8.4 C
Rome
lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeAttualitàUcraina: come faremo a sapere se la guerra è iniziata?

Ucraina: come faremo a sapere se la guerra è iniziata?

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Il rischio di una guerra totale tra Russia e Ucraina compare nelle prime pagine dei giornali di tutto il mondo. Vengono poste tutte le domande ovvie. La Russia attaccherà? Il presidente Vladimir Putin è determinato ad invadere l’Ucraina, qualunque cosa accada? O la diplomazia può garantire la pace?

Ma non possiamo vedere nella mente del presidente Putin.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Quindi ecco un’altra domanda: come faremo a capire quando inizieranno le ostilità?

Movimenti di Carri armati e lancio di razzi

La risposta sembra ovvia.

Formazioni di carri armati russi che attraversano le frontiere dell’Ucraina, o un massiccio lancio di razzi o attacchi aerei contro le posizioni ucraine, segnerebbero una drammatica escalation della crisi e il passaggio a una nuova fase del conflitto.

I primi allarmi arriveranno dallo stesso esercito ucraino, ma i satelliti occidentali e gli aerei per la raccolta di informazioni potrebbero individuare in anticipo i preparativi per un’imminente offensiva.

Probabilmente ci saranno chiari segnali di un attacco imminente, afferma Michael Kofman, esperto dell’esercito russo presso il Center for Naval Analyses con sede negli Stati Uniti. Tra questi ci sono “l’equipaggiamento delle formazioni“, dice, dal momento che molto di ciò che è stato schierato è equipaggiamento pesante piuttosto che le truppe stesse. Altri segnali potrebbero essere “la movimentazione delle forze, un afflusso di elementi logistici e di supporto e uno spostamento nell’aviazione ad ala fissa e rotante“.
Ma la domanda può essere risolta anche in un altro modo e per questo dobbiamo fare un passo indietro e vedere la campagna russa contro l’Ucraina nella sua interezza.

Dobbiamo esaminare l’intero toolkit a disposizione di Mosca e valutare come viene utilizzato. E in questa luce, quando ci chiediamo come faremo a sapere se il conflitto è iniziato, allora la risposta potrebbe essere che è già iniziato.

Le ostilità in realtà sono in corso da alcuni anni.

Pressione militare

Cominciamo da dove siamo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La Russia occupa già la Crimea – parte dell’Ucraina – e fornisce assistenza tecnologica e logistica ai ribelli anti-Kiev nella regione del Donbas.

In effetti è stato l’intervento delle unità corazzate e meccanizzate russe contro le forze ucraine nel 2014 a impedire la sconfitta dei ribelli filo-russi. Da allora, ci sono stati combattimenti sporadici. Tutte le parti dovrebbero sostenere uno sforzo internazionale per la pace nell’area, ma sono stati fatti pochi progressi.

La minaccia militare

Oltre a questa pressione c’è anche la minaccia di impiegare una forza militare schiacciante.

L’accumulo di formazioni da combattimento russe attorno ai confini dell’Ucraina è straordinario. Ciò include un significativo dispiegamento di forze in Bielorussia – che condivide il suo confine meridionale con l’Ucraina – che potrebbe fornire un punto di partenza più vicino per un assalto alla stessa capitale ucraina Kiev.

La mappa mostra dove sono posizionate le truppe russe.

Questo spiegamento di forze è giustificato dai portavoce russi come un’esercitazione e in nessun senso deve essere inteso come una minaccia. Ma le sue dimensioni, la natura delle unità schierate e il graduale arrivo di rifornimenti e altri “abilitanti” suggeriscono che si tratta molto di più che semplici manovre di routine.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Gli analisti hanno seguito lo spiegamento utilizzando foto satellitari civili. Sono stati, inoltre, messi online numerosi video che mostrano treni di materiale diretti verso l’Ucraina o la Bielorussia. E le valutazioni dei post sui social media, correlate alle unità considerate in movimento, forniscono una visione straordinaria di ciò che sta accadendo.

Indipendentemente da ciò che può dire Mosca, l’Ucraina ed i suoi alleati in Occidente hanno tutte le ragioni per essere preoccupati.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Un altro strumento a disposizione di Mosca è il tentativo di influenzare la narrazione.

Da un lato la Russia dice che non si sta preparando alla guerra, anche se sembra proprio che lo stia facendo. Ma, cosa altrettanto importante, ha una storia da raccontare – una narrativa – dove, non è l’Ucraina ad essere una vittima ma, in realtà, è la stessa Russia a sentirsi minacciata.

Questa è la sostanza dei documenti consegnati agli Stati Uniti, documenti che chiedono di fermare e, in qualche modo, invertire l’espansione della Nato e creare una nuova sfera di influenza per Mosca.

Mentre alcuni aspetti delle preoccupazioni della Russia, come i colloqui sui sistemi d’arma strategici e di altro tipo, sono ampiamente visti come una buona idea, sull’allargamento della Nato è improbabile che ci siano cambiamenti – e probabilmente Putin lo sa.

Ma la narrazione ha anche un altro scopo. È la storia che la Russia racconta per cercare di plasmare il modo in cui l’intera crisi ucraina viene discussa, non solo dai governi occidentali o dai suoi stessi cittadini, ma da te e da me, che leggiamo e scriviamo.

Secondo tutta l’equa e rigorosa analisi indipendente, la Russia si sta preparando alla guerra con l’Ucraina, qualunque cosa possano dire i suoi portavoce ufficiali.

Sovversione

Ci sono anche altre possibilità nella cassetta degli attrezzi russa. Cyber-attacchi e sovversione, per esempio. L’Ucraina è già stata certamente oggetto dei primi. Poco più di una settimana fa diversi siti web governativi sono stati colpiti, anche se non è stato subito chiaro da dove provenisse l’attacco.

Più recentemente il governo del Regno Unito ha rivendicato la prova che Mosca ha selezionato individui per formare un nuovo governo a Kiev, sebbene, a prescindere dai sospetti, non ci sono prove pubbliche conclusive che confermino la mano di Mosca in tali attività.

Michael Kofman afferma che l’elemento informatico potrebbe essere una parte importante di qualsiasi attacco russo, perché può paralizzare infrastrutture critiche e interrompere la capacità dell’Ucraina di coordinare uno sforzo militare.

Linee sfocate tra guerra e pace

Quando la Russia si è impadronita della Crimea si è sentito molto parlare di “guerra ibrida” e di “guerra nella zona grigia” e della presunta negazione dell’operazione, i cui partecipanti, sebbene in uniforme, non indossavano insegne militari.

Ma non c’era dubbio su chi fossero queste truppe. E la Crimea fu presa con una forza militare vecchio stile, piuttosto che con qualche inganno esoterico.

Ciò che è in corso attualmente è l’essenza della “guerra nella zona grigia” – l’offuscamento del confine tra pace e guerra.

Scena di strada a KievFONTE IMMAGINE, GETTY IMAGES – La vita a Kiev continua

Non è così che tendiamo a vedere le cose in Occidente.

Ma l’esercito russo ha articolato una dottrina sofisticata che vede guerra e pace come un continuum in cui strumenti diversi vengono applicati in fasi diverse, a volte in sequenza, a volte insieme, sebbene con lo stesso obiettivo strategico.

E questo, in definitiva, è il motivo per cui il conflitto è già iniziato. L’unica domanda è fino a che punto del continuum della “zona grigia” è disposto ad andare il presidente Putin.

Articoli più letti