17.3 C
Rome
giovedì, Dicembre 8, 2022
HomeFisica/Astronomia/astrofisicaAstrofotografia, come iniziare

Astrofotografia, come iniziare

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

È facile capire il fascino dell’astrofotografia. Dopotutto, puoi puntare la tua fotocamera verso il cielo notturno e in pochi secondi catturare la luce che ha viaggiato per migliaia di anni attraverso il cosmo per generare immagini spettacolari di galassie, nebulose, ammassi stellari e altro ancora. I risultati sono trofei visivi, affermazioni trionfanti al titolo di Master of the Universe.

È anche facile capire perché l’astrofotografia ha spinto tantissimi appassionati, veterani e principianti allo stesso modo, a voler girare le loro fotocamere montate su treppiede come il martello di Thor e lanciarle in quello stesso universo in accessi di rabbia. Sì, l’astrofotografia può essere difficile. Anche se fotografare la Via Lattea è abbastanza realizzabile per i principianti, andare oltre è uno degli sforzi più precisi e complessi da perseguire con una fotocamera. Devi accovacciarti al freddo con attrezzature volubili, trovare minuscoli oggetti incredibilmente fiochi nel cielo notturno, ingrandirli, seguirli mentre si muovono con la rotazione della terra, catturarli senza il movimento della fotocamera e con impostazioni accuratamente selezionate, e poi portare quelle immagini a casa dove potrai esaltare quanti più dettagli possibile durante la modifica.

Anche se l’inizio per i principianti potrebbe sembrare scoraggiante, anche con 10 anni di esperienza nell’astrofotografia, iniziare in modo semplice e con attrezzature di base può generare risultati mozzafiato. Dopotutto, pensi che tutti quei fotografi della Via Lattea su Instagram abbiano una laurea in astrofisica? No.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Allora, da dove cominciare? In primo luogo, è necessaria una fotocamera, di solito un modello convenzionale con obiettivo intercambiabile posizionato su un treppiede o su un supporto da puntamento, che si muova insieme alla rotazione terrestre per consentire l’acquisizione di immagini con un’esposizione più lunga. Puoi iniziare con obiettivi fotografici convenzionali per viste ad ampio campo della Via Lattea o di singole costellazioni, ma alla fine potresti espandere il tuo universo di possibilità collegando la tua fotocamera a un telescopio, concentrandoti su meraviglie celesti come ammassi stellari, galassie e nebulose.

Il tuo budget può determinare il livello di attrezzatura che scegli. Se hai appena iniziato, una fotocamera e un supporto entry-level potrebbero costare da 500 a 1.000 euro. Se passi all’uso di telescopi di diverse dimensioni e configurazioni ottiche, riflettori che utilizzano specchi di grande diametro per raccogliere molta luce o rifrattori più costosi ma più compatti, che utilizzano lenti per fare il lavoro, il tuo investimento può salire a migliaia.

attrezzatura per astrofotografia con il cielo notturno dietro
Attaccare la tua fotocamera a un telescopio ti consente di catturare meraviglie celesti lontane come ammassi stellari, galassie e nebulose.

Indipendentemente dal tuo budget, ci sono alcune nozioni di base da tenere a mente quando ti addentri in questo universo. Innanzitutto, l’apertura, il diametro dell’obiettivo o dello specchio, vince sempre. Vuoi un telescopio con un grande diametro o un obiettivo fotografico con un f-stop basso, che raccolgono entrambi più luce per generare immagini più luminose. Vuoi che il tuo treppiede e il supporto siano robusti e robusti per mantenere l’ingranaggio stabile e resistere alle vibrazioni dovute al vento o al tuo stesso movimento. Terzo, più nuovo non è necessariamente migliore. L’ottica del telescopio non è cambiata o migliorata molto negli ultimi 50 anni, quindi anche i modelli più vecchi e le apparecchiature usate ben curate possono produrre risultati (scusate) stellari. Vero, però, che la tecnologia informatica, per lo più sotto forma di supporti “go-to” in grado di localizzare e tracciare automaticamente gli oggetti nel cielo, è un bel vantaggio da sfruttare.

Alcuni consigli per quando sei sul campo: copriti bene, soprattutto perché starai seduto fermo e quindi soggetto a brividi anche nelle notti d’estate; mantieni gli schermi scuri per preservare la tua visione notturna; e cerca i cieli più bui possibili, con il minimo inquinamento luminoso urbano. Inizia con la Via Lattea (vedi “3 passaggi per padroneggiare l’universo”, di seguito) e progredisci verso specifici obiettivi del cielo profondo. Tieni da parte i pianeti, vale a dire Giove, Saturno e Marte per dopo. Sebbene tu possa catturarne le immagini con un obiettivo zoom convenzionale, richiedono competenze e conoscenze dell’attrezzatura più avanzate per ottenere buoni risultati, anche più che con le galassie e le nebulose del cielo profondo, che potrebbero essere più deboli e più distanti ma sono in genere più grandi in termini di dimensioni reali.

astrofotografia del paesaggio e del cielo notturno al parco nazionale dell'albero di joshua
La Luna crescente sopra il Joshua Tree National Park in California. Se i cieli hanno un inquinamento luminoso abbastanza basso, la sola luce delle stelle può illuminare il terreno intorno a te.

