SLIM: sopravviverà a 2 settimane di notte lunare?

Dopo una breve ripresa, SLIM si è di nuovo spento e ora ci si chiede se resisterà alle due settimane di notte lunare

0
169
Slim

Dopo un breve risveglio, il lander lunare giapponese SLIM è di nuovo fuori servizio, ma riprenderà la sua missione se sopravviverà alle due settimane di notte lunare. Lo Smart Lander for Investigating Moon senza equipaggio è atterrato il mese scorso con un’angolazione traballante che ha lasciato i suoi pannelli solari rivolti nella direzione sbagliata.

Slim

Slim: di nuovo fuori servizio

Quando l’angolazione del sole si è spostata SLIM è tornato a lavorare per due giorni e ha effettuato osservazioni scientifiche di un cratere con la sua fotocamera ad alte prestazioni: “Dopo aver completato l’operazione dal 30/1 al 31/1, il lander è entrato in un’ibernazione di due settimane che durerà per tutta la lunga notte lunare”, ha detto l’agenzia spaziale JAXA su X.

Sebbene SLIM non sia stato progettato per le dure notti lunari, prevediamo di provare ad attivarlo a partire da metà febbraio, quando il Sole splenderà di nuovo sulle sue celle solari”. JAXA ha affermato che il lander è stato in grado di: “Completare con successo le osservazioni come originariamente previsto” grazie alla sua fotocamera spettroscopica multibanda e ha potuto studiare più aree target di quanto inizialmente previsto.

L’agenzia spaziale ha pubblicato anche una foto in bianco e nero della superficie rocciosa scattata dalla navicella spaziale. Sono seguite altre immagini sgranate inviate dalla missione per indagare su un’area esposta del mantello lunare. SLIM, soprannominato “Moon Sniper” per la sua tecnologia di atterraggio di precisione, è atterrato nella zona di allunaggio target il 20 gennaio.



L’impresa è stata un successo per il programma spaziale giapponese dopo una serie di recenti fallimenti, rendendo la nazione solo la quinta a realizzare un “atterraggio morbido” sulla Luna, dopo Stati Uniti, Unione Sovietica, Cina e India.

Il lander lunare Peregrine della società statunitense Astrobotic ha iniziato a perdere carburante dopo il decollo a gennaio, compromettendo la sua missione. Probabilmente è bruciato nell’atmosfera terrestre al suo ritorno.

La NASA ha anche rinviato i piani per le missioni lunari con equipaggio nell’ambito del programma Artemis.

Lo Smart Lander è stato lanciato alla fine del 6 settembre 2023, a bordo di un razzo H-IIA dallo spazioporto di Tanegashima in Giappone. Invece di effettuare un lancio diretto verso la Luna, SLIM è entrato in un’orbita terrestre bassa iniziale come parte di un lancio congiunto con l’osservatorio spaziale a raggi X XRISM, iniziando un viaggio insolitamente lungo, ma necessario verso la Luna.

La luna si sta restringendo, Slim

Le squadre di terra hanno quindi condotto una serie di controlli prima che la navicella spaziale utilizzasse i suoi motori per aumentare la propria orbita. Il 30 settembre la navicella spaziale ha effettuato la sua iniezione translunare, avviandola su una rotta. Invece di effettuare una grande frenata provocata dalla maggior parte dei veicoli spaziali diretti alla Luna, SLIM ha effettuato un sorvolo lunare.

La traiettoria intelligente e di risparmio di carburante di SLIM lo ha visto volare nel deep space su un’orbita lunga e circolare che lo ha riportato vicino alla Luna alla fine di dicembre. Questo approccio lunare ha permesso al lander di procedere in orbita attorno alla Luna con una frenata minore. Questo, soprattutto, ha consentito alla navicella di risparmiare carburante, trascorrendo circa un mese in orbita lunare mentre si preparava all’atterraggio.

Il lander lunare giapponese era tornato in vita consentendo alla navicella di procedere con la sua missione di esplorazione della superficie lunare nonostante il suo inizio un po’ rocambolesco. Durante l’allunaggio, soprannominato i “20 minuti di terrore“, SLIM ha avuto problemi al motore.

Il lander giapponese SLIM è atterrato sulla Luna ma con qualche problema

I pannelli solari si sono rivolti a ovest anziché verso l’alto, e non era sicuro se avrebbero ancora ricevuto abbastanza luce solare per funzionare tanto che sono stati spenti i motori con il 12% di potenza rimanente, sperando che il velivolo si svegliasse.

Prima di spegnere il lander, il controllo missione è riuscito a scaricare i dati tecnici e di immagine dell’allunaggio di SLIM e del cratere lunare dove è atterrato. Anche due sonde si sono staccate con successo, ha detto JAXA, una con un trasmettitore e un’altra progettata per spostarsi sulla superficie lunare trasmettendo immagini alla Terra.

2