13.3 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
HomeAttualità3 armi ad alta tecnologia che potrebbero aiutare l'Ucraina

3 armi ad alta tecnologia che potrebbero aiutare l’Ucraina

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Con le sue difese già rafforzate dalle spedizioni di armi dalla NATO, l’Ucraina ha ora una nuova lista dei desideri di armi che spera si riveleranno decisive nella guerra in corso con la Russia. Kiev ha chiesto artiglieria missilistica a lungo raggio, droni d’attacco e missili antinave per respingere l’invasione russa e già almeno un alleato della NATO, la Danimarca, si è impegnato a farsi avanti. Le armi sono più necessarie che mai poiché la nuova offensiva russa fa progressi nello stato ucraino di Luhansk.

L’Ucraina già schiera tutti e tre questi tipi di armi, come sottolinea Defense News, ma le versioni prodotte dagli Stati Uniti e dalla NATO sarebbero sia tecnologicamente più avanzate che generalmente più capaci. Le armi servirebbero insieme a quelle già fornite dalla NATO, inclusi i missili anticarro Javelin, i razzi anticarro NLAW, gli obici M777 e i droni kamikaze Switchblade.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Sistema di artiglieria missilistica M142 HIMARS

m142 himar

Un M142 HIMARS appartenente alla 1a Divisione Marine degli Stati Uniti lancia un razzo a Camp Pendleton, California, 2012.

L’ HIMARS di fabbricazione statunitense è in cima alla lista dei desideri ucraini. L’High Mobility Artillery Rocket System (HIMARS) è un camion blindato da cinque tonnellate equipaggiato per lanciare razzi da 227 millimetri. Ogni HIMARS trasporta sei razzi GMLRS (Guided Multiple Launch Rocket System) abilitati GPS. E, secondo l’esercito degli Stati Uniti, ciascuno provoca “fuochi distruttivi, soppressivi e di controbatteria ad alto volume” o missioni di artiglieria a distanze fino a 65 chilometri. L’HIMARS può “superare” la maggior parte dell’artiglieria russa, sparando su di essa da oltre la portata dei cannoni e dei lanciarazzi russi.

L’Ucraina ha già una varietà di sistemi di artiglieria a razzo, incluso il sistema a razzo BM-30 Smerch da 300 millimetri. La maggior parte dei sistemi di artiglieria a razzo non sono guidati e l’artiglieria a razzo è meno precisa dell’artiglieria a tubo (obice). L’artiglieria missilistica è quindi tipicamente relegata alla missione di soppressione, con ogni razzo che trasporta munizioni a grappolo più piccole ad alto potenziale esplosivo o anticarro. Mentre il razzo sorvola il bersaglio, le munizioni a grappolo si disperdono, coprendo un’ampia area.

Ecco un video delle forze statunitensi che usano HIMARS in esercitazioni a fuoco vivo:

HIMARS è diverso dagli altri sistemi a razzo. Negli ultimi anni, l’indignazione per la minaccia che le munizioni inesplose rappresentano per i civili ha portato a un trattato globale che vieta questearmi. Sebbene gli Stati Uniti non abbiano firmato il trattato, non li sviluppano più e hanno accantonato le scorte di munizioni. Questo ha costretto HIMARS a prendere una strada diversa: invece di inondare una vasta area con migliaia di bombe delle dimensioni di una pallina da tennis, HIMARS fa contare ogni razzo. Ogni razzo GMLRS è in grado di colpire al primo round una serie di coordinate GPS, utilizzando un’unica grande testata unitaria progettata per compensare la perdita di centinaia di testate di submunizione più piccole.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Tre mesi fa era impensabile che l’Ucraina potesse ricevere l’HIMARS, ma i tempi stanno cambiando. Finora l’amministrazione Biden non ha approvato la richiesta, ma secondo quanto riferito la sta valutando. Il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell ha suggerito che non avrebbe detto di no a un trasferimento, indicando che potrebbe esserci un sostegno bipartisan.

MQ-1 Grey Eagle Attack Drone

un'aquila grigia di mq 1c, assegnata alla compagnia delta, la 25a aviazione decolla dall'aerodromo dell'esercito di ladd il 12 aprile 2016 a fort wainwright, alaska l'aquila grigia è l'edizione più recente della task force dell'aviazione dell'esercito americano degli Stati Uniti e fornisce ai comandanti usarak combattimenti nel mondo reale risorse per l'addestramento in alaska foto dell'esercito americano del personale sgt sean brady

Un MQ-1C Grey Eagle, assegnato alla Delta Company, 25th Aviation, decolla da Ladd Army Airfield il 12 aprile 2016 a Fort Wainwright, Alaska.

L’Ucraina vuole anche droni d’attacco riutilizzabili. Gestisce già una piccola flotta di droni d’attacco TB-2 Bayraktar, ciascuno in grado di trasportare bombe guidate con micromunizioni intelligenti (MAM-L). Sebbene i Bayraktar si siano dimostrati efficaci nel colpire convogli di rifornimenti russi e veicoli corazzati, in particolare dietro le linee nemiche, sono meno capaci dei droni operati dalla NATO. È anche probabile che l’Ucraina stia esaurendo i Bayraktars, poiché le perdite in combattimento sono aumentate.

