Bere caffè è collegato a un minor rischio di morte per qualsiasi causa

Anche se si prende caffè zuccherato

408

Il caffè è una delle bevande più consumate nel mondo. Con tutto questo consumo, è una fortuna che gli studi abbiano trovato possibili benefici per la salute derivanti dal consumo di caffè, inclusa un’associazione con un minor rischio di morte.

I ricercatori si sono chiesti se questa associazione sia valida anche quando il caffè è zuccherato o se un cucchiaio di zucchero ne diminuisca i benefici. I risultati dello studio rappresentano una buona notizia per coloro che amano addolcire questa bevanda, poiché è stato riscontrato un ridotto rischio di morte per i bevitori moderati sia non zuccherato che zuccherato.

Un nuovo studio di coorte ha scoperto che rispetto ai non bevitori di caffè, gli adulti che ne bevono quantità moderate (da 1,5 a 3,5 tazze al giorno) non zuccherato o dolcificato con zucchero hanno meno probabilità di morire. Lo studio è stato effettuato con un periodo di follow-up di 7 anni. I risultati per coloro che utilizzano dolcificanti artificiali sono meno chiari. I risultati dello studio sono stati pubblicati negli Annals of Internal Medicine.
Studi precedenti che hanno osservato gli effetti del caffè sulla salute avevano scoperto che il consumo di questa bevanda è associato a un minor rischio di morte, ma non era stata fatta una distinzione tra non zuccherato e consumato con zucchero o dolcificanti artificiali.

Zollette di zucchero e caffè

I ricercatori hanno scoperto che coloro che bevono da 1,5 a 3,5 tazze al giorno di caffè addolcito con zucchero hanno dal 29 al 31% in meno di probabilità di morire rispetto alle persone che non bevevano caffè.

I ricercatori della Southern Medical University di Guangzhou, in Cina, hanno utilizzato i dati del questionario sul comportamento sanitario dello studio Biobank del Regno Unito per valutare le associazioni tra il consumo di caffè zuccherato, zuccherato artificialmente e non zuccherato con la mortalità per tutte le cause e per causa specifica. A più di 171.000 partecipanti dal Regno Unito senza malattie cardiache o cancro note sono state poste diverse domande sul comportamento alimentare e sanitario per determinare le abitudini di consumo del caffè.

Gli autori hanno scoperto che durante il periodo di follow-up di 7 anni, i partecipanti che hanno bevuto qualsiasi quantità di caffè non zuccherato hanno avuto dal 16 al 21% in meno di probabilità di morire per qualsiasi causa rispetto ai partecipanti che non bevevano caffè. Hanno anche scoperto che i partecipanti che bevevano da 1,5 a 3,5 tazze al giorno di caffè addolcito con zucchero avevano dal 29 al 31% in meno di probabilità di morire rispetto ai partecipanti che non ne bevevano. Gli autori hanno notato che gli adulti che lo bevevano zuccherato aggiungevano in media solo circa 1 cucchiaino di zucchero per tazzina. I risultati non sono stati conclusivi per i partecipanti che hanno utilizzato dolcificanti artificiali.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Un editoriale di accompagnamento dei redattori di Annals of Internal Medicine osserva che mentre il caffè ha qualità che potrebbero rendere possibili benefici per la salute, variabili confondenti tra cui differenze più difficili da misurare nello stato socioeconomico, nella dieta e altri fattori dello stile di vita possono influire sui risultati. Gli autori aggiungono che i dati dei partecipanti hanno almeno 10 anni e sono raccolti da un paese in cui il tè è una bevanda altrettanto popolare. Avvertono che la quantità media di zucchero giornaliero per tazza di caffè registrata in questa analisi è molto inferiore rispetto alle bevande speciali nei ristoranti delle catene di caffè popolari e molti consumatori di caffè possono berlo al posto di altre bevande, il che rende più difficili i confronti con i non bevitori.

Sulla base di questi dati, i medici possono dire ai loro pazienti che non è necessario che la maggior parte dei bevitori di caffè elimini la bevanda dalla propria dieta, ma che siano cauti riguardo ai caffè speciali ad alto contenuto calorico.

Riferimenti:

Effectiveness and Harms of Contraceptive Counseling and Provision Interventions for Women: A Systematic Review and Meta-analysis” di Heidi D. Nelson, MD, MPH, Amy Cantor, MD, MPH, Rebecca M. Jungbauer, DrPH, MA, Karen B. Eden, PhD, Blair Darney, PhD, MPH, Katherine Ahrens, PhD, MPH, Amanda Burgess, MPPM, Chandler Atchison, MPH, Rose Goueth, MS e Rongwei Fu, PhD, 24 maggio 2022, Annals of Internal Medicine .
DOI: 10.7326/M21-4380

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

The Potential Health Benefit of Coffee: Does a Spoonful of Sugar Make It All Go Away?” di Christina C. Wee, MD, MPH, 31 maggio 2022, Annals of Internal Medicine .
DOI: 10.7326/M22-1465