Venere catturò e distrusse una piccola luna

Un team di ricercatori dell'Osservatorio navale degli Stati Uniti a Washington DC e della Teza Technologies a Chicago ha studiato la possibile cattura e distruzione di una luna da parte di Venere

0
338
Venere catturò e distrusse una piccola luna, EnVision
Venere catturò e distrusse una piccola luna

Venere è considerato il pianeta gemello della Terra e, in effetti, per massa e dimensioni ricorda molto il nostro pianeta, peccato che sia il gemello sfortunato. Nonostante le dimensioni simili, Venere ha un’atmosfera così densa e calda che nessun essere umano sopravviverebbe sulla sua superficie.

E le stranezze non finiscono qui. Venere, al contrario di tutti gli altri pianeti del sistema solare che ruotano in senso antiorario sul proprio asse, ruota in senso orario, una rotazione lentissima in cui un giorno dura un anno terrestre. È come se fosse sottosopra rispetto agli altri principali attori del Sistema Solare. Il motivo non è chiaro, ma una nuova ipotesi prevede che Venere abbia catturato e distrutto una luna.

Nuove conferme per la fosfina su Venere

Venere ha catturato una luna?

I ricercatori Valeri Makarov dell‘Osservatorio navale degli Stati Uniti a Washington DC e Alexey Goldin della Teza Technologies a Chicago hanno revisionato le informazioni disponibili dalle origini del sistema solare in avanti, in particolare quelle relative al periodo in cui i pianeti rocciosi si stavano formando accumulando gran parte della loro massa, un periodo durante il quale lo spazio intorno al Sole era popolato, oltre che dai pianeti in formazione, da una miriade di corpi che vagavano caoticamente.

Tra questi, Venere potrebbe avere catturato con la sua gravità un planetesimo. I due ricercatori hanno esaminato centinaia di migliaia di simulazioni e hanno trovato scenari plausibili in grado di spiegare le peculiarità orbitali di Venere oggi.



Innanzitutto, la cattura della luna sarebbe stata retrograda. Ciò significa che l’oggetto stava girando attorno a Venere ma nella direzione opposta. L’ipotesi è che Venere fino a quel momento Venere stesse ruotando nella stessa direzione degli altri pianeti.

Il movimento di questa luna avrebbe creato maree che avrebbero rallentato la rotazione di Venere, un processo durato almeno 10.000 anni.

La cattura di una luna sarebbe stata difficile per Venere essendo così vicino al Sole. E questo è vero sia che ne abbia catturato una, sia che si sia formata a seguito di un impatto importante, come è successo alla nostra Luna.

La luna catturata nello scenario simulato è stata mantenuta grazie alla presenza di materiale attorno a Venus che ha rimosso l’energia orbitale. Ma questo ha un costo. Le frequenti collisioni, le maree e il movimento orbitale alla fine hanno portato la luna troppo vicino al pianeta. La gravità di Venere ha distrutto il corpo celeste e i suoi resti hanno finito per cadere nello Spazio.

La squadra ha chiamato la luna Neith. Si ritiene che Giovanni Cassini, lo scopritore di Titano e degli anelli di Saturno, abbia visto una luna del genere attorno a Venere, e per alcuni secoli si è riportata la presenza di questa ipotetica luna. È probabile che si sia trattato di stelle apparse fortuitamente nel campo visivo di chi osservava il pianeta.

Avrebbe senso inviare una missione con equipaggio su Venere?

Lo scenario non è l’unico che si propone di spiegare perché Venere orbita in questo modo: in senso opposto a quello degli altri pianeti ed estremamente lento. Venere impiega circa 243 giorni terrestri per compiere un singolo giro sul proprio asse. Altri suggerimenti per la strana rotazione riguardano le interazioni gravitazionali con il Sole, gli effetti della sua atmosfera densa e un impatto massiccio, simile a quello che ha costretto Urano a orbitare su un fianco.

I pianeti sono circondati da superfici frattali (tradizionalmente chiamate sfere di Hill), che separano le zone interne di movimento orbitale stabile a lungo termine dei loro satelliti dallo spazio esterno dove prende il sopravvento l’attrazione gravitazionale del Sole.

Attraverso questa superficie, i corpi minori esterni in traiettorie vagamente coorbitali rispetto a un pianeta possono essere catturati stocasticamente dal pianeta senza alcuna assistenza da forze perturbative esterne e possono diventare lune in orbita caotica attorno al pianeta per lunghi periodi di tempo.

La cattura caotica di una luna retrograda da un’orbita eliocentrica prograda sembra essere lo scenario più probabile perché la sfera di Hill ha un’area quasi quattro volte più grande per un’orbita retrograda che per un’orbita prograda.

Le traiettorie di cattura simulate includono casi con fasi di attaccamento che possono durare fino a 860.000 anni per le lune prograde e fino a 370.000 anni per le lune retrograde. Sebbene la probabilità di una cattura caotica a lungo termine da un singolo incontro sia generalmente bassa, l’elevata densità di corpi coorbitali nel disco protoplanetario primordiale rende questo risultato possibile, se non probabile.

Venere è l’unico pianeta interno del sistema solare che effettua una lenta rotazione retrograda rispetto al moto orbitale. Manca anche una luna permanente. Entrambe queste caratteristiche possono essere spiegate nello scenario proposto di una luna sufficientemente massiccia catturata attraverso la superficie frattale di Venere nelle prime fasi dell’evoluzione dinamica immediatamente successive all’epoca della crescita, quando un corpo più piccolo si è avvicinato a Venere con un angolo appropriato rispetto alla sua traiettoria eliocentrica e ha subito una manovra dinamica simile alla decelerazione assistita dalla gravità.

Di conseguenza, la luna catturata effettuò frequenti incursioni nell’area più vicina attorno al pianeta, avvicinandosi occasionalmente fino a dieci raggi del pianeta. Senza l’assistenza di agenti dissipativi esterni, tuttavia, Neith era destinata a essere nuovamente espulsa in un’orbita eliocentrica in cui avrebbe nuovamente incrociato Venere e, forse, altri pianeti.

La superfice di Venere

La dissipazione delle maree all’interno di Venere è stata troppo lenta per ridurre l’eccessivo momento orbitale della luna temporanea.

2