L’acqua radioattiva di Fukushima metterà in pericolo l’Oceano Pacifico?

Le autorità giapponesi hanno iniziato a rilasciare l'acqua radioattiva trattata nell'Oceano Pacifico, quasi 12 anni dopo il disastro nucleare di Fukushima

0
817
L'acqua radioattiva di Fukushima metterà in pericolo l'Oceano Pacifico?
L'acqua radioattiva di Fukushima metterà in pericolo l'Oceano Pacifico?

Le autorità giapponesi hanno iniziato a rilasciare acque reflue radioattive trattate nell’Oceano Pacifico, quasi 12 anni dopo il disastro nucleare di Fukushima. Ciò ridurrà la pressione su più di 1.000 serbatoi di stoccaggio, creando lo spazio necessario per altri lavori di bonifica vitali ma, come prevedibile, il piano ha suscitato polemiche.

A prima vista, rilasciare acqua radioattiva nell’oceano sembra un’idea terribile.

Greenpeace teme che la radioattività rilasciata possa indurre mutazioni nel DNA umano, Cina e Corea del Sud hanno espresso preoccupazione, mentre le nazioni delle isole del Pacifico temono un’ulteriore contaminazione nucleare del Pacifico.

Una pubblicazione accademica ha affermato che il costo totale sul benessere sociale globale potrebbe superare i 200 miliardi di dollari.

Ma il governo giapponese, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) e scienziati indipendenti hanno dichiarato che il rilascio pianificato è ragionevole e sicuro.



La valutazione è stata fatta sulla base del tipo di radioattività da rilasciare, sulla quantità di radioattività già presente nell’oceano e sull’alto livello di supervisione indipendente da parte dell’AIEA.

Quanta acqua c’è e cosa c’è dentro?

I serbatoi di stoccaggio di Fukushima contengono 1,3 milioni di tonnellate di acqua, pari a circa 500 piscine olimpioniche. L’acqua contaminata viene prodotta giornalmente dal continuo raffreddamento del reattore. Le acque sotterranee contaminate si accumulano anche negli scantinati degli edifici danneggiati del reattore.

L’acqua viene pulita da una tecnologia chiamata ALPS, o Advanced Liquid Processing System. Questo rimuove la stragrande maggioranza degli elementi problematici. Il trattamento ALPS può essere ripetuto fino a quando le concentrazioni sono inferiori ai limiti normativi. Il monitoraggio indipendente da parte dell’AIEA garantirà che tutti i requisiti siano soddisfatti prima che l’acqua venga scaricata.

Il principale contaminante radioattivo che rimane dopo il trattamento è il trizio, una forma radioattiva di idrogeno (H) difficile da rimuovere dall’acqua (H₂O). Non esiste alcuna tecnologia per rimuovere tracce di trizio da questo volume d’acqua.

Il trizio ha un’emivita di 12,3 anni, il che significa che sono necessari 100 anni prima che la radioattività diventi trascurabile. Non è realistico immagazzinare l’acqua per così tanto tempo perché i volumi sono troppo grandi. Lo stoccaggio prolungato aumenta anche il rischio di rilascio accidentale incontrollato.

Come tutti gli elementi radioattivi, esistono standard internazionali per livelli sicuri di trizio. Per i liquidi, questi sono misurati in Bq per litro, dove un Bq (becquerel) è definito come un decadimento radioattivo al secondo.

Al momento del rilascio, le autorità giapponesi hanno scelto un limite di concentrazione conservativo di 1.500 Bq per litro, sette volte inferiore al limite raccomandato dall’Organizzazione mondiale della sanità di 10.000 Bq per litro per l’acqua potabile.

Perché è accettabile rilasciare trizio nell’oceano?

Una cosa sorprendente delle radiazioni è quanto siano comuni. Quasi tutto è radioattivo in una certa misura, inclusi aria, acqua, piante, scantinati e piani di lavoro in granito. Anche un volo aereo a lungo raggio espone tutti i passeggeri a bordo all’equivalente in radiazioni di alcune radiografie del torace.

Nel caso del trizio, i processi naturali nell’atmosfera generano ogni anno 50-70 peta-becquerel (PBq) di trizio. Questo numero è difficile da capire, quindi è utile pensarlo come grammi di trizio puro. Usando il fattore di conversione di 1 PBq = 2,79 g, vediamo che ogni anno vengono creati naturalmente 150-200 g (5,3-7,1 once) di trizio.

Guardando l’Oceano Pacifico, circa 8,4 kg (3.000 PBq) di trizio sono già nell’acqua. In confronto, la quantità totale di trizio nelle acque reflue di Fukushima è di gran lunga inferiore, intorno ai 3 g (1 PBq).

