I Bayraktar TB2 turchi, l’arma ucraina che complica la vita all’esercito russo – video

Il protagonista di questo video e di altri che circolano su Twitter è il Bayraktar TB2 – una tipologia di drone turco che l'esercito ucraino ha schierato sempre più spesso contro le forze russe negli ultimi giorni

91259

In un video diventato virale su Twitter domenica notte, una massiccia esplosione squarcia quello che sembra essere un convoglio russo, segnando un colpo diretto su un sistema missilistico terra-aria.

Il filmato in bianco e nero, pubblicato sull’account delle forze armate ucraine, è uno dei tanti emersi sui social media negli ultimi giorni che mostrano l’impatto devastante degli attacchi dei droni ucraini sull’hardware russo. Mentre il carico utile del drone esplode nel video, che sembra essere una registrazione da cellulare di uno schermo in una struttura di droni ucraini, le persone nella struttura possono essere ascoltate sussultare per lo stupore prima di scoppiare in applausi e applausi.

Il video ha raccolto oltre 3 milioni di visualizzazioni su Twitter in due giorni. “Abbiate paura, nemici! Non ci sarà pace per voi sulla nostra terra!” Hanno scritto nella didascalia del video le forze armate ucraine.

Il protagonista di questo video e di altri che circolano su Twitter è il Bayraktar TB2 – una tipologia di drone turco che l’esercito ucraino ha schierato sempre più spesso contro le forze russe negli ultimi giorni. Martedì, l’esercito ucraino ha affermato che i droni Bayraktar avevano distrutto un carro armato e due sistemi missilistici terra-aria durante la notte. In altri video condivisi su Twitter, i droni Bayraktar, utilizzati dai militari almeno dal 2021, vengono mostrati mentre fanno esplodere quello che sembra essere un convoglio di carburante russo e un gruppo di camion di rifornimenti.

I droni sono piccoli e leggeri (circa sette volte più leggeri del drone Reaper dell’esercito americano) con un’apertura alare di 12 metri che consente loro di rimanere in cielo per un massimo di 30 ore alla volta. Ogni drone può trasportare ciascuno quattro missili a guida laser, secondo il materiale promozionale di Baykar Technologies, la società che li produce.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’impatto dei droni Bayraktar in Ucraina

L’esercito ucraino con i droni ha costruito i suoi primi successi nel rallentare l’avanzata russa e sta rivelando debolezze inaspettate da parte dell’esercito russo, come affermano analisti militari statunitensi ed europei. Forse ancora più significativamente, aggiungono gli analisti, i video stanno anche diventando una parte sempre più importante della guerra dell’informazione in Ucraina, dando agli invasori russi un motivo per temere il loro nemico e fornendo una spinta vitale al morale ucraino. Anche così, è improbabile che i droni cambino il corso a lungo termine della guerra, sottolineano gli analisti.

Il filmato rilasciato dall’esercito ucraino mostra gravi difetti nella copertura della difesa aerea russa, il che è una sorpresa per molti osservatori“, afferma Arda Mevlütoğlu, analista militare e aerospaziale turco. “Il filmato è anche molto utile per le pubbliche relazioni e la guerra psicologica“.

Droni militari affidabili e precisi un tempo erano di competenza esclusiva delle forze armate statunitensi. Ma la tecnologia è diventata più comune negli ultimi anni e ora sono utilizzati su molti campi di battaglia del 21° secolo. E la Turchia è ora il principale fornitore. Negli ultimi due anni i droni turchi Bayraktar sono apparsi non solo in Ucraina, ma anche in Etiopia, Azerbaigian, Libia e Siria. L’anno scorso in Etiopia, una forza ribelle si stava abbattendo sulla capitale Addis Abeba prima che il governo li respingesse con i droni. Nel conflitto tra Azerbaigian e Armenia nel 2020, i droni turchi si sono rivelati decisivi nella vittoria azera contro l’Armenia, un alleato russo.

Negli ultimi anni, i Bayraktar hanno ottenuto alcuni successi davvero importanti“, afferma Tony Osborne, capo dell’ufficio londinese di Aviation Week, una pubblicazione incentrata sull’industria aerospaziale. “Direi che ora è il drone più famoso di tutti“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il video condiviso domenica dalle forze armate ucraine rivela uno dei principali punti di forza dei droni: che sono in grado di infliggere danni sproporzionati all’hardware nemico, molto più a buon mercato di altri droni e a basso rischio. Osborne stima che i droni Bayraktar siano stati venduti all’Ucraina a un costo di alcuni milioni di dollari ciascuno, ma che il sistema missilistico terra-aria russo distrutto nel video di domenica potrebbe valere fino a 50 milioni di dollari.

La cosa cruciale di questi è che sono economici, e quando sono economici non sei così preoccupato di perderli“, dice. “Puoi lanciarli in una battaglia e se ottengono un colpo drammatico, come abbiamo visto ieri, all’improvviso stai vincendo la guerra di logoramento“.

Osborne stima che l’Ucraina abbia probabilmente circa 20 droni Baykar nel suo arsenale operativo. A dicembre, Bloomberg ha riferito che l’Ucraina aveva effettuato ordini per altre due dozzine, citando funzionari. Baykar non ha risposto alle richieste di commento.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il ruolo crescente della Turchia nei droni

Per la Turchia, membro della NATO, le vendite di droni all’Ucraina sono in linea con i suoi interessi militari, vale a dire preservare l’equilibrio di potere nella regione del Mar Nero, secondo Galip Dalay, specialista in politica turca e mediorientale presso Chatham House, un think tank internazionale londinese per gli affari.

Sebbene i droni Bayraktar siano prodotti da una società privata, Baykar Technologies, i droni sono ampiamente considerati un braccio della politica estera turca. Il chief technology officer dell’azienda, Selçuk Bayraktar, è il genero del presidente turco Recep Tayyip Erdogan. “Paesi come Stati Uniti, Cina, Israele, hanno negato di vendere UAV armati all’Ucraina“, ha affermato Haluk Bayraktar, CEO dell’azienda e fratello di Selçuk, durante un webinar nel maggio 2021. “La Turchia è stato l’unico paese ad accettare di vendere all’Ucraina questa tecnologia“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La politica estera turca ha anche animato la presenza di droni Bayraktar in Siria, Libia e Azerbaigian, tutti campi di battaglia in cui si affrontano delegati russi e turchi. “I droni danno alla Turchia un vantaggio geopolitico“, afferma Dalay. “Una cosa è impegnarsi in combattimenti convenzionali in luoghi come la Libia o la Siria, un’altra è impiegare i droni. I droni facilitano il lavoro della Turchia“.

In altri casi, come in Etiopia, le vendite di droni turchi sono probabilmente motivate più da fattori economici che politici. La Turchia non ha posto condizioni politiche alle sue esportazioni di droni, a differenza degli Stati Uniti, secondo Mevlütoğlu.

I video dei droni Bayraktar che portano la morte sui convogli russi sono stati quasi certamente condivisi dall’esercito ucraino per sollevare il morale. Ma con una grande colonna di veicoli russi che marcia verso Kiev, è probabile che qualsiasi morale ucraino derivante dai video degli attacchi dei droni abbia vita breve. Baykar, d’altra parte, sembra destinato a raccogliere i frutti a lungo nel futuro. “Ora che la Turchia ha un’industria della difesa in crescita, vuoi mostrare i tuoi oggetti come testati in battaglia“, afferma Dalay. “Quei tipi di zone di conflitto sono diventate importanti PR per l’industria dei droni turca“.