A caccia del Pianeta nove (Planet Nine) con TESS – video

Il telescopio spaziale TESS sarà probabilmente la chiave che ci permetterà di confermare o meno l'esistenza del fantomatico Planet nine

1300

Potrebbe esserci qualcosa di grosso nascosto nelle parti più lontane del Sistema Solare, qualcosa che perturba le orbite di alcuni oggetti della fascia di Kuiper, oltre Nettuno. Alcuni astronomi ritengono che possa essere un pianeta, grande circa cinque volte la massa della Terra. Lo chiamano Planet Nine.

Ma trovare questo possibile pianeta non è così semplice. Da qui sembrerebbe estremamente piccolo e debole, e non sappiamo nemmeno in quale parte del cielo dovremmo guardare. Gli astronomi stanno cercando, ma si tratta necessariamente di un lavoro lento e minuzioso.

Secondo un articolo, tuttavia, potrebbe esserci un altro modo: il Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) della NASA. Ed è possibile che potente telescopio spaziale abbia già osservato il pianeta che potrebbe essere nascosto nei dati TESS.


si potrebbe pensare che un telescopio che serve a cercare esopianeti lontanissimi non dovrebbe avere problemi a trovare qualcosa nella periferia del nostro sistema solare, ma cercare pianeti molto lontani e cercare pianeti relativamente vicini sono due cose diverse.

TESS cerca esopianeti utilizzando il metodo di transito. Fissa sezioni del cielo per lunghi periodi, alla ricerca di deboli, regolari cali di luce delle stelle che potrebbero essere causati dal transito di pianeti che orbitano tra noi e la stella.

Nel caso del Pianeta Nove, rilevarne il transito sarebbe impossibile, perché non passerebbe tra TESS e il Sole.

E una singola esposizione non rivelerebbe un oggetto così poco luminoso come Planet Nine. Tuttavia, il modo in cui TESS fissa le sezioni del cielo per lunghi periodi potrebbe essere combinato con una tecnica di astronomia chiamata tracciamento digitale.

Per rivelare le immersioni di transito, TESS scatta molte foto di un campo visivo. Se impilate queste immagini, gli oggetti deboli possono diventare molto più luminosi, rivelando oggetti che altrimenti resterebbero nascosti.

Poiché Planet Nine è un oggetto in movimento, semplicemente impilare le immagini non rivelerebbe necessariamente il pianeta. A questo punto, è necessario ricorrere ad alcune congetture per calcolare un’orbita stimata dell’oggetto, e in qualche modo spostare le esposizioni al centro della posizione stimata – e poi impilare le immagini.

Per scoprire nuovi oggetti, con traiettorie sconosciute“, hanno scritto i ricercatori, “possiamo provare tutte le possibili orbite!

Basta inserire le immagini e le correzioni dell’orbita e della parallasse (TESS ha un’orbita altamente ellittica attorno alla Terra, quindi la linea visiva cambia mentre si sposta) in un apposito software e attendere i risultati.

Sembra un approccio un po’ a caso, ma in realtà potrebbe funzionare. Ad esempio, il rilevamento digitale con il telescopio spaziale Hubble permesso di scoprire diversi oggetti oltre Nettuno.

Ora bisogna capire se TESS è abbastanza potente da rilevare il pianeta. Ma c’è un modo per testare anche questo.

I modelli hanno suggerito che Planet Nine dovrebbe avere una magnitudine apparente – cioè la luminosità vista dalla Terra – tra 19 e 24. Esistono alcuni oggetti trans-nettuniani orbitanti noti che hanno magnitudini apparenti all’interno di questo intervallo – vale a dire, Sedna (20,5-20,8), 2015 BP519 (21.5) e 2015 BM518 (21.6).

TNOs(Holman et al., Research Notes of the AAS, 2019)

Quindi, il team ha utilizzato il tracciamento digitale per risolvere ciascuno di questi tre oggetti… E tutti e tre sono comparsi, chiari come un cristallo sfocato a bassa risoluzione. Ma ancora identificabile. Si possono vedere nell’immagine sopra: Da sinistra, è Sedna, 2015 BP519 e 2015 BP518. Le immagini sono state mostrate in negativo per rendere gli oggetti più facili da vedere.

Ipoteticamente, TESS dovrebbe essere in grado di vedere qualsiasi oggetto intorno a quelle magnitudini. Il che significa che dovrebbe essere in grado di vedere Planet Nine. Potrebbe anche essere già presente nei dati e non ce ne siamo accorti.

La ricerca è stata pubblicata nelle Note di ricerca dell’AAS.