C’è un bel po’ da capire per diventare bravi, quindi inizia in piccolo e progredisci un fotone alla volta. I risultati, lo prometto, saranno magici. Con la pratica, sarai in grado di fotografare corsie di polvere nella spirale Whirlpool Galaxy, torsioni di colorate stelle esplose nella Nebulosa Anello, persino vortici delle nubi turbolente di Giove. Imparerai la meccanica di base di pianeti, stelle e galassie e coglierai la vastità di tutto ciò. Sarai anche in grado di catturare la prossima nuova meraviglia che emerge dall’abisso. Dopotutto, la luce di eventi che sono già accaduti secoli fa ma che devono ancora essere visti qui sta attualmente correndo verso di noi, destinata ad apparire nel nostro cielo da un momento all’altro. Lo stesso vale con nuove comete e altri fenomeni che ancora non conosciamo. L’astrofotografia è un ottimo modo per sentirsi connessi all’universo, piuttosto che sentirsi come un puntino insignificante al suo interno.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

GLI STRUMENTI NECESSARI PER FOTOGRAFARE LA GALASSIA

Telecamera

In generale, ci sono due modi per fotografare le stelle: con una astrocamera dedicata montata su un telescopio o con una convenzionale fotocamera con obiettivo intercambiabile, che puoi anche collegare a un telescopio (con adattatori) o semplicemente utilizzare con un obiettivo.

La fotocamera Orion Starshoot G3 Deep Space Color Imaging è progettata per fotografare galassie, nebulose e ammassi stellari. La controlli tramite un laptop utilizzando un software proprietario (non pulsanti o quadranti esterni) e viene fornita con il vantaggio della semplicità dell’hardware che non deve fare il doppio lavoro per le feste di compleanno e le vacanze in famiglia. Inoltre, i suoi sensori e sistemi di controllo sono progettati specificamente per acquisizioni celesti in condizioni di scarsa illuminazione e ad alta risoluzione.

D’altra parte, la Sony A7III mirrorless con obiettivo intercambiabile, fantastica per tutte quelle cose da fotocamera normale, ha un fantastico sensore in condizioni di scarsa illuminazione che produce immagini celesti fenomenali e può anche essere utilizzata come una fotocamera convenzionale.


Obiettivo

Per la fotografia grandangolare della Via Lattea, abbina la tua fotocamera all’obiettivo ultragrandangolare Rokinon 14mm F2.8 Full Frame o al campo visivo leggermente più stretto del Sigma 20mm F1.4 DG HSM Art, la cui apertura più ampia può generare immagini più luminose in esposizioni più brevi. Entrambi sono disponibili in modelli compatibili con una varietà di fotocamere, tra cui Nikon, Sony e Canon.


Treppiede

Un solido treppiede è d’obbligo. Mi piace il Sirui N-1004SK per la sua convenienza e robustezza. Per il percorso più rapido e semplice per ottenere ottimi risultati, investi in un supporto per il monitoraggio, come il pacchetto fotografico Sky-Watcher Star Adventurer 2i, che sostituisce la testa di un treppiede convenzionale. Una montatura di tracciamento ti consente di aprire l’otturatore per diversi minuti di immagini di raccolta della luce e, se allineato correttamente, si muove con precisione insieme alla rotazione della terra, evitando le strisce di luce che possono diventare le stelle se l’otturatore rimane aperto troppo a lungo. Di conseguenza, i tuoi scatti sulla Via Lattea saranno strabilianti, mostrando stelle più deboli e maggiori dettagli, e potrai persino utilizzare i teleobiettivi per ingrandire galassie e nebulose.

Telescopio

Per l’astrofotografia, vuoi un telescopio con una montatura stabile come una roccia e un’apertura decente. Il telescopio newtoniano da 114 mm Explore Scientific FirstLight con attacco EQ3 che abbina un’ottima apertura e un supporto che consente di tracciare gli oggetti e di scattarne immagini a breve esposizione. Passa al Celestron Nexstar Evolution 8 e avrai 8 pollici di apertura, un design ottico spettacolare e una robusta montatura computerizzata in grado di trovare e tracciare automaticamente gli oggetti, consentendo diversi minuti di esposizione.

Fonte energetica

Quando ti trovi in ​​un sito remoto con cielo scuro, avrai bisogno di alimentazione per il tuo telescopio, fotocamera e laptop (per controllare un’astro-cam dedicata o esaminare i risultati della tua fotocamera convenzionale). Una centrale elettrica portatile da 256 Wh 521 alimentata al litio può mantenere i dispositivi in ​​funzione per ore, grazie a due prese CA, due porte USB-A, una porta USB-C e una presa automobilistica da 12 volt.

