Prove di attività umana preistorica scoperte sulle Isole Falkland

Fin dal suo primo avvistamento registrato da parte di esploratori europei nel 1600, scienziati e storici hanno creduto che gli europei siano stati i primi a mettere piede sulle Isole Falkland. I risultati di un nuovo studio condotto dall'Università del Maine, tuttavia, suggeriscono il contrario; che l'attività umana sulle isole precede di secoli l'arrivo degli europei

0
886

Fin dal suo primo avvistamento registrato da parte di esploratori europei nel 1600, scienziati e storici hanno creduto che gli europei siano stati i primi a mettere piede sulle Isole Falkland. I risultati di un nuovo studio condotto dall’Università del Maine, tuttavia, suggeriscono il contrario; che l’attività umana sulle isole precede di secoli l’arrivo degli europei. 

Kit Hamley, ricercatore laureato della National Science Foundation presso l’UMaine Climate Change Institute, ha guidato la prima indagine scientifica sulla presenza umana preistorica nell’arcipelago dell’Atlantico meridionale. Lei e il suo team hanno raccolto ossa di animali, tracce di carbone e altre prove da tutte le isole nel corso di più spedizioni e le hanno esaminate alla ricerca di indicazioni sull’attività umana utilizzando la datazione al radiocarbonio e altre tecniche di laboratorio.

Attività umana pre-europea

Un segno notevole dell’attività umana pre-europea deriva da un record di carbone di 8.000 anni raccolto da una colonna di torba a New Island, situata nel confine sud-occidentale del territorio. Secondo i ricercatori, il record ha mostrato segni di un marcato aumento dell’attività degli incendi nel 150 d.C., poi picchi improvvisi e significativi nel 1410 d.C. e nel 1770 d.C., l’ultimo dei quali corrisponde all’insediamento europeo iniziale. 

I ricercatori hanno anche raccolto campioni di leoni marini e pinguini a New Island vicino al sito in cui un proprietario terriero ha scoperto un punto di proiettile di pietra che è coerente con la tecnologia che i sudamericani indigeni hanno usato negli ultimi 1.000 anni. Le ossa erano ammucchiate in pile discrete in un unico sito. Hamley ha affermato che la posizione, il volume e il tipo di ossa indicano che i tumuli sono stati probabilmente assemblati da umani. 

La maggior parte delle prove raccolte da Hamley e dai suoi colleghi indicava che gli indigeni sudamericani probabilmente si recarono alle Isole Falkland tra il 1275 d.C. e il 1420 d.C. Le date di arrivo prima del 1275 d.C., tuttavia, non possono essere escluse perché alcune prove risalgono anche prima, secondo i ricercatori . Ad esempio, il team ha trovato un dente di una volpe estinta delle Isole Falkland chiamata warrah con una data al radiocarbonio del 3450 a.C., la più antica per la specie.

Indipendentemente da ciò, tutti i risultati del team indicano che le persone sono sbarcate nell’arcipelago prima del navigatore britannico John Strong nel 1690, il primo europeo a mettere piede nell’arcipelago. 



Secondo i ricercatori di UMaine, le popolazioni indigene probabilmente hanno visitato le isole per più soggiorni a breve termine, anziché per un’occupazione a lungo termine. Di conseguenza, hanno lasciato lì poco materiale culturale, ma abbastanza per Hamley e i suoi colleghi per trovare un’impronta antropogenica e paleoecologica riconoscibile e condurre il loro studio. 

“Questi risultati ampliano la nostra comprensione del movimento e dell’attività indigena nel remoto e aspro Oceano Atlantico meridionale”, ha afferma Hamley, un Ph.D. studente di ecologia e scienze ambientali. “Questo è davvero eccitante perché apre nuove porte alla collaborazione con le comunità indigene discendenti per aumentare la nostra comprensione dei cambiamenti ecologici passati in tutta la regione. Le persone hanno a lungo ipotizzato che era probabile che gli indigeni sudamericani avessero raggiunto le Isole Falkland, quindi è davvero gratificante avere un ruolo nell’aiutare a riportare quella parte del passato alla vita delle isole”.

I ricercatori di UMaine che hanno partecipato allo studio con Hamley includono il suo consulente, Jacquelyn Gill, professore associato di paleoecologia ed ecologia vegetale; Daniel Sandweiss, professore di antropologia; e Brenda Hall, professoressa di geologia glaciale. 

