Avvengono sempre più scoperte archeologiche, contribuendo a migliorare la nostra conoscenza dell’origine dell’uomo

Solo 20 anni fa, nessuno avrebbe potuto immaginare ciò che gli scienziati sanno oggi sul passato dell'umanità, per non parlare di quanta conoscenza si potesse estrarre da un ditale di sporcizia, un graffio su una placca dentale o dai satelliti nello spazio.

0
2983

Nel 1924, il cranio di un bambino di 3 anni trovato in Sudafrica cambiò per sempre il nostro modo di pensare alle origini umane.
Il Taung Child, il nostro primo incontro con un antico gruppo di proto-umani o ominini chiamati australopitecine, è stato un punto di svolta nello studio dell’evoluzione umana. Questa scoperta ha spostato il focus della ricerca delle origini umane da Europa e Asia sull’Africa, ponendo le basi per l’ultimo secolo di ricerca nel continente “culla del genere umano.”
Poche persone allora sarebbero state in grado di prevedere ciò che gli scienziati sanno dell’evoluzione oggi, e ora il ritmo delle scoperte è più veloce che mai. Anche dall’inizio del XXI secolo, i libri di testo sulle origini umane sono stati riscritti più volte. Solo 20 anni fa, nessuno avrebbe potuto immaginare ciò che gli scienziati sanno oggi sul passato dell’umanità, per non parlare di quanta conoscenza si potesse estrarre da un ditale di sporcizia, un graffio su una placca dentale o dai satelliti nello spazio.

I fossili umani stanno superando l’albero genealogico

In Africa, ora ci sono diversi candidati fossili per il primo ominino datati tra 5 e 7 milioni di anni fa, più o meno il momento in cui, in base alle differenze nel nostro DNA, pensiamo che gli umani probabilmente si sono separati dalle altre Grandi scimmie.
Sebbene scoperto negli anni ’90, la pubblicazione dello scheletro di 4,4 milioni di anni soprannominato “Ardi” nel 2009 ha cambiato il punto di vista degli scienziati su come gli ominidi hanno iniziato a camminare.

file 20191219 11909 obon37.jpeg?ixlib=rb 1.1
Fossili come quello di Australopithecus sediba, scoperto in Sudafrica, stanno rimodellando l’albero genealogico umano. Foto di Brett Eloff. Per gentile concessione del professor Berger e Wits University , CC BY-SA

A completare i nostri nuovi parenti ci sono alcune australopitecine, tra cui Australopithecus deryiremeda e Australopithecus sediba, oltre a una specie potenzialmente remota del primo Homo che riaccese il dibattito su quando gli umani iniziarono a seppellire i loro morti.
Anche le prospettive sulla nostra stessa specie sono cambiate. Gli archeologi in precedenza pensavano che l’ Homo sapiens si fosse evoluto in Africa circa 200.000 anni fa, ma la storia è diventata più complicataI fossili scoperti in Marocco risalgono a 300.000 anni fa, in linea con le prove del DNA antico. Ciò solleva dubbi sul fatto che la nostra specie sia emersa in ogni singolo posto.
Questo secolo ha portato anche scoperte inaspettate in Europa e in Asia. Dagli enigmatici “hobbit” sull’isola indonesiana di Flores ai Denisovani in Siberia, i nostri antenati potrebbero aver incontrato una varietà di altri ominidi quando si sono diffusi fuori dall’Africa. Proprio quest’anno, i ricercatori hanno segnalato una nuova specie scoperta nelle Filippine.
Gli antropologi si stanno rendendo conto che i nostri antenati Homo sapiens avevano molti più contatti con altre specie umane di quanto si pensasse in precedenza. Oggi l’evoluzione umana assomiglia meno all’albero di Darwin e più a un flusso fangoso e intrecciato.

file 20191216 123998 1trhsoy.jpg?ixlib=rb 1.1
L’ascesa dell’archeologia biomolecolare significa nuove opportunità di collaborazione interdisciplinare tra scienziati sul campo e di laboratorio. Christina Warinner , CC BY-ND

Il DNA antico rivela vecchie relazioni

Molte scoperte recenti sono state rese possibili dalla nuova scienza del DNA antico.
Da quando gli scienziati hanno sequenziato completamente il primo antico genoma umano nel 2010, i dati di migliaia di individui hanno fornito nuove intuizioni sulle origini e sulla storia antica della nostra specie.