Le autorità giapponesi non hanno intenzione di rilasciare l’acqua tutta in una volta. Invece, ogni anno è previsto il rilascio di soli 0,06 g (22 TBq) di trizio. Rispetto alla radioattività già presente nel Pacifico, il rilascio annuale previsto è letteralmente una goccia nell’oceano.

Gli attuali livelli di radioattività del trizio nel Pacifico non destano preoccupazione, quindi la piccola quantità che verrà aggiunta dall’acqua di Fukushima non causerà alcun danno.

Inoltre, il trizio contribuisce solo in minima parte alla radioattività totale degli oceani. La radioattività oceanica è dovuta principalmente al potassio, un elemento essenziale per la vita e presente in tutte le cellule. Nell’Oceano Pacifico ci sono 7,4 milioni di PBq di radioattività dal potassio, oltre 1.000 volte maggiore della quantità dovuta al trizio.

In che modo gli altri paesi gestiscono lo scarico del trizio?

Tutte le centrali nucleari producono del trizio, che viene regolarmente scaricato nell’oceano e in altri corsi d’acqua. La quantità generata dipende dal tipo di reattore.

I reattori ad acqua bollente, come quelli di Fukushima, producono quantità relativamente basse. Quando Fukushima era in funzione, il limite di scarico del trizio era fissato a 22 TBq all’anno. Quella cifra è molto al di sotto di un livello che potrebbe causare danni ma è ragionevolmente realizzabile per questo tipo di centrale elettrica.

Al contrario, la centrale nucleare di Heysham nel Regno Unito ha un limite di 1.300 TBq all’anno perché questo tipo di reattore raffreddato a gas produce molto trizio. Heysham scarica trizio da 40 anni senza danni alle persone o all’ambiente.

Lo scarico annuale di trizio delle centrali nucleari vicine supera di gran lunga quanto proposto per Fukushima. L’impianto di Fuqing in Cina ha scaricato 52 TBq nel 2020, mentre l’impianto di Kori in Corea del Sud ha scaricato 50 TBq nel 2018.

Ognuna di queste centrali elettriche rilascia più del doppio della quantità da rilasciare da Fukushima.

Ci sono altri motivi per non rilasciare l’acqua?

Le obiezioni al previsto rilascio sono state oggetto di un’ampia copertura mediatica. La rivista TIME ha recentemente spiegato come le nazioni delle isole del Pacifico siano state alle prese per decenni con l’eredità dei test nucleari della Guerra Fredda.

Il Guardian ha pubblicato un articolo di opinione degli attivisti del Pacifico, che hanno sostenuto che se i rifiuti fossero sicuri,potrebbero essere “scaricati a Tokyo, testati a Parigi e immagazzinati a Washington, lasciando il Pacifico libero dal nucleare“.

Ma il Pacifico ha sempre contenuto radioattività, in particolare dal potassio. La radioattività extra da aggiungere dall’acqua di Fukushima farà una differenza minuscola. Usando un tono diverso, il Pacific Island Forum ha incaricato un gruppo di esperti di fornire consulenza e guida tecnica indipendente e aiutare ad affrontare le preoccupazioni sulle acque reflue.

Il panel ha criticato la quantità e la qualità dei dati forniti dalle autorità giapponesi e ha consigliato al Giappone di rinviare l’imminente discarico.

La cosa principale che manca nella relazione è il senso della prospettiva. Il seminario pubblico del gruppo di esperti, disponibile su YouTube, presenta solo una parte del contesto. Il trizio già esistente nell’oceano non viene considerato e si sorvola sul predominio del potassio.

I commenti più ragionevoli riguardano le prestazioni di ALPS. Ciò è in gran parte nel contesto dello stronzio-90 e del cesio-137, entrambi isotopi pericolosi.

Tuttavia, il panel implica che le autorità non sanno cosa c’è nei serbatoi e che ALPS non funziona correttamente. In realtà ci sono molte informazioni pubbliche su entrambi gli argomenti. Forse potrebbe essere riconfezionate in un modo più chiaro per essere comprese da tutti. Ma le deduzioni fatte dalla giuria danno un’impressione sbagliata.

La cosa più importante che il panel trascura è che l’acqua contaminata può essere ripetutamente fatta passare attraverso ALPS finché non è sicura per il rilascio. Per alcuni serbatoi sarà sufficiente un solo passaggio, mentre per altri saranno necessari cicli aggiuntivi.

È facile capire perché le persone siano preoccupate per la prospettiva che scorie liquide radioattive vengano rilasciate nell’oceano. Ma l’acqua non è pericolosa. Gli elementi più dannosi sono stati rimossi e ciò che rimane è modesto rispetto alla radioattività naturale.

2