SÌ! PUOI USARE IL TUO SMARTPHONE PER SCATTARE FOTO ASTRONOMICHE

La maggior parte degli smartphone moderni ha sensori notevolmente migliorati e sensibili alla luce, consente un controllo granulare delle impostazioni e sono in grado di scattare foto RAW più ricche di dettagli, che sono file di immagine non compressi e non elaborati. Inizia con un semplice scatto alla Via Lattea: stabilizza il telefono su un treppiede o anche contro una roccia, attiva la “modalità notturna” del telefono se ce l’ha e usa il timer per attivare uno scatto, in modo che i tuoi movimenti non spostino telefono mentre acquisisce l’immagine. Oppure usa app come ProCam X per Android o NightCap per iOS, che ti consentono di fare esposizioni più lunghe e sperimentare manualmente più impostazioni.

Adattatore universale per smartphone a 3 assi Celestron NexYZ
CELESTRON

Puoi anche scattare foto con il tuo telefono attraverso l’oculare di un telescopio o anche un paio di binocoli montati su treppiede. Puoi provare ad allineare le lenti manualmente semplicemente tenendo il telefono sopra l’oculare, ma ottenere l’allineamento perfetto e quindi essere in grado di regolare la messa a fuoco e l’esposizione sullo schermo del telefono è quasi impossibile. In tal caso, un adattatore come l’adattatore universale per smartphone a 3 assi NexYZ di Celestron manterrà il telefono fermo mentre ti allinei e scatti.


3 PASSI PER PADRONEGGIARE L’UNIVERSO

➥ Inizia con la Via Lattea

Facilita l’astrofotografia puntando alla Via Lattea, quella vasta striscia di stelle visibile in modo più evidente dalla primavera all’autunno. Per questo, usa un obiettivo grandangolare, con una lunghezza focale da 14 a 24 millimetri, con la tua fotocamera su un treppiede stabile. La maggior parte delle fotocamere con obiettivo intercambiabile consente tempi di esposizione fino a 30 secondi o offre un controllo dell’impostazione sul tempo di esposizione tramite un grilletto remoto, quindi prova esposizioni da 10 a 15 secondi. Imposta un’apertura ampia (cioè il numero f più basso di cui è capace l’obiettivo) e punta a circa 1000 ISO (più alto è l’ISO, più luminosa ma anche sgranata sarà l’immagine, quindi non andare troppo in alto!). Inoltre, concentrati davvero sulla messa a fuoco. Se vuoi delle stelle a punta di spillo, componile con alcuni scatti successivi. Se la tua fotocamera offre una funzione di “focus peaking“, attivala: evidenzierà gli elementi a fuoco con pixel colorati nel display digitale. Se le stelle sono striate, significa che si stanno muovendo attraverso il campo visivo per via della rotazione della terra. Riduci il tempo di esposizione di alcuni secondi.

astrofotografia della via lattea
Questo scatto della Via Lattea, catturato da una fotografa esperta, mostra cosa possono fare anche i principianti dell’astrofotografia.

➥ Ingrandisci e segui

Ora considera di puntare su bersagli luminosi del cielo profondo come la Nebulosa di Orione o la Galassia di Andromeda, entrambi facili da trovare tramite le mappe stellari e le app di astronomia, come Star Walk 2. Usa una montatura di tracciamento che supporti obiettivi con zoom più grandi, ad esempio da 50 a 200 millimetri o più, o un telescopio più grande per provare tempi di esposizione lunghi fino a diversi minuti (potrebbe essere necessario un rilascio dell’otturatore a distanza o un controllo basato su app della fotocamera per utilizzare tempi di esposizione superiori a 30 secondi). La sfida qui, specialmente con le montature che non sono controllate dal computer, è assicurarsi che la montatura sia allineata correttamente con la stella polare. Quando lo sarà, lo strumento seguirà la rotazione della terra, mantenendo i bersagli nel campo visivo della fotocamera. Fino a quando non ci prendi la mano, mantieni i tempi di esposizione al di sotto di un minuto, perché gli errori nell’allineamento della montatura causeranno lentamente la deriva dell’immagine e quindi sbavature nella fotografia finale.

➥ Modifica il tuo lavoro

Se non sei impressionato da ciò che vedi sullo schermo posteriore della tua fotocamera, non preoccuparti. L’immagine potrebbe nascondere dettagli che possono essere messi in evidenza tramite programmi di editing come Lightroom e Photoshop, o anche app native di fotoritocco per smartphone. Non utilizzare ancora l’impostazione di modifica “auto”, perché l’impostazione predefinita tende a esagerare quando si analizzano le immagini astronomiche. Sposta invece i dispositivi di scorrimento del contrasto, della luminosità e della nitidezza per ottimizzare l’immagine. Poiché scatti in ambienti con scarsa illuminazione, la granulosità sarà probabilmente un problema. Se il tuo software ha un dispositivo di scorrimento “rumore” o luminanza, sperimentalo con piccoli incrementi. In generale, però, la maggior parte delle astrofotografie ha del rumore, quindi non averne troppa paura.

Articoli più letti