Una vasta area dell’Europa distrutta dall’impatto di un asteroide durante una simulazione di difesa planetaria

In un articolo pubblicato pochi giorni fa abbiamo raccontato i primi tre giorni dell'esercitazione di difesa planetaria che si è tenuta durante la Conferenza internazionale sulla difesa planetaria, organizzata ogni due anni dalla NASA e dall'ESA. Ora la simulazione di impatto di un asteroide è terminata ed i risultati sono stati, a dire poco, preoccupanti

0
854

In un articolo pubblicato pochi giorni fa abbiamo raccontato i primi tre giorni dell’esercitazione di difesa planetaria che si è tenuta durante la Conferenza internazionale sulla difesa planetaria, organizzata ogni due anni dalla NASA e dall’ESA. Ora la simulazione di impatto di un asteroide è terminata ed i risultati sono stati, a dire poco, preoccupanti.

Nella realtà alternativa della simulazione svoltasi durante questa settimana alla Conferenza internazionale sulla difesa planetaria di quest’anno, un asteroide immaginario si è schiantato sull’Europa, “distruggendo” una regione ampia circa 100 km vicino alla Repubblica Ceca e al confine tedesco. 

Lo scenario, come detto, era immaginario, ma le persone che vi hanno partecipato erano reali e le lezioni apprese daranno forma alla nostra capacità di rispondere a pericolosi asteroidi per gli anni a venire.

Impatto di un asteroide: l’unico disastro naturale che potremmo prevenire

I pericoli naturali possono presentarsi in diverse forme e si verificano con frequenza variabile. Alcuni sono eventi relativamente frequenti con conseguenze localizzate come inondazioni e incendi. Altri si verificano solo una volta ogni tanto, ma possono avere un impatto sull’intero pianeta, come le pandemie globali e gli impatti degli asteroidi.

La minaccia degli asteroidi, tuttavia, è unica: l’impatto di un asteroide è il disastro naturale più prevedibile che dobbiamo affrontare e, con un preavviso adeguato, la nostra tecnologia, in linea di principio, potrebbe permetterci di prevenirlo completamente.



La missione Hera dell'ESA nel sistema di asteroidi binari Didymos trasporterà due CubeSat Opportunity Payload (COPINS) - denominati Juventas e Milani - per supportare gli obiettivi scientifici del veicolo spaziale principale, oltre a dimostrare le tecniche di collegamento inter-satellite nello spazio profondo. Credito: ESA - ScienceOffice.org
La missione Hera dell’ESA nel sistema di asteroidi binari Didymos trasporterà due CubeSat Opportunity Payload (COPINS) – denominati Juventas e Milani – per supportare gli obiettivi scientifici del veicolo spaziale principale, oltre a dimostrare le tecniche di collegamento inter-satellite nello spazio profondo. Credito: ESA – ScienceOffice.org

Negli ultimi decenni, il campo della difesa planetaria ha fatto progressi notevoli: l’umanità ora ha telescopi sparsi in tutto il pianeta alla ricerca di rocce spaziali pericolose, le più grandi delle quali sono state scoperte, e quest’anno si sta per  lanciare una missione per testare una tecnologia atta a deflettere un asteroide, cioè a deviarne la traiettoria.

La buona notizia è che, quando si tratta di asteroidi giganti siamo abbastanza sicuri di averli individuati tutti. A causa delle loro dimensioni, sono facili da rilevare. Ma quelli più piccoli dobbiamo ancora, in gran parte, individuarli, motivo per cui l’impatto dell’asteroide di quest’anno, 2021 PDC, ha fornito una lezione così importante: possiamo prevenire solo ciò che possiamo prevedere.

Lo scenario della simulazione: missione impossibile

Sebbene questo scenario sia realistico in molti modi, è completamente immaginario e
NON descrive un impatto reale di un asteroide.

Tutto è iniziato il 19 aprile 2021, quando un nuovo asteroide è stato scoperto dal progetto di rilevamento di oggetti vicino alla Terra Pan-STARRS. Presto divenne chiaro che questo asteroide aveva una preoccupante probabilità di colpire la Terra in soli sei mesi.

Ulteriori osservazioni hanno confermato ciò che la comunità internazionale aveva temuto, l’impatto era ormai certo. Tuttavia, la dimensione dell’oggetto è rimasta poco chiara, compresa tra 35 e 700 metri di diametro.

Come accadrebbe se un vero asteroide fosse in rotta di collisione con la Terra, l’International Asteroid Warning Network (IAWN) – una rete di organizzazioni che rileva, traccia e caratterizza asteroidi potenzialmente pericolosi – ha diffuso pubblicamente aggiornamenti settimanali sulla probabilità di impatto con il progredire della situazione.

