La verità su magnetismo umano, vaccini e Covid-19

C'è un'enorme differenza tra dire "questo materiale mostra una forma di magnetismo" e "gli esseri umani possono essere magnetizzati", e se vogliamo rispondere a quest'ultima domanda, capiremo meglio come funziona il magnetismo stesso

0
8073
Indice

Di tanto in tanto, arriva un’affermazione che sfida la narrativa scientifica tradizionale. Queste sfide possono occasionalmente servire come seme per una rivoluzione nella nostra comprensione di alcuni aspetti del mondo, ma molto più frequentemente, queste affermazioni semplicemente falliscono.

Spesso, la natura stessa dell’affermazione stessa è sospetta e basata su un malinteso di fatti già noti e accertati. Indipendentemente da ciò che viene affermato, tuttavia, possiamo sempre ancorarci partendo da un punto di partenza scientificamente valido e quindi esaminare la fattibilità di quelle nuove affermazioni attraverso quella lente.

Recentemente, la dottoressa Sherri Tenpenny ha affermato che il vaccino contro il coronavirus sta magnetizzando attivamente le persone, affermando nella sua testimonianza: “Sono sicura che avrete visto le foto su Internet di persone vaccinate che ora sono magnetizzate. Puoi mettere una chiave sulla loro fronte, si attacca. Puoi mettere cucchiai e forchette dappertutto e possono attaccarsi perché sappiamo che nella proteina Spike c’è un pezzo di metallo”.

Fortunatamente, la scienza del magnetismo è stata straordinariamente ben compresa da oltre 150 anni. Ecco uno sguardo alla scienza dietro questa affermazione.

Magnetismo

La maggior parte di noi ha familiarità con i magneti permanenti, che generano il proprio campo magnetico. Quando avvicini un magnete permanente a determinati materiali, il magnete induce un campo magnetico all’interno di quei materiali, generando una forza attrattiva. Esempi comuni di questo includono:



  • avvicinare un magnete permanente a un frigorifero, sul quale si “attacca”,
  • avvicinare un magnete permanente a una serie di graffette, che possono essere poi raccolte dal magnete,
  • o usare un magnete permanente all’estremità di un bastoncino per cercare eventuali spilli o altri piccoli oggetti di metallo che potrebbero essere caduti in terra.

Ma non è così che funzionano tutti i magneti; i magneti permanenti sono solo un tipo specifico di magnetismo in gioco. Tutti i materiali che sono fatti di materia normale – nuclei atomici con elettroni ad essi legati – esibiscono una o più forme di magnetismo, e questo include gli esseri umani e tutto ciò che contengono.

Certo, c’è un’enorme differenza tra dire “questo materiale mostra una forma di magnetismo” e “gli esseri umani possono essere magnetizzati“, e se vogliamo rispondere a quest’ultima domanda, capiremo meglio come funziona il magnetismo stesso.

I tre tipi di magnetismo che si verificano nei materiali sono diamagnetismo, paramagnetismo e ferromagnetismo. Ogni volta che applichi un campo magnetico esterno a un materiale, otterrai una delle seguenti tre risposte.

Diamagnetico: quando metti il ​​tuo materiale in un campo magnetico esterno, il materiale si magnetizza debolmente nella direzione opposta al campo esterno, e quando rimuovi il campo esterno, il materiale si smagnetizza completamente, tornando al suo stato originale.

Paramagnetico: quando metti il ​​tuo materiale in un campo magnetico esterno, si magnetizza debolmente parallelamente (nella stessa direzione) del campo esterno, e quando rimuovi il campo esterno, il materiale si smagnetizza e ne esce senza campo magnetico interno.

Ferromagnetico: quando metti il ​​tuo materiale in un campo magnetico esterno, si magnetizza fortemente parallelamente al campo esterno, e quando il campo esterno viene rimosso, il materiale può rimanere parzialmente o addirittura completamente, magnetizzato, conservando il proprio campo magnetico interno.

Di questi tre, solo i materiali ferromagnetici possono rimanere magnetizzati in assenza di un campo esterno. Se parliamo di “magnetizzare” qualcosa in modo permanente o semipermanente, abbiamo sempre a che fare con il ferromagnetismo.

La maggior parte delle sostanze, tuttavia, non è affatto ferromagnetica. Alcuni materiali ferromagnetici sono comuni: gli elementi ferro, nichel e cobalto, così come la maggior parte delle loro leghe, più un numero di composti che coinvolgono alcuni altri elementi, tra cui manganese, cromo, gadolinio e altri lantanidi della tavola periodica.