Altri ricercatori coinvolti nella ricerca includono Dulcinea Groff, ricercatrice post-dottorato presso l’Università del Wyoming ed ex Ph.D. UMaine. Kathryn Krasinski, assistente professore di antropologia alla Adelphi University; John Southon; un ricercatore presso il Dipartimento di Scienze del Sistema Terra dell’Università della California-Irvine; Paul Brickle, direttore esecutivo del South Atlantic Environmental Research Institute; e Thomas Lowell, professore di geologia presso l’Università di Cincinnati. 

Science Advances, una rivista dell’American Association for the Advancement of Sciences (AAAS), ha pubblicato un rapporto sui loro risultati. 

Lo studio più recente di Hamley si basa sulla sua ricerca sul warrahDusicyon australis ), una specie estinta di volpe. Il warrah era l’unico mammifero nativo e terrestre a risiedere sulle Isole Falkland al momento dell’arrivo dell’Europa. La successiva caccia ha spazzato via la specie nel 1856, rendendolo il primo canide estinto nella documentazione storica, sostiene Hamley

Per anni, vari studiosi, tra cui Charles Darwin, hanno discusso delle origini del warrah e di come sia arrivato nelle isole. Hamley ipotizza che gli umani possano aver introdotto la specie nell’arcipelago prima dell’insediamento europeo. Molti in precedenza avevano respinto la teoria sulla base di una precedente mancanza di prove scientifiche, ma le ultime scoperte del team di Hamley riaprono questa possibilità, afferma. I sudamericani indigeni potrebbero aver addomesticato la warrah come hanno fatto con altre volpi e canidi, e li hanno portati nelle isole durante i loro viaggi e soggiorni di breve durata. 

Durante una spedizione del 2018 alle isole, Hamely e i suoi colleghi hanno trovato tre campioni di ossa di warrah a Spring Point Farm nelle Falkland occidentali. La datazione al carbonio e l’analisi isotopica hanno rivelato che il warrah le cui ossa sono state analizzate “aveva una dieta a base marina costituita principalmente da predatori marini all’apice”, come leoni marini e foche di pelliccia, una dieta simile ai marinai indigeni sudamericani in epoca preistorica, secondo i ricercatori.

Mentre questi risultati potrebbero riflettere lo scavenging costiero, possono esemplificare il cibo che le loro potenziali controparti umane si procuravano e mangiavano, dicono i ricercatori. 

“Questo studio ha il potenziale per cambiare la traiettoria della futura ricerca ecologica nelle Falkland”, afferma Hamley“L’introduzione di un grande predatore, come il warrah, potrebbe avere profonde implicazioni per la biodiversità delle isole, che ospitano uccelli marini che nidificano a terra come pinguini, albatros e cormorani. Cambia anche la storia sempre accattivante delle passate relazioni uomo-cane. Sappiamo che gli indigeni sudamericani hanno addomesticato le volpi, ma questo studio aiuta a mostrare quanto questi animali fossero potenzialmente importanti per quelle comunità che risalgono a migliaia di anni fa”. 

Hamley ha condotto le sue ricerche durante tre spedizioni alle Isole Falkland nel 2014, 2016 e 2018. Durante il viaggio del 2016, ha partecipato al programma Follow a Researcher di UMaine, attraverso il quale gli scienziati danno agli studenti K-12 un assaggio del loro lavoro attraverso aggiornamenti in tempo reale della spedizione, Chat e video di Twitter. 

Lo studio condotto da Hamley contribuisce al crescente corpo di indagini scientifiche sulla storia ecologica, antropologica e climatica delle Isole Falkland condotte dai ricercatori di UMaine. Uno studio condotto da UMaine del 2020 ha scoperto che la creazione di colonie di uccelli marini sulle isole in risposta a un brusco periodo di raffreddamento regionale 5.000 anni fa ha cambiato i suoi ecosistemi

“Mentre il mondo si riscalda, speriamo che la nostra crescente comprensione della storia precoloniale delle Falkland aiuti i decisori a bilanciare le esigenze della fauna selvatica e delle persone, che si affidano all’ecoturismo, alla pesca e ad altre industrie”, ha affermato Gill, un NSF CARRIERA ricercatore che è stato nominato Friend of the Planet 2020 dal National Center for Science Education. 

“Stiamo solo iniziando a ricostruire il ruolo che le persone avevano nelle Falkland prima dell’insediamento europeo. A causa di secoli di colonialismo sulla terraferma, gran parte della conoscenza orale di questo periodo è andata persa. La scienza occidentale ha bisogno di essere aggiornata e speriamo che il lavoro futuro venga svolto in collaborazione con gli indigeni moderni della regione; i loro antenati furono i primi esperti qui”.

2