file 20191221 11900 1i8iio9.jpg?ixlib=rb 1.1
Lo scavo del 2010 nella Galleria orientale della grotta di Denisova, dove sono state scoperte le antiche specie di ominidi conosciute come i Denisovani. Bence Viola. Dipartimento di Antropologia, Università di Toronto , CC BY-ND

Una scoperta scioccante è che sebbene i nostri lignaggi si siano separati fino a 800.000 anni fa, gli umani moderni e i Neanderthal si accoppiarono più volte durante l’ultima era glaciale. Questo è il motivo per cui molte persone oggi possiedono un po’ di DNA di Neanderthal.
Grazie al DNA antico i ricercatori hanno identificato per la prima volta i misteriosi Denisovani, che si sono incrociati con noi ed i Neanderthal. E mentre la maggior parte degli studi sono ancora condotti su ossa e denti, è ora possibile estrarre il DNA antico da altre fonti come lo sporco delle caverne e la gomma da masticare vecchia di 6000 anni.
I metodi genetici stanno anche ricostruendo le relazioni individuali e familiari e collegando gli individui antichi ai popoli viventi ponendo fine a dibattiti di decenni.
Le applicazioni vanno ben oltre gli umani. La paleogenomica sta producendo sorprendenti scoperte su piante e animali da semi e scheletri antichi nascosti nel retro dei musei.

file 20191216 124036 13tvs7z.jpg?ixlib=rb 1.1
I musei di storia naturale sono ricchi di informazioni, alcune delle quali possono essere sfruttate solo attraverso nuovi metodi biomolecolari. Gli scienziati analizzano scheletri di animali moderni e fossili per porre domande sul passato usando proteine ​​antiche. Mary Prendergast presso i musei nazionali del Kenya , CC BY-ND

Le biomolecole stanno rendendo visibile l’invisibile

Il DNA non è l’unica molecola che rivoluziona gli studi del passato.
La paleoproteomica, lo studio di antiche proteine, è in grado di determinare le specie di un fossile e recentemente ha collegato una scimmia estinta alta 9 piedi e 1300 libbre che visse quasi 2 milioni di anni fa con gli oranghi di oggi.
Il calcolo dentale è particolarmente istruttiva, rivelando tutto da chi beveva latte 6000 anni fa alla sorprendente diversità di piante, alcune probabilmente medicinali, nelle diete di Neanderthal. Questo studio può aiutare gli scienziati a comprendere le malattie antiche e come il microbioma intestinale umano è cambiato nel tempo. I ricercatori hanno persino trovato indizi culturali: il lapislazzuli blu brillante intrappolato nel calcolo renale di una suora medievale ha portato gli storici a riconsiderare chi ha scritto manoscritti miniati.

file 20191216 123987 1q3l38p.png?ixlib=rb 1.1
Gli scienziati hanno inaspettatamente trovato il pigmento di lazurite nella placca calcificata aggrappata a un dente di donna dell’XI-XII secolo, sfidando l’ipotesi che i monaci maschi fossero i principali produttori di manoscritti medievali. Christina Warinner , CC BY-ND

I residui lipidici intrappolati nelle ceramiche hanno rivelato le origini del consumo di latte nel Sahara e hanno dimostrato che i vasi dalla forma strana trovati in tutta l’età del bronzo e dell’età del ferro erano antichi biberon.
I ricercatori usano “codici a barre” a base di collagene di diverse specie animali per rispondere a domande che vanno da quando i ratti asiatici arrivavano come naufraghi su navi dirette in Africa a quali animali venivano usati per produrre pergamene medievali o persino per rilevare microbi lasciati dal bacio di un monaco su una pagina.



