Utilizzate cellule muscolari animali coltivate in laboratorio per creare una bistecca attraverso una stampante 3D sulla ISS

In futuro, gli astronauti potranno evitare di portarsi enormi quantità di cibo liofilizzato per le lunghe permanenze nello spazio, limitandosi a coltivare cellule con le quali poi stamperanno bistecche ed hamburger.

643

Più vicina per gli astronauti la possibilità di poter un giorno gustare una bella cena basata su carne arrosto invece dei soliti cibi liofilizzati e poi reidradati. Questo dopo che è andato a buon fine un esperimento effettuato sulla Stazione Spaziale Internazionale in cui si è potuta letteralmente stampare una bistecca con una stampante 3D utilizzando cellule muscolari animali coltivate in laboratorio.  

La bioprinter ha stampato tessuti di carne bovina, di coniglio e di pesce utilizzando campi magnetici in microgravità, ha spiegato la società russa di tecnologia medica coinvolta nell’esperimento.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’esperimento – una collaborazione internazionale che coinvolge società statunitensi, russe e israeliane – è stato condotto a settembre dal cosmonauta Oleg Skripochka nel segmento russo della stazione usando una stampante 3D sviluppata a Mosca.

I creatori dicono che è stata la prima volta che si è stampata una piccola quantità di carne artificiale in condizioni di microgravità.

È un piccolo bocconcino per l’uomo, un morso gigante per l’umanità“, ha dichiarato Yusef Khesuani della 3D Bioprinting Solutions, il laboratorio russo che ha creato la bioprinter.

Il laboratorio è stato fondato da Invitro, una grande azienda di medicina privata russa. L’agenzia spaziale russa Roscosmos ha parzialmente finanziato l’esperimento.

È davvero una svolta sia per Roscosmos che per la Russia nel suo insieme“, ha affermato Nikolai Burdeiny, direttore esecutivo della società spaziale statale, che comprende Roscosmos. Per noi è stata la prima esperienza di collaborazione scientifica internazionale nello spazio“, ha dichiarato Khesuani, “utilizzando cellule fornite da aziende alimentari israeliane“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Grazie a Dio l’esperimento è andato a buon fine… Tutte le cellule si sono assemblate correttamente nello spazio“, ha aggiunto.

Gli astronauti, a bordo della ISS, mangiano carne sottovuoto o essiccata sulla Terra, ma questa tecnologia potrebbe in definitiva essere necessaria per lunghi viaggi nello spazio profondo, ha affermato il cosmonauta veterano Oleg Kononenko.

Se voleremo verso altri pianeti del sistema solare, non potremo portare quel volume di cibo con noi“, ha detto. In ogni caso dovremo crescere e produrre cibo a bordo dell’astronave“.

Per produrre maggiori quantità di carne nel segmento russo della ISS saranno necessarie attrezzature più complesse rispetto all’attuale stampante, ha affermato Khesuani.

“A quel punto, potremo creare non solo piccoli bocconcini di carne ma anche grandi pezzi, fatti con una grande massa di cellule. Sarà necessario continuare questi esperimenti”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Altre agenzie spaziali stanno conducendo esperimenti in questa e aree simili; Una stampante 3D americana lanciata sulla stazione spaziale a luglio ha prodotto tessuti umani e sta venendo utilizzata anche dall’ESA per esperimenti in ambito sanitario.