Buceri pezzati orientali: gli uccelli con le stesse capacità cognitive dei primati

Una nuova ricerca ha dimostrato le sofisticate capacità cognitive dei buceri pezzati orientali, assimilabili a quelle dei primati

1
121
Buceri pezzati orientali

Solo alcuni animali sono in grado di comprendere la permanenza degli oggetti, ovvero l’idea che qualcosa esista ancora anche quando è fuori dalla vista. I buceri pezzati orientali, (Anthracoceros albirostris), secondo un recente studio, sono tra i pochi dotati di una comprensione avanzata. È un’abilità intelligente che torna utile quando le femmine nidificanti si chiudono fuori dalla vista nelle cavità degli alberi, contando sul loro compagno per portare loro il cibo.

Buceri pezzati orientali

Buceri pezzati orientali hanno dimostrato di essere straordinariamente intelligenti

Per deporre e prendersi cura delle uova in sicurezza, le femmine di buceri pezzati orientali si murano nel loro rifugio servendosi di fango, feci, saliva, frutta e corteccia. Lasciano solo una stretta fessura per la consegna del cibo ai maschi. Affinché la prole all’interno possa sopravvivere, i buceri maschi devono capire che il loro compagno esiste ancora anche quando non possono vederli.

Da una prospettiva evolutiva, la capacità di rappresentare altri animali e oggetti quando sono lontani dalla vista offre grandi vantaggi adattivi in attività come il foraggiamento e l’evitare la predazione“, hanno spiegato nella nuova ricerca gli psicologi Ruitong Yao ed Elias Garcia-Pelegrin dell’Università Nazionale di Singapore.

Buceri pezzati orientali



Eppure, a parte i corvidi notoriamente intelligenti e i pappagalli sfacciatamente intelligenti, in precedenza non si sapeva che nessun altro uccello avesse una permanenza degli oggetti nella stessa misura dei primati. Anche se altre specie di uccelli sono state testate, sono riuscite a raggiungere solo lo stadio quattro dei sei stadi di sviluppo osservati nei bambini umani.

Per vedere quanto siano avanzate le abilità di permanenza degli oggetti dei buceri, Yao e Garcia-Pelegrin hanno messo alla prova sei esemplari di buceri pezzati orientali.

I ricercatori hanno insegnato ai buceri a indicare dove si trova un bocconcino visibile con una beccata. Successivamente, gli uccelli sono stati sottoposti a una serie di test, che hanno messo alla prova livelli sempre più difficili di permanenza degli oggetti.

Nella quinta fase, i buceri hanno osservato che una ricompensa veniva posizionata sotto una tazza, quindi spostata in un’altra tazza. Indicando la tazza in cui era finito il bocconcino, gli uccelli hanno dimostrato di comprendere lo spostamento visibile.

Ecco come i buceri pezzati orientali hanno superato i test cognitivi

Tutti e sei gli esemplari testati dai ricercatori sono riusciti a raggiungere questo livello di permanenza dell’oggetto, ricevendo il premio come meritata ricompensa. Ma solo tre buceri sono riusciti a raggiungere la sesta fase: lo spostamento invisibile.

In questa fase, gli uccelli non hanno potuto vedere il dolcetto spostarsi da una tazza all’altra. Invece, il dolcetto veniva nascosto sotto una piccola scatola rossa e poi spostato sotto una tazza più grande. Quando la scatola rossa è stata tolta da sotto la tazza e si è scoperto che era vuota, alcuni uccelli hanno capito che il dolcetto doveva essere stato lasciato sotto l’ultima tazza, anche se non lo avevano visto direttamente accadere.

Comprendere lo spostamento invisibile è più complesso, poiché implica l’integrazione di varie abilità cognitive, tra cui la memoria, il ragionamento spaziale e l’inferenza logica“, hanno spiegato gli studiosi Yao e Garcia-Pelegrin.

È interessante notare che i tre uccelli che non sono riusciti a superare il quinto stadio di permanenza dell’oggetto non avevano esperienza riproduttiva. Questa potrebbe essere solo una coincidenza, dato che sono stati testati solo sei uccelli, o potrebbe indicare che livelli più avanzati di permanenza dell’oggetto possono essere appresi dall’esperienza di nutrire o ricevere cibo da un compagno.

Per quanto ne sappiamo, i buceri pezzati orientali sono le prime specie di uccelli al di fuori delle famiglie dei corvidi e dei pappagalli a mostrare livelli di permanenza degli oggetti paragonabili a quelli delle scimmie“, hano confermato Yao e Garcia-Pelegrin.

Buceri pezzati orientali

I risultati del team suggeriscono che i buceri potrebbero essere un gruppo trascurato di specie di uccelli altamente intelligenti. Sono ora necessarie ulteriori ricerche per vedere se questa specie di uccello ha altre capacità cognitive che rivaleggiano con quelle di pappagalli e corvidi.

La permanenza degli oggetti, la capacità di rappresentare mentalmente gli oggetti anche quando non sono direttamente accessibili ai sensi, è di vitale importanza per la sopravvivenza degli animali sia umani che non umani.

Durante il test, i buceri pezzati orientali hanno costantemente dimostrato la permanenza spontanea dell’oggetto in tutte le fasi che portano allo stadio di spostamento invisibile. La metà dei soggetti ha raggiunto lo stadio 6 della permanenza dell’oggetto piagetiano a doppio spostamento invisibile, mentre l’altra metà ha raggiunto lo stadio 5 a doppio spostamento visibile.

2