I big data stanno rivelando grandi schemi

Mentre le biomolecole aiutano i ricercatori a ingrandire i dettagli microscopici, altri approcci consentono loro di rimpicciolire. Gli archeologi hanno utilizzato la fotografia aerea dagli anni ’30, ma le immagini satellitari ampiamente disponibili ora consentono ai ricercatori di scoprire nuovi siti e monitorare quelli esistenti a rischio. I droni che sorvolano i siti aiutano a indagare su come e perché sono stati realizzati e combattono il saccheggio.

file 20191219 11891 t26lov.jpg?ixlib=rb 1.1
Gli archeologi usano sempre più la tecnologia per capire come i siti si adattano al loro ambiente e per documentare i siti a rischio. Qui, un drone ha catturato un indizio (un tumulo che indica l’accumulo di antichi insediamenti) nella regione del Kurdistan in Iraq. Jason Ur , CC BY-ND

Originariamente sviluppato per applicazioni spaziali, gli scienziati ora utilizzano LIDAR, una tecnica di telerilevamento che utilizza i laser per misurare le distanze, per mappare le superfici 3D e visualizzare i paesaggi qui sulla Terra. Di conseguenza, antiche città stanno emergendo dalla fitta vegetazione in luoghi come il Messico, la Cambogia e il Sudafrica.
Anche le tecnologie che possono scrutare sottoterra dalla superficie, come Ground Penetrating Radar, stanno rivoluzionando il campo, ad esempio rivelando strutture precedentemente sconosciute a Stonehenge. Sempre più, gli archeologi sono in grado di fare il loro lavoro senza nemmeno scavare una buca.

file 20191216 123992 1dzh788.jpg?ixlib=rb 1.1
I metodi di rilevamento geofisico consentono agli archeologi di rilevare caratteristiche sepolte senza scavare grandi buchi, massimizzando la conoscenza e minimizzando la distruzione. Mary Prendergast e Thomas Fitton , CC BY-ND

I team di archeologi stanno combinando grandi set di dati in nuovi modi per comprendere i processi su larga scala. Nel 2019, oltre 250 archeologi hanno unito le loro scoperte per dimostrare che gli esseri umani hanno alterato il pianeta per migliaia di anni, ad esempio, con un sistema di irrigazione di 2000 anni fa in Cina. Questo fa eco ad altri studi  che sfidano l’idea che l’Antropocene, l’attuale periodo definito dalle influenze umane sul pianeta, sia iniziato solo nel 20° secolo.

Nuove connessioni stanno aumentando nuove possibilità

Questi progressi riuniscono i ricercatori in modi nuovi ed entusiasmanti. Oltre 140 nuove linee di Nazca, antiche immagini scolpite in un deserto peruviano, sono state scoperte usando l’intelligenza artificiale per setacciare immagini di droni e satelliti. Con la ricchezza di immagini satellitari online ad alta risoluzione, i team si stanno anche rivolgendo al crowdsourcing per trovare nuovi siti archeologici.
Sebbene le nuove partnership tra archeologi e specialisti scientifici non siano sempre prive di tensioni, vi è un crescente consenso sul fatto che studiare il passato significhi raggiungere campi diversi.
Il movimento Open Science mira a rendere questo lavoro accessibile a tutti. Gli scienziati, tra cui gli archeologi, condividono i dati più liberamente all’interno e all’esterno dell’Accademia. Programmi di archeologia pubblicascavi di comunità e collezioni di musei digitali stanno diventando comuni. Puoi persino stampare la tua copia di fossili famosi da scansioni 3D disponibili gratuitamente o un libro da colorare archeologico in oltre 30 lingue.

Studiare il passato per cambiare il nostro presente

Poiché i nuovi metodi consentono una visione profonda della storia condivisa dell’umanità, una delle sfide è garantire che queste intuizioni siano rilevanti e utili nel presente e nel futuro.
In un anno caratterizzato da scioperi climatici guidati dai giovani e da una maggiore consapevolezza di un pianeta in crisi, può sembrare controproducente guardare indietro nel tempo.
Tuttavia, così facendo, gli archeologi stanno fornendo supporto empirico ai cambiamenti climatici e rivelando come i popoli antichi hanno affrontato ambienti difficili.
Ad esempio, gli studi dimostrano che mentre la produzione industriale di carne ha costi ambientali gravi, la transumanza – una pratica tradizionale del bestiame che si muove stagionalmente, ora riconosciuto dall’UNESCO come patrimonio culturale immateriale – ha contribuito a promuovere la biodiversità e la salute paesaggistica in passato.
Oggi gli archeologi stanno contribuendo con i loro metodi, dati e prospettive ad una visione per un pianeta meno danneggiato e più giusto. Mentre è difficile prevedere esattamente cosa riserva il prossimo secolo in termini di scoperte archeologiche, una nuova attenzione ai “passati utilizzabili” punta in una direzione positiva.

2