Anemia falciforme: approvato 1° trattamento Crispr

È stato approvato il primo trattamento Crispr come terapia contro l'anemia falciforme

0
75
Anemia falciforme: approvato 1° trattamento Crispr
Anemia falciforme: approvato 1° trattamento Crispr

La Food and Drug Administration ha approvato una nuova terapia basata sull’editing genetico Crispr per il trattamento dell’anemia falciforme: è la prima volta che un trattamento che utilizza questa tecnologia ottiene il via libera normativo negli Stati Uniti.

Anemia falciforme

Anemia falciforme: cos’è e quali sono i sintomi

L’anemia falciforme fa parte di un gruppo di malattie ereditarie e colpisce la forma dei globuli rossi, che trasportano l’ossigeno a tutte le parti del corpo. I globuli rossi sono generalmente rotondi e flessibili, quindi si muovono facilmente attraverso i vasi sanguigni. Invece, in presenza di questa patologia, alcuni globuli rossi hanno la forma di falci o di lune crescenti. Queste cellule falciformi diventano anche rigide e vischiose, il che può rallentare o bloccare il flusso sanguigno.

I sintomi dell’anemia falciforme compaiono solitamente intorno ai 6 mesi di età. Variano da persona a persona e possono cambiare nel tempo. I sintomi possono includere:

Anemia. Le cellule falciformi si rompono facilmente e muoiono. I tipici globuli rossi vivono solitamente per circa 120 giorni prima di dover essere sostituiti, ma le cellule falciformi di solito muoiono in 10-20 giorni, lasciando una carenza di globuli rossi. Questo fenomeno è noto come anemia. Senza un numero sufficiente di globuli rossi, il corpo non può ricevere abbastanza ossigeno. Ciò provoca affaticamento.



Crisi dolorose. Episodi periodici di dolore estremo sono uno dei principali sintomi dell’anemia falciforme. Il dolore si sviluppa quando i globuli rossi a forma di falce bloccano il flusso sanguigno attraverso minuscoli vasi sanguigni verso il torace, l’addome e le articolazioni.

Il dolore varia di intensità e può durare da poche ore a qualche giorno. Alcune persone hanno solo poche crisi dolorose all’anno. Altre ne hanno una dozzina o più all’anno. Una grave crisi dolorosa richiede una degenza ospedaliera. Alcune persone affette da anemia falciforme soffrono anche di dolore cronico dovuto a danni alle ossa e alle articolazioni, ulcere e altre cause.

Anemia falciforme

Gonfiore delle mani e dei piedi. I globuli rossi a forma di falce bloccano la circolazione sanguigna nelle mani e nei piedi, causandone il gonfiore.

Infezioni frequenti. La milza è importante per la protezione dalle infezioni. Le cellule falciformi possono danneggiare la milza, aumentando il rischio di sviluppare infezioni. I neonati e i bambini affetti da questa patologia ricevono comunemente vaccinazioni e antibiotici per prevenire infezioni potenzialmente letali, come la polmonite.

Crescita o pubertà ritardata. I globuli rossi forniscono al corpo l’ossigeno e i nutrienti necessari per la crescita. Una carenza di globuli rossi sani può rallentare la crescita nei neonati e nei bambini e ritardare la pubertà negli adolescenti.

Problemi di vista. Piccoli vasi sanguigni che forniscono sangue agli occhi possono ostruirsi. Ciò può danneggiare la parte dell’occhio che elabora le immagini visive, chiamata retina, e portare a problemi di vista.

Anemia falciforme: qualche dettaglio sul nuovo trattamento

Casgevy, prodotto dalla Vertex Pharmaceuticals con sede a Boston e dalla svizzera Crispr Therapeutics ed è noto anche come exagamglogene autotemcel, o exa-cel, è un trattamento unico nel suo genere che utilizza il potente strumento di editing genetico Crispr per colpire il causa alla base dell’anemia falciforme.

Gli studi clinici sulla terapia suggeriscono che Casgevy, che viene somministrato come trattamento una tantum, può aiutare ad alleviare i sintomi dell’anemia falciforme e può offrire la speranza di una cura per la condizione oltre a poter evitare i rischiosi trapianti di midollo osseo.

Casgevy, che modifica il DNA all’interno del corpo umano, in realtà non risolve la causa principale dell’anemia falciforme. Invece di correggere la mutazione responsabile della produzione difettosa di emoglobina, Casgevy prende di mira i geni responsabili della produzione di un diverso tipo di emoglobina che normalmente viene disattivata subito dopo la nascita.

Questa soluzione genetica innesca la produzione di emoglobina fetale tipicamente inibita nel corpo, che aiuta le cellule del sangue a mantenere la loro forma sana, simile a un disco. Anche se il trattamento viene somministrato una volta, l’intero processo può richiedere mesi e comprende il lavoro di laboratorio per modificare le cellule del sangue e il ricovero in ospedale dopo che le cellule modificate sono state infuse nei pazienti.

Anemia falciforme

La decisione della FDA è arrivata settimane dopo che l’ente regolatore medico britannico ha dato il via libera a exa-cel, diventando il primo regolatore al mondo ad approvare una terapia basata su Crispr. All’epoca, il CEO e presidente di Vertex, Reshma Kewalramani, ha festeggiato l’approvazione come “Una giornata storica per la scienza e la medicina”.

Il percorso di Crispr dalla scoperta all’utilizzo in laboratorio è stato rapido. Lo strumento, derivato dal sistema immunitario batterico, è stato scoperto poco più di un decennio fa e ha fruttato ai suoi scopritori il Premio Nobel per la Chimica 2020.

Consentendo agli scienziati di manipolare il DNA con precisione (lo strumento è spesso descritto come un paio di forbici genetiche) è stato rapidamente acclamato come uno strumento dal potenziale trasformativo in tutte le scienze della vita, con potenziali applicazioni che vanno dalla resistenza alle malattie tra le specie, modificando geni difettosi nella pratica medica o addirittura rimettendo al mondo animali estinti. Anche se i vantaggi sono evidenti, gli esperti avvertono che la tecnologia è un’arma a doppio taglio.

Ad esempio, mentre Crispr potrebbe essere utilizzato per rendere un virus benigno per gli esseri umani, potrebbe anche essere utilizzato per progettare un agente patogeno più virulento. La capacità di modificare il DNA umano solleva anche la prospettiva di alterazioni progettate per migliorare piuttosto che correggere, un potenziale per una china scivolosa verso l’eugenetica.

L’autorità di regolamentazione medica del Regno Unito ha autorizzato Casgevy a trattare la beta talassemia (β-talassemia) e l’anemia falciforme. La beta talassemia è un’altra malattia ereditaria del sangue caratterizzata dalla produzione di emoglobina. La FDA sta prendendo in considerazione anche la terapia per la beta talassemia e dovrebbe prendere una decisione entro la fine di marzo del prossimo anno.

2