Quando si tratta di magnetismo, è importante ricordare che non è in gioco solo un tipo di magnetismo, ma almeno uno. Tutti i materiali sono diamagnetici; magnetizzano tutti in modo antiparallelo a qualsiasi campo magnetico esterno.

È solo che alcuni materiali sono anche paramagnetici o ferromagnetici, dove gli effetti paramagnetici sono spesso più forti di quelli diamagnetici, mentre gli effetti ferromagnetici sono – quando presenti – sempre più forti di quelli diamagnetici.

Le domande che dovremmo porci, quindi, sono tre.

  1. Quali sono le proprietà magnetiche tipiche di un corpo umano, e c’è un sostanziale ferromagnetismo insito nelle persone che potrebbe essere sfruttato o misurato?
  2. Quali sono gli ingredienti nel vaccino specifico in questione, così come in altri vaccini più in generale, e possono essere responsabili della magnetizzazione di un essere umano?
  3. E infine, c’è qualche scienza dietro affermazioni tipo “puoi mettere chiavi, forchette, cucchiai, ecc., Su un essere umano che è stato vaccinato contro il coronavirus, e si attaccheranno?

Cominciamo con le proprietà magnetiche di un essere umano.

Magnetismo umano. Se dovessi scomporre un essere umano nelle molecole che lo compongono, scopriresti che la stragrande maggioranza del corpo – circa il 60-65%, secondo la maggior parte delle stime – è fatta di acqua. Se hai mai avvicinato un magnete permanente a un bicchiere d’acqua e hai notato quanto non reagisca l’acqua, questa è un’indicazione: l’acqua non è ferromagnetica (in effetti, l’acqua è piuttosto diamagnetica).

Il successivo insieme più comune di molecole nel corpo umano sono i lipidi: i grassi e gli acidi grassi che immagazziniamo per soddisfare i nostri bisogni energetici. Anche i lipidi non sono ferromagnetici, ma possono essere paramagnetici se vengono soddisfatte determinate condizioni specifiche.

Le proteine, il terzo materiale più comune, generalmente non sono di natura ferromagnetica, ma uno studio del 2017 ha scoperto una proteina magnetica e c’è il sospetto che tali proteine ​​possano essere responsabili del senso di magnetorecezione in alcuni animali. Possiamo anche progettare cristalli proteici magnetici, ma questi non si trovano in natura.

Questi tre componenti – acqua, lipidi e proteine ​​- compongono circa il 95% del corpo umano, tipico di molti animali. Quale effetto, nel complesso, domina? Sono gli effetti diamagnetici dell’acqua, come dimostrato in modo spettacolare dalla rana levitante nel video qui sotto .

Quando si applica un campo magnetico esterno molto, molto forte – del tipo che possiamo raggiungere solo con elettromagneti superconduttori – il diamagnetismo indotto negli oggetti contenenti acqua causerà la creazione di un campo magnetico che si oppone al campo esterno.

Se il campo esterno ha un polo “nord” in alto, allora la rana magnetizzata avrà un polo “nord” in basso e due poli nord si respingono. Se il campo esterno è sufficientemente forte, questo può anche vincere la forza di gravità, portando al fenomeno della levitazione magnetica. A quanto pare, la maggior parte dei materiali biologici, inclusi gli esseri umani, contengono grandi quantità di acqua e sono, nel complesso, debolmente diamagnetici.

Se volessi far sì che un essere umano si comporti in modo diverso da diamagnetico – cioè che respinga i magneti permanenti e non sperimenti forze da materiali non magnetici – dovresti aggiungere una sorta di materiale magnetizzabile.

Potresti pensare: “Ehi, l’emoglobina, che si trova nel sangue, contiene ferro e non potrebbe essere ferromagnetico?” Ma si scopre che non è così; l’emoglobina, a seconda che sia ossigenata o meno, può comportarsi in modo diamagnetico o paramagnetico, ma non si comporta in modo ferromagnetico. Dovremmo introdurre qualche agente esterno.

Cosa c’è nei vaccini? Questa è la prossima grande domanda: se gli esseri umani, di per sé, non sono permanentemente magnetizzabili, una sorta di agente introdotto nel nostro corpo potrebbe renderci improvvisamente capaci di essere magnetizzati? E, in tal caso, qualcuno dei vaccini contro SARS-CoV-2 potrebbe contenere ingredienti che trasformano i nostri corpi in magneti permanenti?

