Marte: 3 missioni lo raggiungeranno questo mese

Arrivare su Marte è ancora una sfida importante - storicamente solo il 40% delle missioni su Marte ha avuto successo - e non c'è alcuna garanzia che tutte e tre le missioni riusciranno nei loro obiettivi. Ma il lancio di un trio di veicoli spaziali verso il nostro vicino planetario più prossimo è un risultato importante e fa ben sperare per il futuro dell'esplorazione spaziale

0
708

Il 9 febbraio la sonda spaziale Hope degli Emirati Arabi Uniti dovrebbe entrare in orbita attorno a Marte dopo un viaggio di 450 milioni di chilometri durato sei mesi. 

Questo evento segnerà l’inizio di un mese storico per il Pianeta Rosso, che vedrà entrare in orbita o atterrare in superficie tre missioni inviate da tre diverse nazioni. Due dei paesi dietro queste missioni, Emirati Arabi Uniti e Cina, visiteranno Marte per la prima volta; diventeranno rispettivamente il quinto e il sesto paese a portare a termine l’impresa. La terza missione, lanciata dalla NASA, dovrebbe diventare la quindicesima missione degli Stati Uniti su Marte.

La sonda Hope degli Emirati Arabi Uniti sarà l’unica che si limiterà ad entrare in orbita.

Hope studierà l’atmosfera marziana da oltre 18.000 chilometri sopra la superficie. Gli scienziati planetari sperano che il robo-meteorologo degli Emirati Arabi Uniti colmerà le lacune nella nostra comprensione del clima marziano e aiuterà a convalidare i dati ambientali acquisiti da rover e lander a terra. 

Per la prima incursione del paese nell’esplorazione dello spazio profondo, l’agenzia spaziale degli Emirati Arabi Uniti ha lavorato con un team internazionale di ricercatori dell’Università del Colorado, per aiutare a pianificare la missione e costruire il veicolo spaziale.



Non ha davvero senso esplorare lo spazio senza aggiungere conoscenza, ed è la prima non abbiamo mai condotto una missione scientifica“, ha detto durante la una conferenza stampa la scorsa settimana la responsabile dell’agenzia spaziale degli Emirati Arabi Uniti. “Non è stato un viaggio facile, ma è stato un vero piacere pensare a come sviluppare una missione di esplorazione planetaria“.

Tianwen-1 e Perseverance presto su Marte

La sonda spaziale Hope sarà il primo nuovo orbiter attorno a Marte da quando la sonda ExoMars dell’Agenzia spaziale europea è arrivata nel 2016, ma non sarà la nuova arrivata per molto tempo. La missione cinese Tianwen-1, che comprende un lander, un rover e un orbiter, dovrebbe arrivare nell’orbita di Marte poco meno di 24 ore dopo. 

L’agenzia spaziale cinese non ha reso noti i suoi piani per l’atterraggio ma si prevede che il velivolo tenterà di scendere poco dopo aver raggiunto l’orbita.

A differenza dei rover marziani grandi come autoi della NASA, Curiosity e Opportunity, il rover cinese Tianwen-1 è abbastanza piccolo da poter essere riposto all’interno del lander che lo porterà in superficie. Una volta atterrato in sicurezza, il rover a sei ruote si staccherà dal lander e trascorrerà i prossimi tre mesi esplorando il suo sito di atterraggio, Utopia Planitia, il più grande cratere da impatto del pianeta. 

Il rover e il lander trasmetteranno entrambi i dati dalla superficie all’orbiter Tianwen-1, che li reinoltrerà sulla Terra. Sebbene l’Amministrazione spaziale nazionale cinese non abbia fornito molti dettagli sugli esatti obiettivi scientifici della sua missione, un documento al riguardo pubblicato lo scorso anno su Nature Astronomy afferma che l’obiettivo dell’agenzia è “eseguire un’indagine globale e approfondita dell’intero pianeta“.

Il 18 febbraio, poi, è previsto l’atterraggio del rover Perseverance della NASA. Ciò comporterà una rapida e pericolosa discesa verso la superficie, durante la quale il rover dovrà ridurre la sua velocità da più di 15.000 chilometri all’ora a pochi metri al secondo nel corso di 15 minuti. La discesa si concluderà con alcune acrobazie aeree, durante le quali una gru volante a razzo depositerà dolcemente il rover in superficie mentre librandosi a poche decine di metri dal suolo.

Nessuno si illuda che sia facile: atterrare su Marte è difficile“, ha dichiarato John McNamee, project manager per la missione Perseverance presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA. “Ma le donne e gli uomini di questa squadra sono i migliori al mondo in quello che fanno. Quando la nostra navicella raggiungerà la parte superiore dell’atmosfera di Marte ad una velocità di circa sei chilometri al secondo, saremo pronti“.

Perseverance è essenzialmente un’auto a guida autonoma a propulsione nucleare e la sua missione principale è quella di raccogliere campioni che saranno poi recuperati da un altro veicolo spaziale alla fine di questo decennio e portati sulla Terra. 

Con un po’ di fortuna, questa polvere rossa conterrà le prove che Marte un tempo ospitava vita microbica. Ma se gli scienziati saranno capaci di riconoscere la vita extraterrestre quando la vedranno rimane una questione aperta

Oltre alla caccia agli alieni, Perseverance consentirà anche una dimostrazione tecnologica unica nel suo genere che coinvolgerà un piccolo elicottero chiamato Ingenuity. Pochi giorni dopo l’atterraggio, Perseverance libererà l’elicottero in uno spazio aperto dove tenterà diversi brevi voli. Se funziona, sarà la prima volta che un aereomobile volerà su un altro pianeta.

L’arrivo di tre missioni nazionali su Marte nel giro di dieci giorni l’una dall’altra è un momento storico per l’esplorazione spaziale. Sottolinea il rapido sviluppo del volo spaziale in tutto il mondo e la vera internazionalizzazione dell’esplorazione planetaria. 

Marte una volta era l’esclusivo terreno di esplorazione degli Stati Uniti e dell’Unione Sovietica, ma ora è anche una destinazione accessibile per l’Unione Europea, il Giappone, l’India, gli Emirati Arabi Uniti e la Cina. 

Arrivare su Marte è ancora una sfida importante – storicamente solo il 40% delle missioni su Marte ha avuto successo – e non c’è alcuna garanzia che tutte e tre le missioni riusciranno nei loro obiettivi. Ma il lancio di un trio di veicoli spaziali verso il nostro vicino planetario più prossimo è un risultato importante e fa ben sperare per il futuro dell’esplorazione spaziale.

2