Voyager 1: contatto ripristinato con la sonda spaziale

La NASA ha ripreso il pieno contatto con la sonda spaziale Voyager 1, l' oggetto creato dall'uomo che ha intrapreso il viaggio più distante nell'Universo

2
194
Voyager 1: forse la sua missione è arrivata al capolinea

La NASA ha ripreso il pieno contatto con la sonda spaziale Voyager 1, l’oggetto creato dall’uomo che ha intrapreso il viaggio più distante nell’Universo.

Voyager 1

Riparato il computer di Voyager 1

Per la prima volta da novembre 2023, la navicella spaziale sta ora restituendo dati utilizzabili sullo stato dei suoi sistemi di ingegneria di bordo. Voyager 1 in azione da 46 anni, ora a circa 15,1 miliardi di miglia dalla Terra, ha continuamente sfidato le aspettative sulla sua durata di vita mentre si avventura ulteriormente nel territorio inesplorato del Cosmo.

Non è stato facile come premere Control-Alt-Delete, ma i migliori esperti della NASA e del CalTech sono riusciti a riparare il vecchio computer a bordo della sonda che stava causando l’interruzione della comunicazione, almeno per ora.

Un problema al computer a bordo della Voyager 1 il 14 novembre 2023, ha danneggiato il flusso di dati scientifici e ingegneristici inviati dalla navicella sulla Terra, rendendoli illeggibili.



Voyager 1: forse la sua missione è arrivata al capolinea

Anche se il segnale radio della navicella spaziale non ha mai interrotto la connessione con gli operatori di controllo a terra sulla Terra durante il problema al computer, quel segnale non trasportava dati utilizzabili da novembre. Dopo alcune serie indagini per riparare il computer di bordo, la situazione è cambiata il 20 aprile 2024, quando la NASA ha finalmente ricevuto dati utilizzabili.

La sonda e la sua gemella, Voyager 2, sono l’unica navicella spaziale ad aver mai volato nello Spazio interstellare. Voyager 2 sta continuando a funzionare normalmente. Lanciate entrambe oltre 46 anni fa, le navicelle gemelle Voyager 2 si distinguono su due fronti: hanno operato più a lungo e viaggiato più lontano di qualsiasi veicolo spaziale mai visto.

Il problema della Voyager 1

Un problema informatico ha impedito al team di supporto della missione nel sud della California di sapere molto di più sullo stato della Voyager 1.

Il problema tecnico del computer si è verificato il 14 novembre 2023 e ha influito sulla capacità della Voyager 1 di inviare dati di telemetria, come misurazioni dagli strumenti scientifici della navicella o informazioni ingegneristiche di base su come stava andando la sonda. Quindi, non sono pervenute informazioni sui parametri chiave riguardanti la propulsione, la potenza o i sistemi di controllo del velivolo.

Negli ultimi due decenni, la NASA ha dedicato gli strumenti della Voyager allo studio dei raggi cosmici, del campo magnetico e dell’ambiente del plasma nello Spazio interstellare. Entrambe le sonde hanno viaggiato oltre l’eliopausa, dove il flusso di particelle emanate dal Sole si riversa nel mezzo interstellare.

Voyager 1

Non ci sono altri veicoli spaziali operativi attualmente che esplorano lo spazio interstellare. La sonda New Horizons della NASA, che ha sorvolato Plutone nel 2015, è sulla buona strada per raggiungere lo Spazio interstellare negli anni 2040.

L’ultimo problema con Voyager 1 ha riguardato il Flight Data Subsystem (FDS) della sonda, uno dei tre computer sulla navicella che lavora insieme a un computer centrale di comando e controllo e a un altro dispositivo che supervisiona il controllo dell’assetto e il puntamento.

L’FDS è responsabile della raccolta di dati scientifici e ingegneristici dalla rete di sensori del veicolo spaziale e quindi della combinazione delle informazioni in un unico pacchetto di dati in codice binario: una serie di uno e zero. Un componente separato chiamato unità di modulazione della telemetria invia effettivamente il pacchetto di dati sulla Terra attraverso l’antenna parabolica da 3,7 metri della Voyager.

Conclusioni

Le navicelle gemelle Voyager 1 e 2 stanno esplorando luoghi in cui nulla della Terra è mai volato prima. Proseguendo il loro viaggio durato più di 40 anni dal lancio del 1977, ciascuna di esse è molto più lontano dalla Terra e dal Sole rispetto a Plutone.

Nell’agosto 2012, la Voyager 1 ha fatto lo storico ingresso nello Spazio interstellare, la regione tra le stelle, piena di materiale espulso dalla morte delle stelle vicine milioni di anni fa. La Voyager 2 è entrata nello Spazio interstellare il 5 novembre 2018 e gli scienziati sperano di saperne di più su questa regione.

Entrambi i veicoli spaziali stanno ancora inviando informazioni scientifiche sull’ambiente circostante attraverso la Deep Space Network, o DSN.

NASA: le sonde Voyager potrebbero restare operative fino al 2035

La missione principale è stata l’esplorazione di Giove e Saturno. Dopo aver fatto una serie di scoperte, come i vulcani attivi sulla luna di Giove, Io e le complessità degli anelli di Saturno, la missione è stata estesa.

La Voyager 2 ha continuato a esplorare Urano e Nettuno, ed è ancora l’unica navicella spaziale ad aver visitato quei pianeti esterni. L’attuale missione degli avventurieri, la Voyager Interstellar Mission (VIM), esplorerà il confine più esterno del dominio del Sole. E oltre.

L’obiettivo della missione Voyager Interstellar Mission (VIM) è estendere l’esplorazione della NASA del sistema solare oltre le vicinanze dei pianeti esterni fino ai limiti esterni della sfera di influenza del Sole, e possibilmente oltre.

2