Cos’altro può andare storto con il vaccino Covid-19 di AstraZeneca?

Un recente sondaggio ha dimostrato che, mentre l'81% dei britannici ritiene che il vaccino Covid-19 di AstraZeneca / Oxford sia sicuro, solo il 43% dei tedeschi e il 33% dei francesi lo considerano tale. Sarà difficile per AstraZeneca ribaltare la situazione a breve termine

661

Alla fine della primavera scorsa, quando l’operazione Warp Speed, negli Stati Uniti, ​​stava pianificando l’eventuale disponibilità di vaccini per Covid-19, ha effettuato ordini per centinaia di milioni di dosi, inclusi 100 milioni da Pfizer / BioNTech, 100 milioni da Moderna, 100 milioni da J&J e 100 milioni di Novavax. 

Ma l’ordine più grande in assoluto era stato quello di 300 milioni di dosi di vaccino Covid-19 di AstraZeneca / Oxford. Questo ordine sproporzionato era giustificato dalla convinzione che quest’ultimo vaccino sarebbe stato molto più economico degli altri e che avrebbe potuto essere conservato nei frigoriferi e non alle temperature estremamente basse che sarebbero richieste per i vaccini Pfizer / BioNTech e Moderna.

I problemi del vaccino Covid-19 di AstraZeneca

Sfortunatamente, AstraZeneca è stata colpita da problemi durante i suoi studi clinici di fase 3 su larga scala sul suo vaccino Covid-19. 

In primo luogo, il suo programma clinico è stato sospeso per sette settimane mentre i medici di AstraZeneca indagavano sul verificarsi di quella che è stata descritta come una condizione neurologica, coerente con la mielite trasversale, in due partecipanti allo studio. 

Dopo aver esaminato attentamente i dati, tenendo presente che la mielite trasversale può essere causata da una varietà di fattori non correlati al vaccino, la FDA ha consentito ad AstraZeneca di continuare il suo programma.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Alla fine di novembre 2020, AstraZeneca ha pubblicato i risultati del suo studio che si sono rivelati abbastanza confusi. 

Nei pazienti che avevano ricevuto due dosi complete del vaccino Covid-19 di AstraZeneca / Oxford l’efficacia non superava il 62%. Tuttavia, quei pazienti che avevano ricevuto erroneamente una mezza dose seguita da una dose piena, l’efficacia è stata del 90%. 

Se questo errore in fase di test non fosse stato commesso, i revisori avrebbero avuto l’impressione che questo vaccino fosse abbastanza inferiore a quelli di Pfizer / BioNTech e Moderna che hanno prodotto un’efficacia di circa il 95%. 

Ma c’erano altre preoccupazioni sollevate da questo studio. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

In primo luogo, solo circa 2800 pazienti avevano ricevuto il regime a basso dosaggio e alto dosaggio, non abbastanza per fare una valutazione conclusiva. Più preoccupante era il fatto che nessuno dei soggetti sottoposti a quel test avesse più di 55 anni. Chiaramente, AstraZeneca ha dovuto eseguire un altro studio per convincere la FDA che aveva davvero un protocollo di dosaggio praticabile, in particolare per le persone sopra i 55 anni.

Nel frattempo, Pfizer / BioNTech, Moderna e ora J&J hanno lanciato i loro vaccini e milioni di persone sono già state vaccinate negli Stati Uniti. Si spera che AstraZeneca finisca il suo studio per il deposito presso la FDA entro aprile. 

Mentre era in attesa dell’autorizzazione negli Stati Uniti, AstraZeneca ha lanciato il suo vaccino nel Regno Unito a dicembre, dove una nazione orgogliosa ha acquistato 100 milioni di dosi del suo vaccino coltivato in casa. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il vaccino AstraZeneca / Oxford è disponibile anche in Europa dove, purtroppo, sono sorti nuovi problemi di sicurezza. Ci sono ora rapporti nel continente secondo cui questo vaccino è associato a gravi episodi di coaguli nel sangue. Di conseguenza, Danimarca, Norvegia e Islanda prima, e Germania, Francia, Italia e Spagna dopo, ne hanno sospeso l’uso fino a quando non saranno state effettuate ulteriori valutazioni.

Dato tutto quello che è successo, non sorprende che molte persone stiano rifiutando il vaccino AstraZeneca / Oxford. 

In Germania, un paese in ansia per le vaccinazioni, le persone hanno mostrato una forte preferenza per il vaccino Pfizer / BioNTech. Come riportato da Melissa Eddy sul New York Times, due settimane dopo la consegna di 1,45 milioni di dosi del vaccino AstraZeneca / Oxford a fine febbraio, ne erano state somministrate solo 270.986. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Un recente sondaggio ha dimostrato che, mentre l’81% dei britannici ritiene che il vaccino AstraZeneca / Oxford sia sicuro, solo il 43% dei tedeschi e il 33% dei francesi lo considerano tale. Sarà difficile per AstraZeneca ribaltare la situazione a breve termine.

Tornando agli Stati Uniti, cosa farà l’amministrazione Biden riguardo al vaccino AstraZeneca / Oxford Covid-19? 

Il New York Times riporta che ci sono decine di milioni di dosi di questo vaccino pronte negli stabilimenti di produzione americani in attesa della sua potenziale approvazione.

A questo punto, è probabile che, anche se dovesse ottenere un’autorizzazione all’uso di emergenza da parte della FDA, questo vaccino sarebbe considerato con sospetto dagli americani. Il presidente Biden ha già annunciato che quasi 600 milioni di dosi di vaccini Covid-19 saranno disponibili entro luglio. 

Con un altro vaccino Covid-19, quello della Novavax possibilmente pronto entro maggio, non è probabile che gli americani chiederanno a gran voce il vaccino AstraZeneca / Oxford, vista la disponibilità di questi altri.

Se, come riporta il New York Times, ci sono davvero paesi che vorrebbero accedere a questo vaccino, perché non offrire l’opportunità di acquisire il vaccino AstraZeneca / Oxford all’Organizzazione mondiale della sanità, che ha fortemente sostenuto un accesso più diffuso dei vaccini Covid-19 vaccini in altre parti del mondo? 

Il prezzo di questo vaccino e le sue esigenze di conservazione relativamente facili lo rendono adatto a questo scopo.

Insomma, gli americani cominciano a sentire la patata bollente scottargli nelle mani e stanno cominciando a valutare l’opzione di sbolognarla ad altri. Fare bella figura cedendo altrove, in particolare al terzo mondo, un prodotto di cui ancora non è chiara la sicurezza è davvero un’opzione politica per Biden e i democratici?