Anche le lune sono pianeti?

Cosa rende esattamente un pianeta un pianeta? anche le lune sono pianeti? La risposta si rivela piuttosto controversa. La definizione ufficiale di pianeta, così come definita dall'Unione Astronomica Internazionale (IAU), è che un pianeta deve soddisfare tre condizioni

522

Cosa rende esattamente un pianeta un pianeta? Anche le lune sono pianeti? La risposta si rivela piuttosto controversa. La definizione ufficiale di pianeta, così come definita dall’Unione Astronomica Internazionale (IAU), è che un pianeta deve soddisfare tre condizioni:

  1. Deve orbitare intorno al sole.
  2. Deve essere in equilibrio idrostatico.
  3. Deve aver ripulito il suo quartiere orbitale.

Secondo questa definizione ci sono solo otto pianeti nel nostro sistema solare, escludendo in particolare Plutone. Ciò ha suscitato ogni sorta di controversia, anche tra gli astronomi. Sono state proposte diverse definizioni alternative, ma un nuovo studio sostiene che dovremmo guardare alla storia per la soluzione.

La prima definizione di pianeta era un oggetto che si muoveva contro le stelle nel tempo. Nell’astrologia storica c’erano stelle, oggetti transitori come comete e pianeti. Quindi, il Sole e la Luna erano considerati pianeti, ma non la Terra. Con l’avvento del modello eliocentrico, gli oggetti che orbitano attorno al sole erano pianeti, il che significa che la Terra era un pianeta, ma lo era anche la luna. Per tutto il 1600 e 1700 questo era lo standard. Quando Galileo scoprì quattro lune di Giove, le chiamò i pianeti medicei. Quando Cassini scoprì la luna di Saturno, Titano, la definì un nuovo pianeta.

Le lune sono pianeti che orbitano intorno ad altri pianeti?

Anche l’uso della “Luna” come oggetto generale risale a questo periodo. Galileo ha coniato il termine nel 1632. Per Galileo, una luna è un pianeta che orbita attorno a un altro pianeta, dal nome del primo con quel nome. Pianeta e luna non erano termini esclusivi. Come dimostrò nel 1611, le stelle brillano di luce propria, mentre i pianeti brillano solo attraverso la luce solare riflessa.

Questa semplice definizione è rimasta valida fino al 1800. Quando gli astronomi scoprirono Cerere nel 1801, era chiaramente un pianeta. Lo stesso con Pallade, Giunone e VestaErano tutti pianeti perché di certo non erano stelle. Ma dopo che una dozzina di mondi sono stati trovati tra Giove e Marte, molti astronomi hanno sostenuto che non dovrebbero essere pianeti, ma asteroidi.

Asteroidi e lune non dovrebbero essere considerati pianeti

Ciò iniziò un graduale passaggio all’idea che i pianeti fossero grandi corpi in orbita attorno al SoleAsteroidi e lune non dovrebbero essere considerati pianeti. Quando Plutone fu scoperto nel 1930, era chiaramente un pianeta perché non era né un asteroide né una luna. Ma alla fine del XX secolo, la semplice definizione divenne problematica. Abbiamo scoperto che molte grandi lune come Io sono geologicamente attive. Titano ha un’atmosfera ancora più spessa di quella terrestre. Plutone ha montagne e una geologia complessa, ma è persino più piccolo della luna. Nessuno di questi soddisfa la definizione IAU di un pianeta classico, ma è difficile sostenere che non siano mondi complessi come Marte o Venere.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---


Quindi cosa rende un pianeta un pianeta? Sulla base del loro lavoro, il team sostiene che la definizione dell’IAU è scarsa. Al grande pubblico non piace perché la definizione esclude Plutone, ma, cosa più importante, molti scienziati ignorano la definizione e si riferiscono ancora a corpi come Titano, Plutone, Cerere e altri come pianeti. Quello che sembra essere il fattore determinante più coerente è quello della geologia e della geofisica complesse.

Se definiamo i pianeti in base alle loro qualità geofisiche, allora le lune galileiane sono pianeti, come lo è Plutone, come la luna di Plutone Caronte, come lo è la nostra Luna. Qualsiasi cosa con un diametro maggiore di circa 500 km sarebbe un pianeta, il che significa che il nostro sistema solare da solo ha più di cento pianeti.