L’amministratore della NASA Bill Nelson crede che non siamo soli nell’universo

Nelson, un ex astronauta, ha detto alla CNN di avere chiesto agli scienziati della NASA di studiare il fenomeno e cercare potenziali spiegazioni e riferire direttamente a lui

Indice

L’amministratore della NASA Bill Nelson afferma di non pensare che “siamo soli” dopo aver letto il recente rapporto della comunità dell’intelligence statunitense sui fenomeni aerei non identificati (UAP), aggiungendo che il lancio del nuovo telescopio spaziale James Webb, che avverrà entro la fine dell’anno, potrebbe aiutarci a trovare più pianeti potenzialmente sede di vita aliena.

Una copia non classificata del rapporto è stata rilasciata al pubblico venerdì scorso ha confermato che ci sono stati più di 140 avvistamenti UAP, con alcuni legislatori che hanno sollevato preoccupazioni sul fatto che gli oggetti potrebbero essere controllati da paesi stranieri potenzialmente ostili.

Nelson, un ex astronauta che in precedenza è stato senatore senior della Florida, ha detto alla CNN di avere chiesto agli scienziati della NASA di studiare il fenomeno e cercare potenziali spiegazioni e riferire direttamente a lui.

Sì, ho visto il rapporto riservato. Dice sostanzialmente quello che pensavamo. Non conosciamo la risposta a ciò che hanno visto quei piloti della Marina, sanno di aver visto qualcosa, l’hanno rintracciato, hanno bloccato il loro radar su di esso, lo hanno seguito, si sarebbe improvvisamente spostato rapidamente da un luogo all’altro“, ha detto.

E ciò che il rapporto ci dice che è pubblico, è che ci sono stati oltre 140 di questi avvistamenti. Quindi, naturalmente, quello che chiedo ai nostri scienziati di fare è vedere se c’è qualche tipo di spiegazione, da un punto di vista scientifico, e sto aspettando il loro rapporto“, ha detto, aggiungendo di aver parlato con i piloti della Marina a seguito di un briefing sulla questione mentre era ancora in servizio nella camera alta del Congresso.

… Ho parlato con i piloti della Marina, quando siamo stati informati nel Comitato dei servizi armati del Senato, e la mia sensazione è che ci sia chiaramente qualcosa. Potrebbe non essere necessariamente extraterrestre, ma se è una tecnologia che alcuni dei nostri avversari detengono, allora è meglio che ci preoccupiamo“.

Nelson ha aggiunto che non crede che paesi stranieri abbiano la capacità di creare i tipi di tecnologie che stanno esaminando, osservando che sia il governo che il pubblico sperano di ottenere ulteriori informazioni.

Non pensiamo così [che sia un avversario], ma quando si tratta di universo, ricorda che l’universo è così grande, abbiamo un programma della NASA chiamato Search for Extraterrestrial Intelligence. Ma finora, non abbiamo individuato alcuna comunicazione da qualcosa di intelligente“, ha detto.
Le persone sono affamate di sapere. E, naturalmente, sin da ‘Star Trek’, sai che la gente desidera ardentemente scoprire cosa c’è là fuori nel cosmo. Siamo soli? Personalmente non credo che lo siamo. L’universo è così grande, è 13 miliardi e mezzo di anni fa quando è iniziato l’universo. È piuttosto grande. Ma le persone sono affamate di questo tipo di informazioni e continueremo a cercare“.
Nelson ha affermato che il lancio del James Webb Space Telescope entro la fine dell’anno svolgerà un ruolo chiave nella loro missione conoscitiva.
Stiamo già trovando esempi di altri pianeti attorno ad altri soli, quando lanceremo il telescopio James Webb a novembre, guarderà indietro nel tempo, quasi all’inizio del tempo e troverà altri pianeti oltre a fornirci maggiori dettagli su quelli che conosciamo“, ha concluso.

Articoli più letti

Related articles