Brillamento solare di classe X, problemi alle comunicazioni in corso

Il brillamento solare è esploso da una macchia solare sette volte la larghezza della Terra. La potenza del Sole, la nostra Stella che genera vita, ma anche qualche imprevisto!

0
597
Brillamento solare di classe X, problemi alle comunicazioni in corso
Brillamento solare di classe X, problemi alle comunicazioni in corso

[tta_listen_btn]
Il Sole è la nostra Stella, madre e datrice di vita, ma a volte anche di qualche imprevisto poco gradito per noi terrestri. Lo scorso 2 luglio è esplosa una gigantesca macchia solare che ha colpito l’atmosfera terrestre, causando un blackout radio su diverse parti degli USA e dell’Oceano Pacifico.

Il brillamento solare si è verificato, precisamente, dalla macchia solare AR3354, sette volte più grande della Terra. Il bagliore che è esposo dal Sole è stato visto come un lampo brillante ultravioletto dal Solar Dynamic Observatory della NASA. Il brillamento è stato classificato come X-Flare, ovvero il più forte brillamento solare conosciuto dagli studiosi. La genesi di questo bagliore è interessante e forse insolita.

Sole: gli effetti delle radiazioni del bagliore sulla Terra

Spaceweather.com riferisce che le radiazioni del bagliore hanno ionizzato la parte superiore dell’atmosfera terrestre, provocando un profondo blackout radio a onde corte sulle parti occidentali degli Stati Uniti e sull’Oceano Pacifico che è durato circa 30 minuti.

Il fisico solare Keith Strong ha condiviso uno straordinario filmato del bagliore su Twitter, scrivendo: “X FLARE IN PROGRESS!!! La regione delle macchie solari AR3354 vicino al lembo NW ha appena prodotto un bagliore X1.07 (tra il 10° e il 14° bagliore più grande finora, questo ciclo solare ). Questo è il 18° bagliore X durante SC25 ([Ciclo solare 25, l’attuale ciclo solare] rispetto ai soli 14 di SC24)”.

Strong ha anche sottolineato su Twitter che giugno 2023 ha segnato la media mensile più alta per il numero di macchie solari in 21 anni. In un altro tweet, il fisico solare ha scritto che giugno 2023 ha segnato il “numero medio mensile più alto di macchie solari da settembre 2022! L’SNN di giugno 2023 era 163,4 il valore più alto da oltre 20 anni. Il modello CM prevede ora un picco per SC25 di appena sotto i 200, il modello CM a 125 (SC42 era 116). Qualche credente del Grande Minimo Solare è rimasto là fuori?“.



I brillamenti solari si generano quando i campi magnetici attorno alle macchie solari si aggrovigliano, si rompono e poi si riconnettono, un processo chiamato riconnessione.

Come sono raggruppati i flare?

I flare sono raggruppati in base alla loro forza, con i flare più piccoli chiamati B-flare, seguiti da C-flare, quindi M-flare. La classe più forte di brillamenti solari sono i brillamenti X come quello che è stato visto da AR3354 domenica.

Le classi di brillamento solare aumentano di forza in base alla grandezza, proprio come la scala Richter classifica i terremoti. Ciò significa che un bagliore di classe X è dieci volte più potente di un bagliore di classe M ed è 1.000 volte più potente di un bagliore di classe B.

Cosa sono le espulsioni di massa coronale?

Brillamenti di lunga durata come questo a volte sono accompagnati da espulsioni di massa coronale (CME), eventi in cui i campi magnetici emettono un’enorme quantità di materiale stellare sotto forma di plasma che fuoriesce dal Sole. Sebbene il bagliore X di domenica sia stato abbastanza duraturo da innescare un CME, gli osservatori solari devono ancora vedere una significativa espulsione di plasma associata a questo bagliore o alla macchia solare AR3354.

Quanche info in più sui brillamenti solari

Come spiega Space.com i brillamenti solari sono grandi esplosioni dalla superficie del Sole che emettono intense esplosioni di radiazioni elettromagnetiche. L’intensità dell’esplosione determina a quale classificazione appartiene il bagliore. I più potenti sono quelli di classe X, seguiti da quelli di classe M, C e B; i classe A sono i più piccoli.
Questi bagliori possono essere visibili come lampi luminosi in una particolare regione del Sole e possono durare diversi minuti, secondo la University Corporation for Atmospheric Research (UCAR).
I brillamenti solari si verificano quando l’energia magnetica si accumula nell’atmosfera solare e viene rilasciata improvvisamente. Queste esplosioni sono intrinsecamente legate al ciclo solare, un ciclo di circa 11 anni di attività solare guidato dal campo magnetico del Sole.
2