XB-70 Valkyrie: il jet bombardiere più veloce degli Stati Uniti

Sfortunatamente, l'aereo era in fase di sviluppo in un periodo, durante gli anni '50 e '60, quando il futuro dei bombardieri con equipaggio era incerto e l'attenzione si era spostata sui missili. Di conseguenza, l'amministrazione Kennedy annullò i piani per schierarel'XB-70, lasciando incompiuti due prototipi XB-70A sperimentali

0
907

Secondo la NASA l’XB -70 Valkyrie, “con una velocità di crociera pianificata di Mach 3 e un’altitudine operativa di 21.000 metri, doveva essere l’ultimo bombardiere strategico con equipaggio ad alta quota e ad alta velocità“.

Sfortunatamente, l’aereo era in fase di sviluppo in un periodo, durante gli anni ’50 e ’60, quando il futuro dei bombardieri con equipaggio era incerto e l’attenzione si era spostata sui missili. Di conseguenza, l’amministrazione Kennedy annullò i piani per schierarel’XB-70, lasciando incompiuti due prototipi XB-70A sperimentali presso la North American Aviation.

Nel 1961, il presidente Kennedy rivelò che il programma XB-70 doveva essere ridotto alla sola ricerca, citando il costo elevato (oltre $ 700 milioni per prototipo) e la vulnerabilità.

Volarono due XB-70

Secondo il Museo Nazionale dell’Aeronautica Militare degli Stati Uniti, l’Aeronautica Militare degli Stati Uniti ha acquistato due XB-70A per testare l’aerodinamica, la propulsione e altre caratteristiche del grande velivolo supersonico. Il primo XB-70A ha volato nel settembre 1964, ha raggiunto il volo Mach 3 nell’ottobre 1965 e ha continuato a volare e generare preziosi dati di test nel programma di ricerca fino a quando non è arrivato al museo nel 1969. La seconda Valkyrie ha volato per la prima volta nel luglio 1965 ma è stata distrutta a seguito di una collisione accidentale a mezz’aria nel giugno 1966. Una terza Valchyrie non fu mai completata.

Com’era l’imponente aereo?

L’XB-70 aveva una lunghezza di 60 metri, un’altezza alla coda di quasi 10 metri e un peso lordo massimo stimato di 236.000 chili. Era necessario un equipaggio di quattro persone per pilotare questo enorme jet: un pilota, un copilota, un bombardiere e un operatore dei sistemi difensivi.

Il jet poteva raggiungere velocità supersoniche fino a Mach 3. A questa velocità, l’aereo era stato progettato per cavalcare la propria onda d’urto. L’aereo fu costruito utilizzando materiali a “nido d’ape” in titanio e acciaio inossidabile brasato per consentirgli di resistere al riscaldamento durante le porzioni di volo ad alto numero di Mach.



2