11 C
Rome
domenica, Dicembre 4, 2022
HomeFisica/Astronomia/astrofisicaUn nuovo calcolo per la costante di Hubble

Un nuovo calcolo per la costante di Hubble

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Nell’ambito dell’ormai pluriennale polemica tra astrofisici sul valore della costante di Hubble, un riesame dei dati raccolti in decenni di attività dal telescopio spaziale Hubble hanno prodotto una nuova misurazione più accurata del tasso di espansione dell’universo.

Il nuovo esame dei dati del telescopio spaziale Hubble, ormai operativo da ben 32 anni, aveva come obiettivo di identificare una volta per tutte la velocità con cui l’universo si espande e quanto tale espansione stia accelerando, dando un valore definitivo ad un numero chiamato Costante di Hubble-Lemaître (dal nome degli astronomi Edwin P. Hubble e Georges Lemaître che tentò di misurarlo per la prima volta nel 1929).

Diversi risultati confusi

Questo numero è un valore notoriamente difficile da definire perché diversi osservatori che esaminano aree diverse dell’universo hanno prodotto risultati diversi, accendendo quella che in precedenza abbiamo definito come una Polemica Cosmica. Ora un nuovo studio sull’ultimo sforzo di Hubble potrebbe aver appena trovato la risposta giusta, secondo un comunicato stampa pubblicato dalla NASA nei giorni scorsi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Si è ottenuta la misura più precisa del tasso di espansione dell’universo dal gold standard dei telescopi e dei marcatori di miglia cosmiche“, ha affermato il premio Nobel Adam Riess dello Space Telescope Science Institute (STScI) e della Johns Hopkins University di Baltimora, nel Maryland.

Riess guida una collaborazione scientifica che studia il tasso di espansione dell’universo chiamata SHOES, che sta per Supernova, H0, per l’equazione dello stato dell’energia oscura. “Questo è ciò per cui è stato costruito il telescopio spaziale Hubble, utilizzando le migliori tecniche che conosciamo per farlo. Questa è probabilmente l’opera magnum di Hubble, perché ci vorrebbero altri 30 anni della vita di Hubble per raddoppiare questa dimensione del campione“, ha detto Riess .

Riess sta guidando il più grande e probabilmente l’ultimo importante aggiornamento sulla costante di Hubble con nuovi risultati che hanno più che raddoppiato i precedenti campioni di indicatori di distanza cosmica. Il suo team ha anche esaminato tutti i dati precedenti che tengono conto di oltre 1.000 orbite di Hubble.

La costante di Hubble è un numero molto speciale. Può essere usata per infilare un ago dal passato al presente per un test end-to-end della nostra comprensione dell’universo. Ciò ha richiesto una quantità fenomenale di un lungo e certosino lavoro sui dati raccolti da Hubble“, ha detto La dott.ssa Licia Verde, cosmologa dell’ICREA e dell’ICC-Università di Barcellona, ​​parlando del lavoro del team SHOES.

Il team ha analizzato con Hubble 42 dei marker di supernova che si vedono esplodere a una velocità di circa uno all’anno. Riess ha detto: “Abbiamo un campione completo di tutte le supernove accessibili al telescopio Hubble viste negli ultimi 40 anni“. Hubble è “andato il più lontano possibile!

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Cosa ha concluso la squadra alla fine?

Il team SHOES ha prodotto una stima della costante di Hubble di 73. Questo valore si è rivelato superiore rispetto a quello definito dalla ricerca precedente che combinava il modello cosmologico standard dell’universo e le misurazioni della missione Planck dell’Agenzia spaziale europea che aveva calcolato un valore per il tasso di espansione dell’universo di 67,5 più o meno 0,5 chilometri al secondo per megaparsec.

Chi ha ragione? Come si è scoperto, alla fine non importa così tanto. Questa confusione è eccitante per astronomi come Riess. “In realtà, non mi interessa quale sia il valore specifico dell’espansione, ma mi piace usarlo per conoscere l’universo“, ha concluso Riess.

Articoli più letti