Alcune persone hanno bisogno di meno ore di sonno di altre, perché accade?

Alcune persone riescono a dormire significativamente di meno di quanto serve normalmente senza risentirne sul piano fisico e mentale. Un gruppo di ricercatori ha appena pubblicato uno studio in cui spiegano che accade per via di una singolare mutazione genetica.

0
2022
Indice

Molte persone desiderano di avere bisogno di meno ore di sonno per stare bene ma solo poche persone riescono a farlo. In particolare, un gruppo di ricercatori ha individuato una coppia padre-figlio che riesce a dormire pochissimo senza subire conseguenze per la salute.

Per comprendere questa rara capacità, i ricercatori dell’Università della California, San Francisco, hanno prima identificato una mutazione genetica, presente in entrambi gli individui, che potrebbe avere a che fare con questa particolare capacità, dopodiché hanno modificato geneticamente un gruppo di topi per replicare la stessa mutazione.

I topi modificati, in effetti, hanno dimostrato di avere effettivamente bisogno di un numero minore di ore di sonno senza per questo presentare effetti negativi. Lo studio è stato pubblicato il 16 ottobre su Science Translational Medicine.

Sebbene un farmaco con gli stessi benefici non sarà presto disponibile – e potrebbe non concretizzarsi mai – l’idea è incredibilmente attraente: poter prendere una pillola e poter dormire meno, senza ripercussioni negative.

Trovo allettante il concetto di un prodotto genetico che potrebbe potenzialmente fornire protezione contro i disturbi conseguenti a limitazioni forzate del sonno“, afferma Patrick Fuller, professore associato di neurologia presso la Harvard Medical School e Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston, che non era coinvolto nello studio. “Se fosse vero, ciò avrebbe effettivamente” potenziali implicazioni terapeutiche“.



Ma, come Jamie Zeitzer, professore associato nel dipartimento di psichiatria e scienze comportamentali della Stanford University, osserva: “Spesso ci sono compromessi“.

Zeitzer afferma di essere preoccupato che, anche se un farmaco come questo potesse essere prodotto senza causare effetti collaterali significativi, avrebbe comunque conseguenze sociali. Alcune persone potrebbero essere costrette o sottoposte a pressioni per assumere farmaci in modo da poter lavorare più ore. Anche se le persone non avranno bisogno di dormire tanto, avranno comunque bisogno di tempi di inattività, sostiene.

L’autore senior dello studio, Ying-Hui Fu, professore di neurologia all’UCSF, afferma che è troppo presto per tali fantasie. Invece è più interessante comprendere meglio i meccanismi del sonno sano per aiutare a prevenire malattie che vanno dal cancro all’Alzheimer.

Queste persone dormono in modo più efficiente“, dice della coppia padre-figlio. “Qualunque funzione il sonno svolga, ci vogliono otto [ore per sentirci riposati], ma a quelle persone bastano sei o quattro ore. Se possiamo capire perché sono più efficienti, possiamo usare quella conoscenza per aiutare tutti a essere più efficienti“.

Per la maggior parte delle persone dormire meno di quanto il proprio corpo richiede, influisce sulla memoria e sulle prestazioni, oltre che sulla salute, osserva Fu.

Molti pensano di riuscire a cavarsela con cinque ore di sonno durante la settimana e di compensare la perdita durante il fine settimana, ma pochi in realtà possono farlo. “La tua percezione è distorta, quindi non sai davvero che la tua performance non è così buona“, dice. “Ecco perché la gente pensa che dormire le giuste ore non sia importante. Ma in realtà lo è“.

Scherzando sulla sua esperienza accademica, Fu aggiunge, “Tutte quelle sere che non ho dormito per studiare, sarebbe stato meglio andare a dormire“. Questo non è vero per il padre e il figlio, che avevano veramente bisogno solo di 5,5 e 4,3 ore di sonno ogni notte, rispettivamente, secondo il nuovo documento.

Zeitzer elogia lo studio, dicendo: “Iniziare con gli umani e andare dai roditori e poi tornare indietro è fantastico“. I topi, aggiunge, non sono modelli ideali perché regolano il sonno in modo diverso rispetto agli umani.

Jerome Siegel, professore di psichiatria all’Università della California, a Los Angeles, Center for Sleep Research, afferma di essere a proprio agio con la scoperta principale del gruppo Fu: che il gene del neuropeptide S recettore 1 ( NPSR1 ) è importante nella regolazione del sonno. Ma è probabilmente solo un piccolo pezzo in un processo molto complesso, aggiunge. E non è convinto dalla connessione tra sonno e memoria.

Il sonno può avere molte funzioni, ma non vi è alcuna indicazione che averne meno bisogno in qualche modo aumenta la memoria o la capacità di apprendere. “Consolidiamo la memoria mentre dormiamo e mentre siamo svegli, anche quando siamo anestetizzati“, dice. “Non è qualcosa che si verifica solo durante il sonno“.

Il meccanismo d’azione della mutazione appena scoperta non è del tutto chiaro. Fu e il suo team hanno utilizzato una sonda molecolare per esplorare come agisce la proteina prodotta dall’NPSR1 mutante del padre e del figlio.

2