Ecco un video di un Grey Eagle che decolla da un paese non specificato “in Medio Oriente“. Nota i due missili AGM-114 Hellfire:

Grey Eagle, che funge da piattaforma di ricognizione senza equipaggio per gli elicotteri d’attacco AH-64 Apache, sarebbe un notevole aggiornamento rispetto al Bayraktar. Grey Eagle può trasportare fino a quattro missili anticarro Hellfire, ciascuno con una portata fino a 10 chilometri. Al contrario, Bayraktar deve volare molto più vicino al bersaglio per rilasciare le sue bombe MAM-L. Questo aumento della portata consentirà agli operatori di droni ucraini di condurre attacchi di stallo, rimanendo fuori dalla portata di tutti i sistemi aerei tranne quelli dedicati e, in generale, durando più a lungo sul campo di battaglia.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Missile antinave Harpoon

una vista aerea di prua della porta della corazzata uss new jersey che lancia un missile arpione sulla gamma del centro di test missilistico pacifico

La corazzata USS New Jersey spara un missile Harpoon al largo delle coste delle Hawaii, 1983. Harpoon è stato gradualmente aggiornato allo standard Block II di oggi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Uno dei più spettacolari fallimenti della Russia nella guerra ucraina è stata la perdita del Moskva, un incrociatore missilistico e nave ammiraglia della flotta del Mar Nero. Due missili Neptune di fabbricazione ucraina, lanciati da un camion a terra, affondarono la nave da guerra. Sebbene quella sia stata la fine umiliante della Moscova, non è stata la fine della Marina russa, che continua a pattugliare la costa ucraina e minacciare sbarchi anfibi dietro la linea del fronte.
Il Neptune è un nuovissimo sistema missilistico che è diventato operativo abbastanza di recente alla fine del 2021. L’Ucraina ha richiesto alla NATO più missili antinave che le consentirebbero di passare all’offensiva, affondando le navi da guerra russe che bloccano i suoi porti.

Il candidato più probabile per l’Ucraina è l’Harpoon di fabbricazione americana. Harpoon, originariamente schierato negli anni ’80, è un missile da crociera antinave. Harpoon viene lanciato da una nave tramite un razzo, che accelera il missile verso il cielo fino a quando il motore a turbina integrato non può prendere il sopravvento. Il missile è progettato per volare basso sulle onde a velocità subsoniche per evitare il rilevamento radar, ha una testata da 500 libbre e una portata superiore a 67 miglia nautiche.

Ecco un video della nave mercantile anfibia in pensione USS Durham, colpita da tre missili Harpoon durante l’esercitazione Rim of the Pacific del 2020, la più grande esercitazione di guerra marittima internazionale del mondo:

Harpoon usa un radar integrato nel suo naso per trovare il suo bersaglio. Un operatore può programmare un missile per volare in un’area specifica e solo allora accendere il suo radar, una capacità utile per sorvolare navi e isole amiche e impedire al nemico di rilevare le emissioni radar dei missili fino all’ultimo minuto. Una versione più recente, l’Harpoon Block II, include la guida GPS, la resistenza alle contromisure elettroniche del nemico e una capacità di riattacco che consente al missile di girarsi e riprovare se manca una nave nemica.

Alla fine della scorsa settimana, Reuters ha riferito che gli Stati Uniti hanno appoggiato la richiesta e stavano cercando di trovare paesi della NATO in grado di soddisfarla. L’Ucraina non ha praticamente nessuna marina e la sua forza aerea è fissata sulla guerra terrestre, quindi la soluzione migliore è un altro sistema missilistico lanciato a terra. Gli Stati Uniti hanno missili anti-nave nel loro arsenale, inclusi l’Harpoon e i nuovi missili anti-nave Naval Strike Missile, ma non utilizzano una versione montata su camion.

La Danimarca si è fatta avanti per fornire un sistema Harpoon montato su camion e ricariche di missili. La Danimarca ha ricevuto i kit di aggiornamento Harpoon Block II nel 1999, quindi l’Ucraina quasi sicuramente otterrà la versione più recente e più capace. La Danimarca, una nazione peninsulare nel Mar Baltico, ha bisogno dell’arma per difendere le sue centinaia di miglia di costa, ma con la Finlandia e la Svezia che aderiranno alla NATO e rafforzano l’organizzazione, la difesa del Baltico diventerà un po’ più facile.

C’è anche la possibilità che l’Ucraina possa ricevere il missile d’attacco navale progettato dalla Norvegia. La Polonia, un fedele alleato dell’Ucraina, gestisce una versione terrestre montata su camion.

attacchi russi all'ucraina

Un T-72B1 dell’esercito russo distrutto nel villaggio di Buzova a Kiev, in Ucraina, il 20 maggio 2022.

La ritirata della Russia dall’Ucraina settentrionale le ha permesso di concentrarsi sulla parte orientale del Paese, scatenando la sua furia sulla regione del Donbas. La sfida per gli Stati Uniti e la NATO è fornire nuove armi e l’addestramento per usarle, in tempo affinché gli ucraini possano utilizzarle efficacemente. Armi come HIMARS, Grey Eagle e Harpoon daranno a Kiev un vantaggio tecnologico e, si spera, convinceranno la Russia che ha morso più di quanto possa masticare, e un completo ritiro è nel migliore interesse di Mosca. In caso contrario, l’Ucraina sta dimostrando, se aiutata, di essere più che in grado di scortare la Russia al confine.

Articoli più letti