Fusione nucleare: l’energia illimitata è vicina -video

Secondo un rapporto del MIT, il test riuscito di un magnete incredibilmente potente ed efficiente dal punto di vista energetico costituisce una pietra miliare nello sviluppo della fusione nucleare, portandoci un passo avanti verso l'energia da fusione commercialmente valida

10627

Secondo un rapporto del MIT, il test riuscito di un magnete incredibilmente potente ed efficiente dal punto di vista energetico costituisce una pietra miliare nello sviluppo della fusione nucleare, portandoci un passo avanti verso l’energia da fusione commercialmente valida.

La startup sostenuta da Bill Gates, la Commonwealth Fusion Systems (CFS) e la Plasma Science and Fusion Center (PSFC) del MIT hanno annunciato mercoledì 8 settembre che i loro test, effettuati presso il MIT Plasma Science and Fusion Center di Cambridge, Massachusetts, sono stati un successo.

Un nuovo magnete superconduttore avvicina ulteriormente la fusione

Durante il test, il magnete ha raggiunto i 20 tesla, un’unità di misura che prende il nome dall’ingegnere pionieristico Nikola Tesla e utilizzata per indicare la forza di un magnete. Come punto di riferimento, un magnete superconduttore nel 2019 ha battuto il precedente record mondiale visualizzando un’intensità del campo magnetico di 45,5 tesla.

Tuttavia, ciò che distingue il magnete MIT e CFS è il fatto che è stato in grado di raggiungere 20 tesla consumando solo circa 30 watt di energia. Questa prestazione è di gran lunga superiore a un magnete precedentemente testato dal MIT che utilizzava 200 milioni di watt di energia.

Il nuovo magnete utilizza superconduttori ad alta temperatura per raggiungere la sua intensità magnetica con un’elevata efficienza energetica. È  abbastanza forte da consentire a CFS e MIT di ottenere “energia netta” con il loro reattore a fusione tomakak, il che significa che produrrebbero più energia di quella richiesta dal loro reattore per sostenere una reazione di fusione. Nessuna azienda ha mai raggiunto la fusione energetica netta, un requisito per attingere all’energia pulita praticamente illimitata della fusione nucleare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La fusione nucleare è la reazione che il sole e le stelle usano per produrre energia

La fusione nucleare è la reazione che il sole e le stelle usano per produrre energia. Si verifica quando due atomi si scontrano per formare un nucleo più pesante, rilasciando grandi quantità di energia nel processo. In un reattore circolare a fusione nucleare, chiamato tomakak, potenti magneti, come quello sviluppato da MIT e CFS, controllano e stabilizzano il plasma in fiamme necessario per la reazione. 

Potrebbe sembrare che ogni settimana i titoli pubblicizzino un nuovo importante passo avanti verso l’energia da fusione. Ciò è in parte dovuto al fatto che gli esperti di tutto il mondo stanno correndo per sviluppare una fusione nucleare commercialmente valida e stanno facendo grandi progressi in quello che alla fine sarà un lungo viaggio. 

Il mese scorso, i ricercatori del Lawrence  Livermore National Laboratory (LLNL) in California hanno annunciato di essere sulla “soglia dell’accensione della fusione nucleare“. I loro ultimi esperimenti avevano prodotto una svolta, poiché l’energia prodotta dalla fusione era il 70% di quella emessa da un potente laser necessario per avviare la reazione, un miglioramento significativo rispetto agli esperimenti precedenti. Il capo scienziato di quel progetto, Omar A. Hurricane, lo definì un “momento dei fratelli Wright ” per una fusione nucleare.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Parlando della nuova svolta del magnete di CFS e del MIT in un’intervista con CNBC,  Andrew Holland, amministratore delegato della Fusion Industry Association, ha affermato “questo non è clamore, questa è realtà. Con i progressi di tutta l’industria della fusione, stiamo assistendo al nascere di una fonte di energia nuova, pulita, sostenibile, sempre disponibile”. CFS ha raccolto più di 250 milioni di dollari da investitori tra cui Breakthrough Energy Ventures, un investimento sulla sostenibilità che include Bill Gates, Jeff Bezos e Richard Branson come sostenitori.

Il nuovo magnete sarà utilizzato nell’esperimento di fusione Tokamak di CFS, chiamato SPARC, che è in costruzione a Devens, nel Massachusetts. Nel comunicato stampa del MIT, Maria Zuber, vicepresidente del MIT per la ricerca, ha dichiarato: “Ora sono sinceramente ottimista sul fatto che SPARC possa ottenere energia netta positiva, sulla base delle prestazioni dimostrate dei magneti. Il prossimo passo è aumentare, costruire un vera centrale elettrica”. Tutto secondo i piani, MIT e CFS mirano ad avere la loro prima centrale elettrica a fusione operativa, chiamata ARC, online nei primi anni 2030.