La Via Lattea potrebbe pullulare di pianeti dotati di continenti e oceani

Secondo un nuovo studio dell'Università di Copenaghen, Terra, Venere e Marte sono stati creati da piccole particelle di polvere contenenti ghiaccio e carbonio. La scoperta apre la possibilità che la Via Lattea possa essere piena di pianeti con molta acqua

0
1410

Gli astronomi hanno esaminato a lungo il vasto universo nella speranza di scoprire civiltà aliene. Ma affinché un pianeta abbia vita, deve essere presente acqua liquida. Le possibilità di quello scenario di scoperta sono sembrate impossibili da calcolare perché si è ipotizzato che pianeti come la Terra ottengano l’acqua per caso solo se un grande asteroide di ghiaccio colpisce il pianeta.

Ora, i ricercatori del GLOBE Institute dell’Università di Copenhagen hanno pubblicato uno studio che apre gli occhi, indicando che l’acqua può essere presente durante la formazione stessa di un pianeta. Secondo i calcoli dello studio, questo è vero sia per la Terra, sia per Venere che per Marte.

Tutti i nostri dati suggeriscono che l’acqua faceva parte degli elementi costitutivi della Terra, fin dall’inizio. E poiché la molecola d’acqua si forma facilmente, c’è una ragionevole probabilità che questo criterio si possa applicare a tutti i pianeti della Via Lattea. Il punto decisivo per stabilire se l’acqua liquida è presente su un pianeta, è la distanza del pianeta dalla sua stella“, afferma il professor Anders Johansen del Center for Star and Planet Formation, che ha condotto lo studio pubblicato sulla rivista Science Advances.

Su tutti i pianeti in formazione c’è ghiaccio d’acqua?


Utilizzando un modello computerizzato, Anders Johansen e il suo team hanno calcolato la velocità con cui si formano i pianeti e con quali elementi costitutivi. Lo studio indica che si tratta di particelle di polvere di dimensioni millimetriche di ghiaccio e carbonio, note per orbitare attorno a tutte le giovani stelle della Via Lattea.

Le stesse componenti che si aggregarono durante la formazione del nostro pianeta.



Mentra la Terra si formava crescendo fino all’1% della sua massa attuale, ha catturato masse di ciottoli pieni di ghiaccio e carbonio. La Terra poi è cresciuta sempre più velocemente fino a quando, dopo cinque milioni di anni, è diventata grande come la conosciamo oggi. Lungo il percorso, la temperatura sulla superficie è aumentata bruscamente, facendo evaporare il ghiaccio nei ciottoli durante il percorso verso la superficie, cosicché, oggi, solo lo 0,1% del pianeta è costituito da acqua, anche se il 70% della superficie è coperta dall’acqua “, afferma Anders Johansen, che dieci anni fa insieme al suo gruppo di ricerca a Lund ha avanzato la teoria che il nuovo studio ora conferma.

La teoria, chiamata “accumulo di ciottoli“, è che i pianeti sono formati da ciottoli che si raggruppano formando una massa sempre più grande.

Anders Johansen spiega che la molecola d’acqua H2O si trova ovunque nella nostra galassia e che la teoria quindi apre la possibilità che altri pianeti si siano formati allo stesso modo di Terra, Marte e Venere.

Tutti i pianeti rocciosi della Via Lattea potrebbero essere formati dagli stessi elementi costitutivi, il che significa che i pianeti con la stessa quantità di acqua e carbonio della Terra – e quindi potenziali luoghi in cui può essere presente la vita – potrebbero formarsi con una certa frequenza intorno ad altre stelle nella nostra galassia, a condizione la temperatura è giusta“, dice.

Buone possibilità per l’emergere della vita


Se i pianeti nella nostra galassia avessero gli stessi elementi costitutivi e le stesse condizioni di temperatura della Terra, ci sarebbero anche buone probabilità che possano avere circa la stessa quantità di acqua e continenti del nostro pianeta.

Il professor Martin Bizzarro, coautore dello studio, conferma:

Con il nostro modello, tutti i pianeti ricevono la stessa quantità di acqua, e questo suggerisce che altri pianeti potrebbero avere non solo la stessa quantità di acqua e oceani, ma anche la stessa quantità di continenti della Terra. Questo Offre buone opportunità per l’emergere della vita“.

Se, d’altra parte, fosse casuale la quantità d’acqua fosse presente sui pianeti, i pianeti potrebbero apparire molto diversi. Alcuni pianeti sarebbero troppo asciutti per sviluppare la vita, mentre altri sarebbero completamente coperti dall’acqua.

Un pianeta coperto dall’acqua sarebbe ovviamente un bene per gli esseri marittimi, ma offrirebbe condizioni tutt’altro che ideali per la formazione di civiltà in grado di osservare l’universo“, spiega Anders Johansen.

Anders Johansen e il suo team di ricerca attendono con impazienza la prossima generazione di telescopi spaziali, che offriranno opportunità di gran lunga migliori per osservare esopianeti in orbita attorno a stelle diverse dal Sole.

I nuovi telescopi sono potenti. Usano la spettroscopia, il che significa che osservando quale tipo di luce viene bloccata dall’orbita dei pianeti attorno alla loro stella, puoi vedere quanto vapore acqueo c’è. Può dirci qualcosa sulla percentuale d’acqua su quel pianeta “, dice.

2