Allo stesso tempo, il gruppo consultivo per la pianificazione delle missioni spaziali (SMPAG) ha iniziato a considerare le opzioni per prevenire l’impatto. 

Tuttavia, il tempo era sempre meno e le dimensioni dell’oggetto ancora incerte. La maggior parte delle opzioni per deviare un asteroide, come la deflessione tramite un impatto ad alta energia, un “trattore gravitazionale” o un “pastore a raggio ionico”, funzionano deviando leggermente la roccia spaziale. Tuttavia, se eseguita con sufficiente anticipo, la piccola spinta iniziale si accumula fino a diventare un grande spostamento di posizione nel momento in cui l’asteroide si avvicina alla Terra.

Il terzo giorno della conferenza, lo scenario salta avanti di due mesi fino al 30 giugno, meno di quattro mesi prima che l’asteroide immaginario colpisca. A questo punto, SMPAG conclude che nessuna missione spaziale può essere lanciata in tempo per deviare o interrompere la PDC 2021 dalla sua rotta di collisione.

Uno scenario come questo, in cui è previsto un impatto di un asteroide con un breve preavviso di pochi mesi, pone delle sfide per la prevenzione di eventi simili.

Gli asteroidi nel nostro Sistema Solare non compaiono dal nulla, viaggiano in orbite attorno al Sole per migliaia, milioni di anni. Come gli sciami meteorici annuali, possiamo calcolare con grande certezza quando tornerà un asteroide.

Se un sondaggio sugli asteroidi più sensibile come il NEOSM o quello dell’Osservatorio Rubin (LSST) fosse stato avviato nel 2014, quasi certamente avrebbero rilevato 2021 PDC durante il precedente avvicinamento al Sole, e questo avviso di sette anni avrebbe aperto a diverse possibilità di intervento per prevenire l’impatto di un asteroide. 

In particolare, sarebbero state fattibili missioni spaziali di ricognizione per saperne di più sulle dimensioni e la composizione dell’asteroide, oppure una semplice missione di deflessione con “impatto cinetico” che avrebbe potuto deviarne la traiettoria.

Investire sul controllo del cielo

Telescopi e rilevamenti celesti come il PanSTARRS o Catalina e molti altri stanno scoprendo nuovi oggetti vicini alla Terra (NEO) ogni giorno. L’ESA si sta aggiungendo a questa rete globale con la sua imminente rete di “Flyeyes” ad alta tecnologia.

Il complesso Test-Bed Telescope dell’ESA, il secondo dei quali è stato recentemente installato a La Silla, in Sud America, è un progetto collaborativo in coordinamento con l’ESO che eseguirà in modo efficiente osservazioni di follow-up dei NEO e il primo telescopio Flyeye è attualmente in costruzione per essere installato sulla cima di una montagna in Sicilia, in Italia, con un design ispirato agli insetti che gli consentirà di coprire vaste regioni del cielo molto più rapidamente rispetto ai telescopi tradizionali.

Investimenti come questi, così come quelli in corso in tutto il mondo, sono fondamentali per proteggerci da pericolosi asteroidi. Dobbiamo trovarli prima di poter fare qualcosa al riguardo.

La conferenza di quest’anno, come la maggior parte degli eventi degli ultimi mesi, si è svolta interamente online. Come molti partecipanti hanno notato, prepararsi per un disastro mentre si è nel mezzo di un altro ha avuto un’intensità unica, un promemoria non così sottile che eventi improbabili ma catastrofici sono molto reali e devono essere preparati.

Esperti di gestione dei disastri, governi locali, pianificatori di missioni ed esperti di politiche guardano regolarmente agli eventi passati per vedere cosa ha funzionato e cosa è andato storto. Il quarto giorno della conferenza, sono state discusse lezioni da disastri passati come uragani, inondazioni e terremoti, insieme a lezioni dalla pandemia COVID-19.

Di vitale importanza è la necessità di investire nella ricerca e nella tecnologia, preparare i governi e le autorità locali anche con scenari di esercizio realistici, capire come proteggere le diverse popolazioni con esigenze diverse e fornire informazioni e consigli chiari e trasparenti al pubblico.

Una grande lezione è stata che abbiamo bisogno di una pianificazione più a lungo termine su come individuare, tracciare e infine mitigare gli asteroidi potenzialmente pericolosi“, afferma Detlef Koschny, capo dell’Ufficio per la difesa planetaria dell’ESA.

Il semplice fatto di pensare a cicli di pianificazione annuali o biennali, ovvero quanti budget sono fissati presso le istituzioni pubbliche, non è sufficiente per affrontare un rischio che ha richiesto centinaia di milioni di anni per concretizzarsi“.

Infine, una cosa è chiara: l’impatto di un asteroide, sebbene raro, prima o poi accadrà, quindi è meglio essere preparati.

2