Sebbene ciascuno dei vaccini disponibili sia diverso dall’altro, hanno anche tutti dei punti in comune. Tutti i vaccini contro il COVID-19 non contengono tracce di:

  • ferro,
  • nichel,
  • cobalto,
  • litio,
  • o leghe di terre rare,

così come mancano (al contrario di quanto sostengono i cospirazionisti) microchip, microelettronica, grafene, nanofili o elettrodi.

Invece, i vaccini Moderna e Pfizer, che sono vaccini a mRNA, contengono mRNA, lipidi, sali, zuccheri, nonché (nel caso di Moderna) acidi e stabilizzatori di acidi. Il vaccino Johnson & Johnson, d’altra parte, contiene una versione modificata del comune virus del raffreddore, oltre ad acidi, sali, zuccheri ed etanolo.

Nessuno di questi ingredienti è magnetico e, come osserva il CDC, anche se lo fossero, la quantità di vaccino inoculata non è sufficientemente grande da far sì che i magneti si attacchino direttamente, anche sul sito dell’iniezione.

Magneti e metalli si attaccano alla pelle umana. Eppure, ci sono numerosi esempi, incluso un numero significativo di recenti video virali, in cui le persone attaccano direttamente oggetti metallici, magnetici o di altro tipo alla loro pelle, mentre contemporaneamente affermano che è il vaccino contro il coronavirus che ha reso possibile questo “magnetismo“.

In realtà c’è una base di verità in questa affermazione: molte persone riescono ad “attaccare” oggetti metallici, magnetici o di altro tipo, inclusi vetro, porcellana, plastica, legno, ottone e alluminio, alla loro pelle.

Sebbene le persone che possono farlo siano a volte chiamate colloquialmente “magneti umani” , con molti che affermano di essere, in effetti, magnetici, il fenomeno in gioco qui è molto più banale del magnetismo.

Invece, il motivo per cui gli oggetti possono attaccarsi a certe persone è il motivo principale per cui praticamente due oggetti qualsiasi potrebbero rifiutarsi di scivolare l’uno dall’altro: la forza di attrito.

In ogni caso in cui sono stati testati questi “magneti umani“, gli stessi risultati appaiono ogni volta e comprendono:

  • se provi a misurare il campo magnetico intorno alla persona, ottieni un risultato nullo; nessun campo rilevabile sopra lo sfondo del campo magnetico intrinseco della Terra,
  • le stesse persone che possono attaccare oggetti metallici o magnetici al loro corpo possono attaccare metalli non metallici e/o non ferromagnetici al loro corpo altrettanto facilmente,
  • che l’effetto si verifica solo dove la pelle è liscia e senza peli,
  • che il soggetto spesso si inclina all’indietro o attacca un oggetto a se stesso con un angolo inferiore a 90°,
  • e, come dimostrato dal defunto scettico e mago James Randi, i loro pretesi poteri magnetici scompaiono improvvisamente se copri la loro pelle di talco.

Proprio come il fenomeno dell’equilibrio di un uovo in posizione verticale durante l’equinozio, che può essere eseguito ugualmente bene durante qualsiasi giorno dell’anno, gli oggetti di metallo possono spesso attaccarsi alla pelle umana. Ma né il magnetismo né gli ingredienti dei vaccini vi giocano alcun ruolo.

È vero che alcune persone hanno la pelle più appiccicosa di altre e sono abbastanza capaci di attaccare temporaneamente oggetti metallici o magnetici enormi e macroscopici alla loro pelle nuda.

Ma non è perché sono magnetici; il corpo umano non genera e non possiede da solo campi magnetici misurabili. Non è perché hai ricevuto il vaccino contro il coronavirus; non ci sono ingredienti magnetici o magnetizzabili in nessuno di essi e le proprietà appiccicose della pelle umana sono invariate dai vaccini, anche nel sito di iniezione.

Il punto cruciale di queste affermazioni – che i vaccini contro il coronavirus possono trasformare i corpi umani in magneti – è palesemente falso.

Tutti i vaccini COVID-19 non contengono ingredienti magnetici o magnetizzabili, non causano magnetismo nell’uomo e, inoltre, il magnetismo nell’uomo non è nemmeno un fenomeno reale e misurabile.

Si tratta semplicemente di due fenomeni non correlati, la naturale viscosità della pelle umana e il fatto che molte persone hanno recentemente ricevuto un vaccino contro il coronavirus, che sono stati erroneamente combinati insieme.

Se senti il ​​bisogno di dimostrarlo a chiunque sostenga di essere magnetizzato, basta mettere un po’ di borotalco sulla pelle e il loro supposto magnetismo scomparirà spontaneamente.

2