotidianamente da ognuno di noi, ma esiste una quantità oltre la quale possono diventare dannose per la salute?

Il caffè allunga la vita

Caffè e tè: ecco quali sono le giuste dosi

Per avere un quadro migliore degli effetti di queste bevande  su di noi, esaminiamo il principio attivo: la caffeina, che è una droga. Si tratta di una sostanza bianca e inodore nota ai chimici come 1,3,7-trimetilxantina ed è composta da 8 atomi di carbonio, 10 di idrogeno, 4 di azoto e 2 di ossigeno.

La caffeina si trova naturalmente nei chicchi di caffè, nelle fave di cacao, nelle noci di cola e nelle foglie di tè. È un antagonista dell’adenosina, che blocca i recettori A1, A2A e A2B nel cervello e nel corpo per favorire la veglia.

Normalmente, l’adenosina (un composto chimico con una struttura 3D simile alla caffeina) si lega ai suoi recettori, rallentando l’attività neurale e provocando sonnolenza. Quando la caffeina, invece, si lega ai recettori, l’adenosina viene bloccata e l’attività cerebrale accelera, facendoti sentire più vigile.



Le due bevande sono il modo più comune per gli esseri umani di assumere la dose di caffeina. Le bevande preparate con i chicchi di caffè risalgono a più di mille anni fa, nelle foreste di caffè del Corno d’Africa.

La leggenda dice che, intorno all’800 d.C., un pastore di capre etiope di nome Kaldi ha notato che le sue capre erano energiche e non dormivano quando mangiavano i chicchi. La bevanda si è diffusa poi verso est nella penisola arabica, raggiungendo lo Yemen nel XV secolo, e l’Egitto, la Siria, la Persia e la Turchia nel 1500. Da lì è arrivato in Europa e infine in tutto il mondo.

La caffeina è presente anche in altre bevande come il tè, la cola e perfino in alcuni alimenti come il cioccolato. Data la prevalenza di questa sostanza, ci sono effetti collaterali negativi di cui dovremmo preoccuparci?

Gli scienziati hanno scoperto un metodo per migliorare il gusto del caffé

 

Per prima cosa, è una sostanza che crea dipendenza. E più bevi, più ne hai bisogno: “Il nostro corpo tende ad adattarsi a un nuovo livello di consumo”,ha spiegato Kitty Pham, dottoranda presso l’Università dell’Australia Meridionale ed esperta in epidemiologia nutrizionale e genetica . “Il tuo corpo sviluppa una tolleranza. Quindi, inizi ad aver bisogno di berne sempre di più per sentire lo stesso effetto di prima”.

Essa può anche agire come ansiogeno, una sostanza che può innescare livelli elevati di ansia. Pham ha rivelato alcuni rischi associati al suo consumo eccessivo per un lungo periodo di tempo.

Con più di 6 tazze al giorno, abbiamo notato un aumento del rischio di demenza“, ha specificato: “Ci sono anche alcune ricerche su come potrebbe aumentare il colesterolo. C’è una sostanza nel caffè chiamata cafestol che può regolare il colesterolo nel sangue. Se ne bevi troppo, potrebbe aumentare il colesterolo. Quindi i rischi ci sono, ma spesso sono a consumi davvero elevati”.

Quindi, quanta è troppa secondo la scienza?Questa è la domanda da un milione di dollari, non è vero? Ci sono molte ricerche diverse a riguardo. È difficile stabilire un limite preciso. Ma in generale, la maggior parte degli studi concorda sul fatto che una o due tazze, o l’equivalente di 100-200 milligrammi di caffeina, sono sicuri e vanno bene”.

Una tazza media ne contiene circa 100 mg. In media, quello solubile con un cucchiaino di polvere ne contiene circa 70 mg, mentre una cialda ne contiene 60-90 mg. Altre bevande potrebbero contenerne ancora di più, il che rende importante monitorare il consumo con maggiore attenzione.

Ti va un caffè?
Ti va un caffè?

Una lattina da 355 ml di bevanda energetica Red Bull nr contiene più di 110 mg. Nel frattempo, una barretta media di cioccolato fondente ne contiene circa 70 mg.

Molte persone stanno abbandonando il caffè per dedicarsi a bevande come tè e matcha che possono avere ulteriori benefici per la salute. Una tazzada 100 grammi di tè nero ne contiene solo circa 20 mg, mentre il matcha può contenerne 140-170 mg.

“Guardando gli Stati Uniti, di solito raccomandano meno di 400 milligrammi. Quindi, nel complesso, moderazione e mantenimento del consumo tra una o due tazze: questo è ciò che consiglierei.

2