Rinvenute 4 misteriose uova nere nell’Oceano Pacifico: il contenuto è sorprendente

Negli abissi dell'oceano Pacifico sono state rinvenute delle uova nere che, una volta analizzato il DNA, hanno rivelato la loro vera e affascinante natura

2
252
Uova nere

Durante un’esplorazione robotica della zona abissopelagica dell’oceano Pacifico, un team di scienziati ha rinvenuti alcune uova nere ad oggi sconosciute, ancorate a una roccia. gli scienziati dell’Università di Tokyo e dell’Università di Hokkaido in Giappone di sono inoltrati a una profondità di circa 6.200 metri: qualsiasi scoperta biologica in questa zona è immensamente importante, poiché i cicli di vita delle creature che vivono lì sono in gran parte sconosciuti.

Uova nere

L’interessante contenuto delle uova nere rinvenute negli abissi dell’oceano Pacifico

Incerto su cosa fossero le uova nere, il ricercatore marino dell’Università di Tokyo Yasunori Kano, che era ai comandi del ROV, ha deciso di recuperare un campione di esse per poter effettuare ulteriori analisi in superficie.

Sebbene la maggior parte delle uova nere fossero o danneggiate o vuote, almeno quattro di esse erano intatte e Kano ha inviato questi esemplari a una squadra di biologi specializzati in esseri invertebrati dell’Università di Hokkaido. Dopo averle osservate con attenzione, il team si è reso conto che queste “uova” erano in realtà bozzoli contenenti pochi di vermi piatti.

Quando li ho visti per la prima volta, poiché non avevo mai visto bozzoli di vermi piatti e non sapevo che aspetto avessero, ho pensato che potessero essere protisti o qualcosa del genere“, ha dichiarato Keiichi Kakui dell’Università di Hokkaido, coautore di uno studio che è  stato pubblicato sulla rivista Biology Letters.



Con lo stereomicroscopio ne ho tagliato uno e ne è fuoriuscita una cosa simile a un liquido lattiginoso. Dopo aver aspirato la materia lattiginosa con una pipetta, ho trovato fragili corpi bianchi nel guscio e ho capito per la prima volta che si trattava del bozzolo dei platelminti“.

Le quatto “uova nere” sopprqvvissute hanno regalato una scoperta particolarmente sorprendente, poiché non sappiamo assolutamente nulla dei platelminti abissali: non sono mai stati scoperti a profondità così immense prima. In effetti, il verme piatto più profondo osservato prima di questa scoperta è stato trovato a circa 5.200 metri.

Uova nere

L’esemplare era attaccato a un pezzo di legno, quindi gli scienziati non possono essere certi se i vermi abbiano avuto origine a quella profondità o siano affondati lì. Prima di quella scoperta, i vermi piatti più profondi mai scoperti sono stati recuperati a poco più di 3000 metri di profondità.

Dopo un ulteriore esame del DNA del contenuto delle uova nere, il team ha confermato che queste creature appartengono a una specie precedentemente non descritta del phylum Platyhelminth. Tuttavia, la ricerca riporta anche che, sebbene rappresentino: “La documentazione più profonda conosciuta di platelminti a vita libera”, questi abitanti delle profondità marine sembrano essere superficialmente uguali ai loro cugini che vivono in acque poco profonde e non hanno mostrato drastiche differenze di sviluppo.

Questa somiglianza nello sviluppo tra gli ambienti relativamente benigni delle acque poco profonde e gli ambienti abissali estremi suggerisce che i triclad che si sono adattati a questi ultimi hanno dovuto affrontare principalmente sfide adattative fisiologiche e/o ecologiche, piuttosto che sfide di sviluppo”, ha spiegato Aoi Tsuyuki.

tra le quattro capsule di uova nere intatte, una del diametro di 3,1 mm conteneva tre individui allo stadio sferico, che potrebbero essere stati embrioni precoci. Gli altri tre di cui due misuravano 3,3 mm di diametro, mentre il terzo non è stato misurato contenevano sette, quattro e tre individui allo stadio vermiforme.

Uova nere

Sezioni seriali di un individuo vermiforme hanno evidenziato una faringe tubolare diretta posteriormente, un’apertura della bocca vicino all’estremità distale della faringe e un diverticolo intestinale pieno di tuorlo, indicando che gli individui vermiformi erano embrioni tardivi. Il DNA è stato estratto dall’intero corpo di due vermi piatti, uno sferico e uno vermiforme. I risultati elle analisi hanno indicato che il verme piatto appartiene a Tricladida.

Mentre gli abissi oceanici sono ancora avvolti nell’ignoranza scientifica, questa scoperta rende la conoscenza di queste oscure profondità un po’ più consapevole, non a caso si usa spesso sostenere sulle profondità marine del pianeta Terra è che noi esseri umani: “Conosciamo la superficie di Marte meglio dei nostri fondali oceanici ”.

2