L’obiettivo della US Space Force: tracciare oggetti misteriosi in orbita

La US Space Force vuole essere in grado di identificare e tracciare oggetti misteriosi in orbita. Il documento pubblicato da STARCOM

0
204
L'obiettivo della US Space Force: tracciare oggetti misteriosi in orbita
L'obiettivo della US Space Force: tracciare oggetti misteriosi in orbita

La US Space Force vuole essere in grado di identificare e tracciare oggetti misteriosi in orbita. Lo Space Training and Readiness Command della Space Force, o STARCOM, che ha il compito di istruire e addestrare il personale della Space Force statunitense, ha recentemente pubblicato un documento intitolato “Space Doctrine Publication 3-100, Space Domain Awareness” che delinea quale sia la consapevolezza del dominio spaziale (SDA) e come sia possibile stabilirlo e mantenerlo.

In poche parole, compito di SDA è identificare, tracciare e mantenere la custodia di tutti gli oggetti non identificati che orbitano attorno alla Terra. La maggior parte del documento descrive il bisogno di mantenere un ambiente sicuro, monitorando e tracciando oggetti come detriti spaziali, il numero sempre crescente di satelliti commerciali, veicoli spaziali gestiti da avversari e “i pericoli posti dall’ambiente spaziale e dai detriti naturali come meteoroidi e detriti spaziali”.

US Space Force: cosa sono questi oggetti misteriosi

Da precisare come il documento prosegue sottolineando che operare in sicurezza nello spazio richiede anche “la capacità di identificare rapidamente e rispondere a minacce e pericoli, compresi oggetti che mostrano modelli di vita anormali e che non possono essere correlati ad alcun proprietario o punto di origine”.

Quindi quali potrebbero essere questi oggetti? Nella maggior parte dei casi si tratta di oggetti lanciati da altre nazioni. Il documento STARCOM sottolinea che è “imperativo per la sicurezza delle operazioni spaziali che gli Stati Uniti non solo sappiano dove si trovano gli oggetti e i veicoli spaziali in un dato momento, ma anche come sono arrivati ​​lì, chi li possiede, le loro potenziali capacità e il loro potenziale”.

La pubblicazione prosegue delineando i molti modi in cui questa capacità può essere raggiunta, compreso l’uso di sistemi radar, sensori a infrarossi e ottici, monitoraggio in radiofrequenza, stazioni meteorologiche spaziali orbitali e utilizzando informazioni prodotte dalla comunità dell’intelligence. Tuttavia, nonostante la moltitudine di modi in cui la US Space Force e altre organizzazioni tengono traccia degli oggetti nell’orbita terrestre, gli eventi recenti dimostrano come alcuni possano non essere attribuiti.

Il razzo canaglia che sfrecciò verso la Luna

In un esempio dell’inizio del 2022, è stato visto un razzo canaglia sfrecciare verso la Luna. Mentre la maggior parte degli osservatori ha notato che il razzo era probabilmente un booster della missione lunare cinese Chang’e 5-T1, la stessa Cina ha negato tale affermazione. In precedenza, nel 2014, le stazioni di localizzazione spaziale avevano osservato un oggetto sconosciuto insieme a tre satelliti russi. Si credeva che fosse un dispositivo anti-satellite o un veicolo spaziale ispettore, ma alla fine rimase non identificato.



Fare da guardia a ciò che accade in orbita

Alla luce di questi e altri sviluppi, la Space Force sta tentando di tenere d’occhio ciò che accade in orbita. Secondo SpaceNews, nell’ottobre 2023, lo Space Systems Command della Space Force ha selezionato diverse società private per contribuire ad accelerare lo sviluppo di nuove tecnologie legate alla consapevolezza del dominio spaziale. All’inizio di quest’anno, la United Launch Alliance ha lanciato la segreta navicella spaziale Silent Barker della Space Force, progettata per essere un “cane da guardia” sui satelliti in orbita geosincrona, la regione dello spazio a circa 22.236 miglia (35.786 chilometri) di altezza che consente alla navicella spaziale di rimanere stazionaria sopra punti fissi sulla Terra.

La creazione di AARO

Nel 2022, il Pentagono ha creato l’AARO, l’All-Domain Anomaly Solution Office, la cui missione è tentare di rilevare, identificare e attribuire oggetti “spaziali anomali e non identificati”, così come quelli nell’aria o nell’acqua, o quelli che sembrano essere viaggiare tra questi domini. Finora, l’ufficio non ha trovato “nessuna prova credibile” che qualcuno di questi oggetti anomali sia di origine extraterrestre.

Ma nonostante la necessità di una maggiore consapevolezza di cosa c’è nello spazio e di chi potrebbe utilizzarlo. Il generale B. Chance Saltzman ha affermato nell’aprile 2023 tramite alcune dichiarazioni riportate da Space.com: “Le capacità del dominio spaziale per la consapevolezza spaziale sono ancora in ritardo”.

2