Alberi fossili viventi di 66 milioni di anni: reimpiantarli per salvarli dall’estinzione

Un team di scienziati vuole reintrodurre in natura gli alberi fossili viventi attraverso uno lavoro di conservazione che potrebbe richiedere secoli

2
166
Alberi fossili viventi

Gli scienziati stanno piantando alberi “fossili viventi” nel tentativo di riportare in vita le specie perdute dall’orlo dell’estinzione, un lavoro che potrebbe richiedere secoli.

Alberi fossili viventi

Alberi fossili viventi: appartengono alla specie dei pini di Wollemi

Si tratta dei pini di Wollemi ( Wollemia nobilis ), scomparsi circa 2 milioni di anni fa. I fossili delle specie risalenti al periodo Cretaceo (da 145 a 66 milioni di anni fa) mostrano che il loro aspetto non è cambiato molto da allora.

Nel 1994, gli escursionisti delle Blue Mountains australiane si sono imbattuti in un gruppo relitto di queste antiche conifere. Ora ne rimangono solo circa 60 nel Parco Nazionale di Wollemi.

Alberi fossili viventi



Gli alberi fossili viventi sono minacciati dalla Phytophthora cinnamomi, una muffa acquatica patogena che causa la morte, e dai dilaganti incendi che infuriano a intermittenza in questa regione del Nuovo Galles del Sud.

Salvare gli alberi fossili viventi dall’estinzione

Sin dalla riscoperta degli alberi fossili viventi, i pini wollemi sono stati coltivati nei giardini botanici e negli spazi privati di tutto il mondo. E il Wollemi Pine Recovery Team, una partnership tra scienziati del governo australiano e ambientalisti, ha avviato il processo di reintroduzione delle piantine in tre siti nel Parco Nazionale di Wollemi.

“I siti comprendono gole di arenaria ad alta quota che sono sufficientemente profonde, strette e ripide da fornire rifugio da frequenti e intensi incendi e siccità“, hanno affermato i rappresentanti in una dichiarazione: “Non c’erano prove di infezione da specie patogene di Phytophthora in nessuno dei due siti quando sono stati esaminati immediatamente prima delle traslocazioni, e c’è una probabilità bassa (ma diversa da zero) di visite non autorizzate a causa della loro lontananza”.

A seguito di un’operazione di trapianto pilota degli alberi fossili viventi avvenuta nel 2012, la squadra di recupero ha avviato un progetto più intensivo nel 2019: oltre 400 alberelli sono stati trapiantati in due siti e, a causa delle condizioni di siccità, la squadra ha successivamente trasportato diverse migliaia di litri d’acqua alle piante per aiutare sopravvivono.

Alberi fossili viventi

Nello stesso anno, un numero considerevole di alberi è stato distrutto da incendi boschivi e solo 58 alberelli sono arrivati al 2023.

Nel 2021, altri 502 pini Wollemi sono stati piantati per sostituire quelli perduti negli incendi: “La sopravvivenza ha ampiamente superato le aspettative, in parte a causa di diversi anni di condizioni favorevoli per La Niña in seguito all’aumento della popolazione del 2021“, hanno affermato i ricercatori. La Niña è un modello climatico periodico che presenta acque più fredde della media nel Pacifico equatoriale centrale e centro-orientale.

Nuovi trapianti degli alberi fossili viventi sembrano essere promettenti

L’aumento delle precipitazioni dovuto al fenomeno climatico ha favorito i nuovi trapianti, ma sembra che questa situazione sia giunta al termine. Le frane causate dalle forti piogge nel 2022 hanno causato ulteriori vittime, ma oltre l’80% è sopravvissuto. Altri alberi fossili viventi verranno piantati nel 2024“.

Il team ha adottato misure approfondite per impedire l’introduzione di Phytophthora nei siti. Le loro posizioni sono nascoste al pubblico e anche la squadra di reintroduzione limita il tempo trascorso vicino agli impianti.

Disinfettano ripetutamente le scarpe per ridurre la probabilità che negli alberi fossili viventi rimangano tracce di muffa acquatica. Anche poche spore potrebbero significare la morte per questa popolazione nascente.

Gli esperti hanno anche localizzato intenzionalmente alcuni dei giovani alberi fossili viventi in aree che potrebbero essere soggette a incendi boschivi: “Per aiutare a colmare le lacune di conoscenza riguardanti la loro risposta e la capacità di tollerare il fuoco”, ha concluso il team.

Alberi fossili viventi

Il pino ha 26 cromosomi, contenenti l’incredibile cifra di 12,2 miliardi di paia di basi. In confronto, gli esseri umani hanno solo circa 3 miliardi di paia di basi. Nonostante le dimensioni del loro genoma, gli alberi fossili viventi presentano una diversità genetica estremamente bassa, suggerendo un collo di bottiglia (quando la popolazione si ridusse drasticamente) tra 10.000 e 26.000 anni fa.

La loro rarità potrebbe essere in parte dovuta all’elevato numero di trasposoni, o “geni saltatori”, tratti di DNA che possono cambiare la loro posizione all’interno del genoma. Questi elementi contribuiscono anche alla dimensione del genoma.

2